Caro-benzina, la prossima settimana incontro al Governo

Pronto il primo tavolo di lavoro tra Governo e associazioni consumatori sul problema carburanti.

16 aprile 2010 - 7:00

Il Governo tenta di mettere un freno al caro benzina che ha ormai raggiunto livelli ingiustificati rispetto al costo della materia prima: “Credo che nella settimana entrante il sottosegretario Saglia potrà riunire il tavolo per presentare la proposta del ministero che possa riuscire ad incidere a favore del consumatore sul prezzo finale della benzina”.

Lo ha confermato il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola.

“Stiamo lavorando da tempo – ha spiegato Scajola – sul tavolo del petrolio e dei carburanti. ci sono posizioni divergenti, ma su taluni aspetti significativi si sta raggiungendo una buona condivisione”.

Le associazioni consumatori, intanto lanciano una serie di proposte: razionalizzare la rete di distribuzione, arrivando “ad almeno 2.000 pompe bianche diffuse su tutto il territorio nazionale che permetteranno di risparmiare 7-8 centesimi al litro e calmierare i prezzi”. E' questo, secondo Adusbef e Federconsumatori, uno dei punti essenziali che dovrà essere contenuto nel progetto di riforma del settore carburanti che il governo si appresta a presentare alle parti interessate .

“Ci auguriamo che si tratti di misure concrete, che traducano in fatti, finalmente, le tante parole pronunciate finora in proposito”, affermano le associazioni. I consumatori chiedono anche la costituzione di una “commissione di controllo sulla doppia velocità”, l'abolizione dei millesimi dai prezzi e l'introduzione “strutturale” del meccanismo di compensazione accisa-Iva.

Prezzi, intanto, fermi anche ieri per la benzina, con le compagnie che scelgono la strada della prudenza in attesa di segnali certi dai mercati internazionali. Dopo i rialzi delle quotazioni di benzina e diesel alla chiusura dei mercati di lunedì, martedì entrambi i prodotti hanno registrato un deciso passo indietro nell'area del Mediterraneo, scivolando rispettivamente a 778 e 715,25 dlr/ton.

“Come conseguenza – fa sapere il Quotidiano Energia, i margini lordi sulla verde sono schizzati in alto rispetto alla media dei tre anni precedenti di 1,5-2 centesimi a seconda che si prenda in esame la modalità servito o self service, mentre quelli sul gasolio appaiono ieri erano in altalena rispetto al dato storico e rispettivamente a +0,6 e -0,2 centesimi. Sulla rete italiana, dunque, niente di nuovo da segnalare”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B