Mobilità 2021 in Italia

Bollo auto Sicilia 2022: come regolarizzare i mancati pagamenti

Informazioni sul pagamento del bollo auto 2022 in Sicilia con aggiornamenti sulle esenzioni previste per alcune categorie e info sui mancati versamenti

26 settembre 2022 - 10:30

Come funziona il pagamento del bollo auto in Sicilia nel 2022? Ci sono delle esenzioni o delle riduzioni e c’è la possibilità di regolarizzare i mancati pagamenti? Nelle prossime righe ricapitoliamo i capisaldi da conoscere, non prima di aver ricordato che la Regione Siciliana è convenzionata con l’ACI per l’attività di controllo e di riscossione della tassa automobilistica, e che per qualsiasi informazione sul bollo auto si può contattare un servizio di assistenza diretta, attivo dal lunedì al venerdì (9-13 e 14-18), telefonando al numero 091.7999010 o utilizzando questo form.

Aggiornamento del 26 settembre 2021 con l’aggiunta della procedura per regolarizzare i mancati pagamenti.

BOLLO AUTO SICILIA 2022: REGOLARIZZARE I MANCATI PAGAMENTI

In Sicilia si possono regolarizzare i mancati pagamenti del bollo auto, in scadenza tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2021, senza incorrere nelle sanzioni e senza dover pagare gli interessi. Lo prevede la legge regionale n. 16/2022 che si applica agli omessi o insufficienti versamenti della tassa automobilistica regionale, purché la regolarizzazione avvenga entro il 30 novembre 2022.

La regolarizzazione agevolata, rivolta sia alle persone fisiche che giuridiche, riguarda i mancati pagamenti già iscritti a ruolo per gli anni dal 2016 al 2019 (escluse le somme già versate all’agente della riscossione) e quelli degli anni 2020 e 2021 non ancora regolarizzati con i canali di riscossione ordinaria.

Sono invece esclusi:

i periodi d’imposta con decorrenza successiva al 31 dicembre 2021;
– i rapporti tributari definiti con sentenza passata in giudicato, e quei ruoli per i quali prima dell’entrata in vigore della legge erano già state avviate procedure esecutive.

Per le tasse automobilistiche iscritte unicamente a titolo di sanzioni e interessi, la Regione Siciliana procede allo sgravio purché, alla data di entrata in vigore della norma in questione, non siano già state avviate procedure esecutive.

Inoltre, per consentire l’adesione all’agevolazione e per evitare l’avvio di procedure cautelari o di azioni esecutive, si dispone la sospensione massiva dell’attività di riscossione dei ruoli coattivi del bollo auto fino al 31 gennaio 2023 (esclusi i procedimenti esecutivi già stati avviati). La sospensione non interrompe la notifica delle cartelle esattoriali.

Per aderire alla regolarizzazione agevolata, il pagamento si dovrà effettuare esclusivamente nelle delegazioni Aci e nelle agenzie di pratiche auto autorizzate. Per maggiori informazioni rimandiamo al decreto dirigenziale di riferimento.

BOLLO AUTO SICILIA 2022: CALCOLO E SCADENZA

In Sicilia il primo bollo per un veicolo nuovo deve essere versato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione. Se però quest’ultima è avvenuta negli ultimi 10 giorni del mese, la tassa si può pagare anche nel corso del mese successivo. La data di immatricolazione si rileva sulla carta di circolazione o sul documento unico. Importante: il pagamento del bollo auto è dovuto a decorrere dal mese in cui avviene l’immatricolazione conteggiando per intero la prima mensilità, anche se l’immatricolazione è avvenuta nell’ultimo giorno del mese. Inoltre:

Autovetture a benzina, benzina + GPL, benzina + metano, ecodiesel, con potenza fino a 35 KW. Il primo pagamento deve essere effettuato per un periodo superiore a 6 mesi e fino alla scadenza di gennaio o luglio immediatamente successiva ai 6 mesi predetti, per un massimo di 12 mesi;

Autovetture a benzina, benzina + GPL, benzina + metano, ecodiesel , con potenza da 36 KW in poi. Il primo pagamento deve essere effettuato per un periodo superiore a 8 mesi e fino alla scadenza di aprile, agosto o dicembre immediatamente successiva agli 8 mesi predetti, per un massimo di 12 mesi;

Motocicli. Il pagamento deve essere effettuato per un periodo non inferiore a 7 mesi e fino alla scadenza di gennaio o luglio immediatamente successive, per un massimo di 12 mesi;

Roulotte e altri veicoli soggetti a tassa fissa annua. Il pagamento va effettuato versando l’intero importo fisso annuo, a prescindere dalla data di immatricolazione, con validità fino al 31 dicembre successivo.

Per le altre casistiche vi rimandiamo direttamente alla pagina sul sito dell’ACI relativa ai termini di pagamento del bollo auto nuove nella Regione Sicilia.

Il pagamento per il rinnovo della tassa automobilistica di veicoli già circolanti dev’essere invece effettuato nel corso del mese successivo alla scadenza dell’ultima tassa dovuta. Esempio: per un bollo con scadenza maggio il versamento corrispondente si fa entro il mese di giugno.

Infine per il pagamento del bollo dei veicoli usati acquistati da un rivenditore autorizzato (conto vendita), se l’auto ha un bollo in corso di validità occorre rispettare la periodicità acquisita e pagare, secondo le normali regole, entro il mese successivo alla scadenza; se invece il concessionario ha chiesto l’esenzione dell’auto consegnata per la rivendita, si applicano le regole previste per il primo pagamento dei veicoli nuovi. Eseguendo quindi il versamento entro il mese durante il quale il veicolo è stato acquistato (fa fede la data di autentica notarile dell’atto di vendita).

Per calcolare l’importo da pagare del bollo auto Sicilia 2022 si può utilizzare il servizio online gratuito di ACI. Oppure prendere come riferimento la seguente tabella (clicca sull’immagine per visualizzarla più grande).

BOLLO AUTO 2022 SICILIA: ESENZIONI E RIDUZIONI

La Regione Sicilia contempla diverse agevolazioni per alcune categorie che sono esentate dal pagamento del bollo auto 2022. Oppure pagano un importo ridotto. Ecco le principali:

Veicoli storici ultratrentennali. I veicoli storici ultratrentennali non adibiti a uso professionale sono esenti dal pagamento della tassa automobilistica. L’esenzione è automatica e non occorre quindi presentare alcuna domanda né essere iscritti in un registro storico. Se però un veicolo ultratrentennale è posto in circolazione su strade e aree pubbliche è dovuta una tassa di circolazione forfettaria di 25,82 euro per gli autoveicoli. E di 10,33 euro per i motoveicoli.

Veicoli storici ultraventennali. Gli autoveicoli e motoveicoli con anzianità di immatricolazione compresa tra i 20 e i 29 anni e in possesso del certificato di rilevanza storica rilasciato da ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo o Storico FMI riportato sulla carta di circolazione, sono assoggettati al pagamento del bollo auto con una riduzione pari al 50%.

Vetture destinate ai disabili. È prevista l’esenzione dal pagamento del bollo auto per i veicoli destinati alla mobilità dei cittadini portatori di handicap o invalidi. Con limitazione di cilindrata: fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e ibridi benzina/elettrico; fino a 2800 cc per i veicoli diesel e ibridi gasolio/elettrico; e fino a 150 kW per i veicoli elettrici. Ulteriori informazioni qui.

Veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl, metano, con alimentazione ibrida o a idrogeno.

In Sicilia gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori elettrici a due, tre o quattro ruote, godono dell’esenzione dal pagamento del bollo auto per 5 anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione. Dopodiché per gli autoveicoli elettrici occorre corrispondere una tassa pari a 1/4 dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina. Mentre per i motocicli e i ciclomotori la tassa dev’essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli a uso promiscuo con alimentazione esclusiva a gpl o metano, purché conformi alle direttive europee in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di 1/4 del bollo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina.

Infine la Regione Siciliana ha disposto l’esenzione triennale per i veicoli immatricolati nuovi nel triennio 2019/2021 con: alimentazione ibrida elettrica/termica di tipo plug-in o full hybrid; e con alimentazione esclusiva a idrogeno.

Per altre informazioni e approfondimenti sul pagamento del bollo auto in Sicilia nel 2022 consulta il sito dell’ACI.

2 commenti

peppe221_15065879
12:21, 24 ottobre 2020

Salve, vorrei capire meglio questa esenzione , dato che io sono proprietario di un auto con i requisiti e non ho reddito, poichè vivo con i miei genitori posso fare domanda o no?

    Raffaele Dambra
    0:46, 27 ottobre 2020

    Salve, teoricamente credo di no se lei risulta fiscalmente a carico dei suoi genitori e se il loro reddito complessivo supera 15.000 euro. Le ricordo che i figli sono considerati fiscalmente a carico se non superano i 24 anni di età e hanno percepito nell’anno un reddito pari o inferiore a 4.000 euro, oppure se superano i 24 anni e hanno percepito un reddito pari o inferiore a 2.840,51 euro. Può comunque chiedere conferma agli uffici della Regione Siciliana scrivendo all’email certificata dipartimento.finanze@certmail.regione.sicilia.it.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?