Aumento dell'Iva: anche Opel offre l'1% di sconto

Per ora sono due (c'è anche Honda) le case automobilistiche che hanno deciso di offrire uno sconto supplementare dell'1%, pari all'aumento dell'Iva

17 settembre 2011 - 7:30

Il timore che l'aumento dell'aliquota Iva deprima ulteriormente il mercato dell'auto è forte e le case automobilistiche corrono ai ripari. Per ora sono due quelle che hanno deciso di neutralizzarlo concedendo ai clienti uno sconto pari all'1% che rende nullo l'impatto della manovra finanziaria sui listini.

GERMANIA E GIAPPONE – Anche Opel, come Honda, ha deciso di sfruttare l'aumento dell'aliquota Iva dal 20 al 21%, scattato alle 00.00 di oggi, per mettere in atto un'iniziativa promozionale: la differenza dell'1% sarà assorbita dalla casa tedesca per tutti i contratti ancora da evadere e per quelli stipulati fino alla fine del mese. L'iniziativa vale a patto che l'auto venga immatricolata entro il prossimo 31 dicembre e si aggiunge a tutte le campagne promozionali già in corso e agli sconti eventualmente concessi dalla rete di vendita.

MANOVRA A TENAGLIA – Evidentemente le case automobilistiche, o almeno alcune di esse, sono convinte che quell'1% in più sui listini possa avere un impatto negativo sulle vendite. Un timore giustificato, visto che l'incremento dell'imposta si aggiunge a quello dell'Ipt (l'Imposta provinciale di trascrizione) intervenuto con la manovra stessa, che farà crescere significativamente il costo dell'immatricolazione delle auto nuove e del passaggio di proprietà di quelle usate. Insomma, una specie di manovra a tenaglia sugli automobilisti che interviene proprio in un momento di grave difficoltà per il mercato sottolineato più volte dai comunicati delle varie associazionei di categoria della filiera dell'automobile.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage