Aggressività al volante: alcune ricerche ci spiegano perchè

In questo articolo soffermiamo la nostra attenzione su un concetto accennato precedentemente, ovvero la road rage o rabbia stradale. Per molto tempo gli psicologi del traffico hanno cercato di...

8 aprile 2010 - 17:56

In questo articolo soffermiamo la nostra attenzione su un concetto accennato precedentemente, ovvero la road rage o rabbia stradale. Per molto tempo gli psicologi del traffico hanno cercato di capire perché l'aggressività al volante sia così diffusa.

Con il termine road rage si fa riferimento ad aggressioni verbali e/o fisiche da parte di un conducente verso un altro. Alcuni ricercatori sostengono che la rabbia sarebbe stimolata dalla mancanza di contatto umano e dall'anonimato che deriva dall'abitacolo.

In altre parole l'essere soli porterebbe le persone a sfogare maggiormente le loro emozioni negative.

Questa ipotesi è avallata da un'altra ricerca, a cura di Patricia Ellison, che ha avuto l'obiettivo di mettere in evidenza quanto la presenza o meno del tettuccio in macchina condizionava il modo di guidare dei soggetti.

Tra le 289 persone sottoposte ad un viaggio simulato in condizioni realistiche, quelle che conducevano una macchina con il tettuccio aperto guidavano più lentamente, commettendo meno infrazioni del CdS.  Allora, viene da chiedersi, il carattere della persona è irrilevante? Anche una persona flemmatica diventa aggressiva alla guida?

Ebbene, altre ricerche hanno tuttavia evidenziato come lo stile di guida individuale abbia una componente che deriva dalla personalità. In un sondaggio condotto su 171 automobilisti inglesi e pubblicato nel 2008 si è evidenziata una stretta correlazione tra il temperamento aggressivo del guidatore e il numero delle trasgressioni al codice della strada.

Pertanto la rabbia è semplicemente il frutto di spazi chiusi e/o aggressività personale?

La psicologia viaria sta spingendo molto in piede sull'acceleratore proprio perché il fattore umano non può essere trascurato quando pensiamo agli interventi sulla sicurezza stradale. Tuttavia quando si parla di trovare una spiegazione ai comportamenti umani sono tante le variabili che entrano in gioco. Quindi non sempre le nostre reazioni sono identiche e possono mutare al variare delle condizioni personali e ambientali.

Un esempio potrebbe essere: oggi sono uscita di casa arrabbiata perché ho litigato con mio marito. Uno mi taglia la strada ed io mi imbufalisco. La stessa situazione mi accade in un altro giorno, ma siccome sono serena interiormente, la cosa non mi tocca. Magari un'altra persona nelle stesse condizioni si sarebbe arrabbiata comunque.

In tema di road rage pertanto una variabile fondamentale è il modo, assolutamente personale, in cui ciascuno gestisce e controlla le proprie emozioni e reazioni.

Aurora Randazzo, Psicologa

1 commento

franco
19:00, 8 settembre 2010

sempre interessanti ed approfonditi articoli

POTRESTI ESSERTI PERSO

Auto usate: gli italiani hanno speso 7 mila euro in più nel 2018

Consiglio acquisto crossover: budget fino a 15.000 euro

Come vengono prodotte le auto, dall’ordine alla consegna