Arriva un nuovo sistema di monitoraggio della pressione (TPMS)

TRW presenta un nuovo sistema ibrido di monitoraggio della pressione degli pneumatici, utilizzerà due tecnologie in parallelo

6 marzo 2012 - 12:00

TRW Automotive, una delle più grandi aziende del settore “primo equipaggiamento”, ha sviluppato un sistema di monitoraggio della pressione pneumatici (tire pressure monitoring system, TPMS) di nuova generazione, di tipo ibrido, che utilizza una combinazione di tecnologie di rilevamento per la funzionalità di localizzazione automatica. Il suo ingresso in produzione è previsto per il 2013.

SISTEMA MULTIPLO – Questo sistema utilizza sensori TPMS di tipo base, montati direttamente sulle ruote, che misurano la pressione e la temperatura dell'aria all'interno dello pneumatico. Abbinando tali dati a quelli provenienti dai sensori di velocità ruote dell'ABS/ESC è possibile localizzare e comunicare al guidatore la presenza di uno o più pneumatici con pressione di gonfiaggio insufficiente. Martin Thoone, Vicepresidente, Electronics Engineering di TRW, ha dichiarato: “Il nostro nuovo sistema ibrido offre il vantaggio di un sistema di localizzazione automatica, non richiedendo l'installazione di componenti elettronici aggiuntivi, precedentemente necessari per individuare la posizione dei sensori. Inoltre, il ricevitore può essere posizionato all'interno della vettura, con conseguente riduzione dei costi di installazione, risultando il più conveniente sistema di localizzazione automatica disponibile”.

4 SENSORI – Come per gli attuali sistemi di monitoraggio diretto della pressione pneumatici TRW (TPMS), questa tecnologia prevede l'utilizzo di quattro sensori di tipo base montati sulle ruote che monitorano direttamente la pressione dei singoli pneumatici, non richiedendo più la presenza di iniziatori elettronici, in precedenza necessari per individuare la posizione dei sensori. Il ricevitore tipicamente è installato all'interno dell'abitacolo, ed è in grado di individuare la posizione degli pneumatici combinando i dati provenienti dai sensori nel sistema TPMS con quelli dei sensori dell'ABS/ESC della vettura. Thoone ha così concluso: “Anche se TRW offre già alla propria clientela sistemi TPMS indiretti, siamo convinti che i sistemi TPMS diretti rappresentino la soluzione tecnica più indicata sia dal punto di vista della sicurezza degli pneumatici sia per contribuire a ridurre le emissioni di CO2 e ottimizzare il consumo di carburante.

SETTORE IN CRESCITA – A seguito delle nuove regolamentazioni già in fase di approvazione in Europa e Asia, che renderà obbligatorio il TPMS sulle auto nuove, TRW prevede un'ulteriore espansione di questo settore nei prossimi 5-10 anni e pertanto “continueremo a sviluppare la nostra gamma di tecnologie TPMS per offrire una soluzione più economica alla nostra clientela. La nostra tecnologia TPMS ibrida rappresenta un importante passo avanti in questa direzione” ha concluso Thoone.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team