Arriva lo stop del prefetto ai cartelloni in autostrada

Con un'ordinanza è stata decretata la rimozione di tutti i 63 tabellonipubblicitari disposti ai lati dell'A14. Il codice stradaleinfatti vieta "qualsiasi forma di pubblicità...

31 dicembre 2008 - 15:10

Con un'ordinanza è stata decretata la rimozione di tutti i 63 tabellonipubblicitari disposti ai lati dell'A14. Il codice stradaleinfatti vieta “qualsiasi forma di pubblicità lungo e in vista delleautostrade e relativi accessi”

Via tutti i cartelloni pubblicitari lungo l'A14.L'ordine perentorio è partito direttamente dal Prefetto di Rimini. Le'Iene' di Italia 1 mettono a segno un altro colpo grazie al servizio didenuncia realizzato lo scorso ottobre in cui si faceva notare la fittapresenza di cartelloni, anche di grande dimensione, posti ai bordidell'autostrada in entrabi i sensi di marcia. Spazi pubblicitari diogni genere dall'abbigliamento all'arredamento, dalle calzature aiprodotti per la casa.

Nonostante il codice della strada vietil’installazione di cartelloni pubblicitari lungo le autostrade, ilfenomeno ha assunto dimensioni assai rilevanti: nella sola provincia diRimini ce ne sono infatti 63.
Il prefetto, preso atto della situazione e nonostante le storture chesviliscono il rigore legislativo, ha emesso un’ordinanza per disporrela ‘’rimozione immediata e senza indugio di tutta la cartellonisticastradale’’.

L’articolo 23 del codice della strada che,pur prevedendo deroghe per i centri urbani, vieta la pubblicità lungole strade, al settimo comma lascia pochi spazi all’interpretazione:‘’E’ vietata – si legge nel codice – qualsiasi forma di pubblicitàlungo e in vista degli itinerari internazionali, delle autostrade edelle strade extraurbane principali e relativi accessi’’.

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)