Arriva G6 Touring, la prima app per iPhone dedicata ai turisti

La presenta AvMap in collaborazione con il Touring Club Italiano. Offre molte interessanti funzionalità per i globetrotters, ma costa piuttosto cara

26 gennaio 2011 - 6:00

È da oggi disponibile una nuova applicazione per iPhone realizzata da AvMap in collaborazione con Touring Editore (la casa editrice del Touring Club Italiano). È dedicata a chi desidera un navigatore satellitare che, oltre alle consuete prerogative, offra prestazioni specifiche per gli amanti del turismo. L'applicazione si chiama G6 Touring e offre le stesse caratteristiche dell'omonimo navigatore satellitare presentato qualche mese fa. Il software (che include mappe fornite da TeleAtlas per Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano) consente di visualizzare più di 17 mila punti d'interesse (ristoranti, hotel e attrazioni) relativi a 813 località di elevato interesse turistico. Per ciascuna di esse vengono forniti la maggior parte dei dati utili a una visita (giorno di chiusura, carte di credito accettate, prezzo, orario di apertura/chiusura, eventuale accesso per i disabili e così via).

49,99 EURO – Inoltre, vi sono 75 itinerari precaricati con l'elenco dei 6 mila esercizi convenzionati che riservano sconti ai soci del TCI. Gli itinerari possono essere suddivisi per regione e visualizzati per percorsi a piedi, in bicicletta o in auto e sono corredati da foto e files audio esplicativi. Il prezzo di G6 Toring è stato fissato in 49,99 euro, una somma non certo contenuta se si pensa che gli utenti di iPhone sono ormai abituati a scaricare applicazioni che costano pochi euro. AvMap, che rappresenta l'unico produttore italiano di satellitari con visibilità sul mercato mondiale, intende presentare in futuro altre applicazione specializzate dedicate al mondo iPhone.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 14 gennaio 2021: spostamenti vietati anche tra regioni in zona gialla [PDF]

Vision Zero: la maggior parte di automobilisti non sa cos’è

Pass invalidi

Pass invalidi falsificato: la Cassazione esclude la tenuità del fatto