"Bob?, l'autista sobrio che riporta a casa chi ha bevuto

Verrà scelto all'ingresso di due discoteche del varesotto e se manterrà l'impegno a non bere riceverà degli omaggi. Buona idea, ma perché non adottarla in permanenza?

16 dicembre 2010 - 6:00

Prosegue la campagna “Brindo con prudenza”, nata nel 2006 e giunta ormai al quinto appuntamento. L'edizione 2010, presentata il 15 dicembre (vedi foto), coinvolge le città di Brescia, Riccione, Rimini, Trento e Varese e prevede che nelle notti tra il 17 e il 18 dicembre, tra il 31 dicembre e il 1° gennaio 2011 e tra il 5 e il 6 gennaio, all'esterno di alcune discoteche delle città citate che hanno aderito all'iniziativa verranno collocati degli stand dove personale della Polizia Stradale, della Polizia Locale e della Fondazione ANIA (che sta patrocinando la campagna insieme al ministero dell'Interno) sensibilizzeranno i giovani sui rischi connessi alla guida in stato di ebbrezza dovuta a eccesso di alcol o all'uso di stupefacenti.

“BOB” NON BEVE – La parte forse più interessante dell'edizione di quest'anno, però (anche se  l'idea non è nuova: è stata messa in pratica per la prima volta all'estero e qualche volta anche in Italia ), è quella che riguarda  “Bob”, il nome convenzionale scelto per l'”autista designato”, cioè una persona che accetterà di rimanere sobria nel corso della serata danzante e che al termne si assumerà il compito di accompagnare a casa in auto gli amici. Ovviamente all'uscita dei locali il tasso alcolemico dei “Bob” della serata, che indosseranno un braccialetto, verrà controllato per verificare che gli autisti designati abbiano rispettato l'impegno a non bere alcolici. Se l'avranno fatto, per loro ci saranno dei gadget e ingressi gratis in discoteca. Le altre iniziative di “Brindo con prudenza” prevedono una campagna informativa presso altri locai notturni e nelle scuole superiori, che riceveranno un apposito kit contenente materiale informativo e locandine da appendere negli istituti. L'dea del “Bob” ci sembra un'iniziativa intelligente per sensibilizzare i giovani a non bere prima di mettersi alla guida di un veicolo e per incentivare con dei premi l'adozione di comportamenti virtuosi.

I LIMITI – Quel che non è molto chiaro è il motivo per cui simili iniziative siano adottate con un orizzonte temporale limitato a poche notti. Almeno per un certo periodo di tempo, invece, dovrebbero essere estese, magari rendendole un appuntamento costante nel corso di tutti i weekend dell'anno. Inoltre, è un vero peccato (e la cosa lascia parecchio perplessi, vista l'importanza degli enti e delle istituzioni che supportano l'iniziativa) che il progetto coinvolga soltanto pochissimi locali notturni. A Varese, per esempio, sono appena due, i disco-pub “La Fenice” e “zsa Zsa”, cioè una sparuta minoranza rispetto a quelli in attività.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)