Area C Milano: le ultime informazioni utili

Due milioni di volantini, 100.000 cartoline, manifesti nelle tre metropolitane: è tutto pronto per l'esordio dell'Area C di Milano

11 gennaio 2012 - 7:00

Il Comune di Milano prepara nei dettagli l'esordio dell'Area C (di cui vi abbiamo già spiegato tutto sul ticket, sui mezzi pubblici potenziati e sulle domande più ricorrenti tra i milanesi), il pedaggio d'ingresso in centro (la Cerchia dei Bastioni), al via il 16 gennaio prossimo: s'intensifica la campagna di informazione, attrraverso due milioni di volantini e 100.000 cartoline distribuiti in giro per la città e nell'hinterland. Senza contare i poster nelle scuole e le affissioni nelle tre metropolitane.

A TAPPETO – Nel centro di Milano un gruppo di otto persone girerà per fare il porta a porta nelle case dei volantini informativi, spostandosi a bordo di ciclomotori elettrici o su prototipi di tricicli ecologici CityQPoint, mentre nei parcheggi di corrispondenza delle metropolitane le bici cargo con grafica Area C di UBM (Urban Bike Messengers) distribuiranno dépliant. Nel frattempo, 20 ragazzi con pettorine Area C presidieranno i varchi principali, fino al 27 gennaio. Proseguirà l'azione di Green Graffiti, cominciata in occasione della partita Inter-Parma di sabato 7 a San Siro: una tecnica ecologica che fa comparire sull'asfalto, tramite getti di liquido pulente, la scritta “Area C”, il sito areac.it e l'infoline 020202. Infine, saranno recapitati nei centri cucina di Milano Ristorazione i poster con le nuove regole per entrare nell'Area C, che saranno poi esposti nelle bacheche di 415 scuole: 144 primarie, 177 d'infanzia comunali, 22 d'infanzia statali e 72 secondarie di primo grado.

DUPLICE OBIETTIVO – Da una parte, la Giunta Pisapia intende informare che l'Area C sta per nascere e illustrare tutti i modi per pagare il ticket; dall'altra vuole evitare gli equivoci dell'Ecopass dell'ex sindaco Moratti, quando la cartellonistica inadeguata e improvvisi divieti di transito (in contemporanea con l'esordio del ticket) portarono a migliaia di multe contestate davanti ai Giudici di pace.

DOPO LA LETTERA – Il tutto fa seguito alla lettera, scritta dal sindaco Pisapia, che 700.000 famiglie stanno ricevendo, in cui si spiegano le ragioni della nascita dell'Area C. Come scrive il primo cittadino, col nuovo pedaggio si rispetta il volere dei cittadini, che hanno votato sì ai referendum del 12 e 13 giugno 2011. Il testo del primo quesito, infatti, si riferiva all'estensione a tutti i veicoli del sistema di accesso a pagamento: “un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità pulita alternativa all'auto, attraverso l'estensione a tutti gli autoveicoli (esclusi quelli a emissione zero) e l'allargamento progressivo fino alla cerchia filoviaria del sistema di accesso a pagamento, con l'obiettivo di dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti”. Nella missiva, il sindaco ricorda che gli introiti dell'Area C verranno destinati a interventi a favore della mobilità dolce: piste ciclabili, zone pedonali, potenziamento del trasporto pubblico sia in città sia di collegamento tra Milano e l'hinterland. Un cambiamento sull'esempio di Londra a Stoccolma, dove da diversi anni sono attive forme di congestion charge.

PER I RESIDENTI – Il Comune specifica inoltre che, per i residenti nella Cerchia dei Bastioni che accedano nel centro tra le 7.30 e le 19.30 dal lunedì al venerdì (nei giorni feriali), è riservato un pacchetto di 40 accessi gratuiti su base annua e poi un titolo d'ingresso a 2 euro. Sono da considerarsi associati alla persona: se sarà necessario effettuare un cambio di targa (una sola volta al giorno e con validità dalla giornata successiva), gli accessi continueranno a essere scalati dal punto in cui si era arrivati. Ingressi gratuiti e successivi tagliandi a 2 euro avranno validità giornaliera: una volta entrati in Area C verrà scalato un solo accesso al giorno. I residenti saranno inoltre derogati per un anno, fino al 31 dicembre 2012, dal divieto d'accesso per i diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato. Secondo l'Agenzia mobilità ambiente territorio (Amat), effettuato su dati reali ottenuti tramite le telecamere dell'Ecopass, il 50% dei veicoli di residenti è passato dai varchi, negli orari di attivazione del provvedimento, meno di 40 giorni in un anno; quindi, almeno la metà dei residenti non pagherà il pedaggio. Per accedere alle agevolazioni riservate a residenti, domiciliati e con box di pertinenza all'interno della Cerchia dei Bastioni, sarà necessario registrarsi, dal 16 gennaio ed entro il 17 marzo 2012, sul sito internet di Area C, al call center 800.437.437 o presso l'ufficio dedicato in piazza Duomo 19/A. La registrazione richiederà la presentazione del codice fiscale, a cui verranno associati una patente e una targa di un veicolo di proprietà o in uso esclusivo. Il Pin che viene rilasciato all'atto della registrazione potrà essere ricaricato attraverso il sito Internet, il call center e gli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo, per usufruire della successiva tariffa agevolata a 2 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?