Area C Milano, incidenti dimezzati: le Rca caleranno?

In un mese, nel centro di Milano, sinistri calati della metà grazie al nuovo ticket: le Assicurazioni ne terranno conto?

17 febbraio 2012 - 12:00

Partiamo dal comunicato del Comune di Milano sul primo mese di funzionamento dell'Area C (nata il 16 gennaio 2012): ci sono stati oltre 700.000 ingressi in meno nella Zona a traffico limitato nella Cerchia dei Bastioni. Una media di 40.000 accessi in meno al giorno (-33%): in termini di code risparmiate (200 chilometri), corrisponde alla distanza tra Milano e Bologna. È stata liberata dal traffico una superficie pari a 56 campi di calcio delle dimensioni dello stadio di San Siro (400.000 metri quadrati). E fin qui, è quello che ci si attende da un provvedimento/tassa chiamato congestion charge, ossia contro la congestione, contro il traffico. Ma il Comune dice che, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il tasso di incidentalità è calato del 51,75% all'interno di Area C. Ecco, questa è a nostro avviso la notizia vera.

A LUNGO TERMINE? – Dunque, in centro, nel periodo che va dal 16 gennaio al 16 febbraio 2012, i sinistri si sono dimezzati rispetto ai “30 giorni” che vanno dal 16 gennaio al 16 febbraio 2011. Siccome da sempre le Assicurazioni legano le tariffe Rc auto ai sinistri, ai costi dei risarcimenti, con enorme importanza riservata alle microlesioni da incidenti in città, parrebbe logico supporre che le tariffe Rca dei milanesi possano scendere. È vero che gli incidenti in esame riguardano solo la Cerchia dei Bastioni; così com'è vero che un mese di Area C non ha un peso determinante, perché vanno valutati gli effetti del pedaggio sul lungo termine; pur tuttavia le Compagnie dovranno prima o poi tenere conto di qualche fattore positivo, a favore degli assicurati. Ogni volta che i sinistri aumentano, le Assicurazioni s'affrettano a spiegare che le tariffe non possono non salire.

OCCASIONE D'ORO – Questa potrebbe essere l'occasione d'oro, per il Comune di Milano, per lanciare l'Area C. Al di là dei risultati sul traffico, e sullo smog, ci sono considerazioni altrettanto pratiche, che interessano il portafogli (sempre più leggero) degli automobilisti: la Rca. Chissà che il Comune non ci legga…

SINDACO SODDISFATTO – In ogni caso, il sindaco Giuliano Pisapia si ritiene soddisfatto: “I risultati, a un mese dall'avvio di Area C, ci dicono che abbiamo imboccato la strada giusta. Il provvedimento nato per diminuire il traffico delle auto nel centro della città sta funzionando anche meglio di quanto avessimo preventivato, senza appesantire la circolazione fuori dalla Cerchia dei Bastioni. Ciò ha reso anche il trasporto pubblico più puntuale ed efficiente“. Sulla stessa linea l'assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran: “La riduzione delle auto e l'incremento dei passeggeri sui mezzi pubblici dimostrano che i milanesi stanno cambiando abitudini, avvicinando la nostra città alle migliori esperienze europee”.

CHI RIGUARDA – Il calo del traffico si riferisce, per il 30%, agli ingressi dei residenti, per il 18% a quelli dei veicoli di servizio e per il 47% a quelli delle auto private di non residenti. Il numero complessivo degli accessi in Area C è variato in questo primo mese da un minimo di 67.000 (23 gennaio) a un massimo di 91.700 (9 febbraio), a fronte di una media di 122.000 ingressi nella settimana precedente all'avvio di Area C. Il calo del traffico è più forte nelle prime due ore della mattina (7.30-9.30), momento in cui registra un -40%, con punte del -50%.

SI PAGA CON IL TELEPASS – E ora c'è un nuovo modo per pagare il ticket d'accesso all'Area C: chi è cliente del conto Telepass potrà accedere al sito telepass.it attivando il servizio di pagamento dell'Area C sulle targhe abbinate alla tradizionale “scatola grigia” (senza costi aggiuntivi). Comunque, il sistema di accesso funziona attraverso la lettura della targa del veicolo: nei varchi elettronici, le telecamere dell'Atm (Azienda trasporti milanesi) riconoscono le targhe. Basta incrociare le informazioni con la banca dati dei clienti Telepass e il gioco è fatto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici