Alla Cattolica di Milano un convegno sulla psicologia del traffico

L'11 giugno l'Unità di Ricerca Psicologia del Traffico Università Cattolica di Milano organizza un importante convegno sulla psicologia viaria.

6 giugno 2011 - 7:00

Si terrà l'11 giugno presso l'aula PIO XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (Largo A. Gemelli n.1), un convegno sulla sicurezza stradale che si focalizzerà sul fattore umano. Uno dei principali responsabili dell'elevato numero d'incidenti che ancora oggi avvengono sulle nostre strade. In occasione del convegno veranno altresì diplomati i primi psicologi del traffico formati dall'Unità di ricerca in psicologia del traffico della stessa università.

OBIETTIVO MANCATO – La sicurezza stradale è ad oggi ancora una sfida e non un obiettivo raggiunto, lavorare sulla sicurezza significa da un lato affrontare l'emergenza dell'incidentalità stradale, dall'altro rispetto al sistema traffico potenziando la mobilità sostenibile. Con il 2010, è terminata la decade alla fine della quale l'Europa si aspettava il dimezzamento delle vittime. L'obiettivo, in Italia, non è stato pienamente raggiunto. Tuttavia i risultati conseguiti incoraggiano nel proseguire e potenziare gli interventi in quest'ambito.

MOMENTO DI CONFRONTO – Il convegno dell'11 giugno si propone come un momento di confronto tra psicologi e figure professionali del settore. Verrà considerata la sicurezza rispetto alle caratteristiche dei veicoli, alle infrastrutture, approfondendo ovviamente il ruolo del fattore umano, fattore che interviene nell'80% degli incidenti stradale. Il seminario è l'evento conclusivo del corso di alta formazione in Psicologia del traffico. Verranno quindi diplomati i primi psicologi del traffico formati dall'Unità di ricerca in psicologia del traffico del Dipartimento di Psicologia dell'Università Cattolica di Milano e con l'occasione sarà organizzata una “poster session” molto utile per permettere ai vari partecipanti di confrontarsi e conoscersi. A questa importe sessione sarà presente anche SicurAUTO.it

RICERCA E STAGE – “Il contributo dello psicologo del traffico alla sicurezza stradale – afferma la prof. Maria Rita Ciceri responsabile dell'unità di ricerca – viene evidenziato dai lavori di ricerca e stage dei nostri neo-specialisti: interventi di educazione al rischio nelle scuole, di monitoraggio e valutazione della pericolosità delle strade per le amministrazioni comunali, consulenze per perizie di incidenti stradali, valutazioni di idoneità dei driver, interventi di formazione presso le scuole guida e presso centri di guida sicura”.

Il programma completo nel pdf in allegato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Costi auto 2020: -7,4% per assicurazione, carburante e bollo in Italia

Tamponamento da auto sconosciuta

Tamponamento da auto sconosciuta: chi copre i danni?

FCA – PSA: perché l’Antitrust UE darà l’ok alla fusione