Alcol: il ritiro della patente funziona?

Patente sospesa per ebbrezza: un video fa riflettere sull'efficacia del provvedimento

3 settembre 2012 - 6:00

Per combattere il fenomeno degli incidenti per guida in stato d'ebbrezza, il legislatore ha pensato anche a provvedimenti che riguardano la patente, come il ritiro della stessa per un certo periodo, a seconda della gravità del fatto. Ma il video il basso (riprese di Marco Petruzzelli, www.tvreporter.it) impone una riflessione.

DI NOTTE – La scena del filmato è da brividi: una persona ubriaca, a cui è stata sospesa la patente per lungo tempo, sfreccia col rosso sotto il naso della Polstrada, a Roma (via Cristoforo Colombo), nel cuore della notte, in un incrocio pericolosissimo di per sé. La macchina va a tutta velocità, di sicuro oltre i limiti. Così le infrazioni sono come minimo due: eccesso di velocità, passaggio col rosso. Ma la volante acciuffa il guidatore (pare su una Fiat 500 scura). Sin dai primi sintomi si evince che è ubriaco, come confermerà l'alcoltest; il fatto è che il conducente, con la patente già sospesa da tempo, non potrebbe essere al volante. Non ce la sentiamo di soffermarci sulle espressioni dei poliziotti che ci pare di percepire (“Sei cretino o che?”, “La macchina è intestata alla madre del cogl…. passeggero”): sono piuttosto comprensibili di fronte a un comportamento così imprudente, visto che bastava un nonnulla perché si verificasse un incidente mortale. Il cuore della questione è che il conducente già non poteva stare alla guida: allora, serve davvero il ritiro (la sospensione per un certo periodo) della patente per guida in stato d'ebbrezza?

MOLTO ATTUALE – Attenzione, perché il problema sta per riproporsi. Un Disegno di legge, che verrà discusso a breve in Parlamento, prevede infatti che i guidatori – se causano sinistri in stato alterato – subiscano il ritiro prolungato della patente, fino a 15 anni nei casi più gravi. Una norma che dovrebbe combattere sia la guida sotto l'effetto di stupefacenti sia la pirateria stradale (strettamente connessa all'alcol, visto che un terzo dei pirati poi acciuffatti dalle Forze dell'ordine è positivo all'alcoltest). Al di là dell'ennesimo giro di vite che riguarda gli alcolici (per prevenire comportamenti criminali, come quelli dell'automobilista nel video), forse è il caso di interrogarsi se serva piuttosto una profonda opera di sensibilizzazione e informazione, che parte dalle scuole e prosegua con insistenza sui mass media, unita a controlli più frequenti sulle strade.

5 commenti

Daniele
16:38, 3 settembre 2012

A prescindere dall'arroganza e maleducazione dell'agente (che solo per questo meriterebbe… vabbè, meglio lasciar perdere!!!) non credo che tutti gli automoblisti a cui è stata ritirata la patente siano altrettanto incoscienti come il soggetto visto nel video: dubito che molti di essi, che durante la giornata si fanno accompagnare al lavoro dalla moglie/fidanzata/papà, alla sera si mettano al volante dell'auto. Il ritiro della patente funziona per le persone responsabili, ma sono d'accordo sulla parte finale dell'articolo ( forse è il caso di interrogarsi se serva piuttosto una profonda opera di sensibilizzazione e informazione, che parte dalle scuole e prosegua con insistenza sui mass media, unita a controlli più frequenti sulle strade.), della serie prevenire è meglio che curare.
p.s. domanda stupida: perchè alla fine del video conto in tutto tre “pantere”? è solo un caso che le altre due si siano fermate per curiosità o è la prassi impegnare tutte quelle risorse per un controllo del genere? perchè se fosse vera la seconda ipotesi lo trovo uno spreco a dir poco assurdo.

Daniele
0:45, 4 settembre 2012

Greg, io non ho detto che l'agente avrebbe dovuto essere “carino”,ma nemmeno cafone, perchè cafone è stato: ad una persona che fermi non ti puoi rivolgere in quel modo. Un conto è fare chiacchiere al bar e lasciarsi scappare una simile affermazione/frase, un altro è se indossi la divisa…

Vasco
13:43, 4 settembre 2012

Ma vogliamo smetterla con queste buffonate? Con le sanzioni e violenza, non si è mai risolto nulla. I problemi vanno risolti alla radice con la prevenzione: insegnamento e sopratutto “esempio”. Ma il sistema sembra sordo a queste soluzioni! Non sarà per caso voluto? Le autorità la devono smettere di accanirsi contro la gente, che ha già un sacco di problemi (quelli che sentiamo continuamente sui “media”.

Se fossimo qualche anno indietro, sarebbe già scoppiata qualche rivolta popolare. Ora siamo in un recinto per animali e se qualcuno si ribella “giù botte”. Riflettete gente, riflettete.

Greg
16:38, 4 settembre 2012

A vasco Tescari, ma se malauguratamente da quell'incroncio fosse passato un suo caro amico o parente, e quel pazzo lo avrebbe travolto e ucciso, parlerebbe ancora così??
Per fortuna questa volta non si è fatto male nessuno, ma personalmente ho visto troppe persone morire per colpa di gente così!

laky
2:26, 20 agosto 2013

Queste leggi servono solo a rovinare poveri ragazzi che si passano un sabato sera divertendosi un po… non si puo rovinare la vita a qualcuno per la sola presunzione che te potresti farlo ad altri… qui è lo stato che compie il reato per primo. .. solo nelle dittature succedeva così

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP