Questo sito contribuisce alla audience de

A3: soccorsi lenti e auto bloccate dalla neve. Il Prefetto duro con l'Anas

Il Prefetto di Cosenza critico sul mancato spargimento del sale in tempo utile e decisione lenta dell'Anas sull'obbligo delle catene

A3: soccorsi lenti e auto bloccate dalla neve. Il Prefetto duro con l'Anas
Prima la bufera di neve, poi la bufera sull'Anas. Per la trappola di ghiaccio. È successo che, il 20 gennaio, numerosi automobilisti sono rimasti in panne sulla A3 Salerno-Reggio Calabria nel tratto compreso tra Cosenza e Altilia Grimaldi, dopo le forti nevicate (oltre 30 centimetri caduti in breve tempo), che hanno provocato blocchi dal km 261 al km 263 in direzione sud e dal km 277 al km 286 in direzione nord. Ovviamente, poco alla volta, sono stati liberati circa 200 veicoli leggeri e sono stati guidati fuori dall'autostrada da safety-car dell'Anas e della Polizia stradale fino allo svincolo più vicino. Stando all'Anas, il lavoro delle squadre del gestore è stato ininterrotto con oltre 50 uomini su strada e circa 25 mezzi spazzaneve e spargisale per rimuovere le interruzioni causate dai mezzi pesanti in traversati a causa delle intense nevicate delle ultime ore e assistere, anche con informazioni, gli automobilisti e i passeggeri rimasti bloccati. Dice l'Anas che le attività hanno consentito, in collaborazione con la Polizia stradale e la Protezione civile, di raggiungere e prestare soccorso a centinaia di persone rimaste a bordo delle loro auto. 

ARMANI SU TUTTE LE FURIE

"È inammissibile che centinaia di automobilisti siano rimasti bloccati per tante ore su un'autostrada. È evidente che qualcosa non ha funzionato": il presidente Anas, Gianni Vittorio Armani ha attivato il commissariamento della struttura di esercizio dell'A3, autostrada eternamente "maledetta", perché al centro di polemiche violente (in passato s'è parlato di infiltrazione mafiose negli appalti) e perché la sua costruzione, nonostante ripetuti annunci, non ha mai fine (vedi qui). "Da una prima analisi di quanto accaduto, il mancato o ritardato filtraggio da parte di Anas dei mezzi privi delle obbligatorie dotazioni invernali ha determinato che varie diecine di mezzi pesanti si siano intraversati bloccando il traffico. L'operazione di filtraggio è necessaria in quanto la A3 non essendo una autostrada a pedaggio non dispone di barriere/caselli che consentono la rapida chiusura per emergenze", spiega Armani. 

SI MUOVE LA PROCURA

L'accusa mossa dagli automobilisti inferociti dopo ore al gelo è che nessuno ha fatto un filtraggio agli svincoli: via libera all'ingresso in autostrada di camion e vetture senza pneumatici invernali o catene a bordo. E ora anche la Procura della Repubblica di Cosenza vuole vederci chiaro. Il capo dell'ufficio Dario Granieri ha avviato un'indagine. Il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao ha parlato di ritardi nello spargimento del sale sull'asfalto e nelle procedure di assegnazione dei codici dell'Anas - giallo e rosso - che determinato l'accesso in autostrada. Ma Carlo Tansi, responsabile della Protezione civile regionale, si difende: "Il sale era stato sparso, ma a causa dei mezzi messisi di traverso sulle corsie non è più stato possibile intervenire, determinando così le lunghe file. La Protezione civile aveva diramato l'allerta meteo il 18 gennaio con valenza a partire dalla mattinata del 19 gennaio e nella comunicazione si raccomandava l'attivazione della pianificazione d'emergenza". 

ORA C'È IL FILTRAGGIO

Il Prefetto ha lanciato la proposta di installare pannelli luminosi per informare gli automobilisti e realizzare aree di stoccaggio di generi di conforto e mezzi di soccorso pronti a intervenire. Nelle ultime ore, la situazione è tranquilla. La viabilità sull'autostrada non ha avuto alcun intoppo grazie anche ai filtraggi, che dopo tante polemiche, sono stati effettuati agli svincoli di Falerna e Sibari, in direzione nord, per verificare il rispetto dell'obbligo delle dotazioni invernali (catene o gomme da neve) ancora in vigore tra Padula e Falerna. L'ennesima, tristissima, puntata della telenovela Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. Alla quale, nel 2010, abbiamo dedicato un ampio reportage: vedi qui. Per poi tenervi aggiornati su ogni tipo di evoluzione, inclusi i drammatici cedimenti strutturali: vedi qui.

Pubblicato in Attualità il 21 Gennaio 2016 | Autore: Redazione


Commenti


Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri