Auto blu e (in)sicurezza stradale: due fenomeni che stonano

Leggiamo sui principali quotidiani di queste ore che le auto blu hanno raggiunto un quantitativo folle, ormai totalmente fuori controllo. I numeri riportati dal Il Giornale sono impressionanti...

27 maggio 2010 - 13:10

Leggiamo sui principali quotidiani di queste ore che le auto blu hanno raggiunto un quantitativo folle, ormai totalmente fuori controllo.

I numeri riportati dal Il Giornale sono impressionanti:

Oggi come oggi le vetture in circolazione con a bordo un politico o un boiardo di Stato sono 629.120, una discreta impennata rispetto al 2009 quando erano 607.918. Un'inguardabile sterzata, rispetto a tre anni fa, quando erano 574mila e a cinque anni fa quando erano «soltanto» 198.596.

Senza entrare nel merito di chi le ha aumentate (anche se sappiamo bene chi ha governato in questi anni…) viene da chiedersi con quale coraggio si possano sprecare tutti questi soldi quando siamo il paese europeo che investe di meno in sicurezza stradale.

I costi stimati di questa flotta “aziendale” più grande del mondo (le auto blu sono 73mila negli Usa, 65mila in Francia, 55mila nel Regno Unito e 54mila in Germania, 44mila in Spagna, 35mila in Giappone, 34mila in Grecia e 23mila in Portogallo, fanalino di coda nella top ten) superano i 21 miliardi di euro.

Se consideriamo che per la sicurezza stradale vengono investiti solo 0,60 centesimi a cittadino (all'estero si spende molto di più) vuol dire che all'anno lo Stato investe in questo settore solo 36 milioni di euro e tra le altre cose spesso i soldi sono mal gestiti e finiscono in mano agli amici degli amici (vedi scandalo sui soldi del Ministero della Gioventù).

Ipotizzando una riduzione delle auto blu del 50% (e sarebbero ancora troppe!) si risparmierebbero oltre 10 miliardi di euro che, tradotti in investimenti per la sicurezza stradale, porterebbero il nostro paese alla cifra record di 166 euro di investimenti per ciascun cittadino.

Utopia? Probabile…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici