Decreto sulla sicurezza: divieto di fumo e a 150 km/h in autostrada

Sta per approdare al Consiglio dei Ministri il nuovo Ddl di riforma del Codice della Strada. Tra i provvedimenti, divieto di fumo per il conducente e l'innalzamento dei limiti di velocità a 150 km/h

30 aprile 2010 - 9:40

“Cerchiamo di sciogliere i pochi nodi che sono rimasti. C'é anche un problema di risorse da destinare ai controlli e di introiti sulle multe da investire in parte sulla sicurezza stradale e di questo parlerò con Tremonti in queste ore”.

Lo afferma il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, al termine dell'audizione svolta in Commissione Lavori Pubblici del Senato sul ddl di riforma del codice della strada che il governo intende approvare la prossima settimana.

“Ci sono almeno due aspetti che devono essere approfonditi in queste ore – spiega Matteoli – il divieto di fumo per il conducente e l'innalzamento del limite di velocità in autostrada con tutor a tre corsie. Sul divieto di fumo per chi guida, Matteoli nota che “se è un problema di sicurezza, allora si deve fare un elenco di tutte le cose che non si devono fare alla guida e diventerebbe francamente molto complesso. Sull'innalzamento del limite di velocità in autostrada a 150 km/h, Matteoli osserva di “aver sempre manifestato il mio accordo, dove ci sono i tutor e le tre corsie sono sicuramente favorevole ma non mi metto l'elmetto per difendere il provvedimento”.

1 commento

augusto
21:20, 7 maggio 2010

per il discorso del fumo durante la guida è una gran ca**ata, dovrebbero allora controllare ogni singola cosa “in nome della sicurezza stradale”. per il limite dei 150km/h è giusto dal momento che il vecchio limite dei 130km/h era stato fatto negli anni '80 e da allora le vetture sono diventate più sicure e performanti, quindi è giusto adattare i limiti di velocità alle attuali prestazioni delle auto.
saluti!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?