200 colonnine di ricarica per una Roma elettrica e sostenibile

A Roma arrivano altre 200 colonnine di ricarica cui scopo e di agevolare lo sviluppo del mercato delle auto elettriche nella capitale

10 aprile 2012 - 7:00

Ormai è fatta, Acea, azienda italiana leader nel settore idrico e dell'energia, e Enel, hanno firmato un accordo che prevede l'installazione di 200 colonnine di ricarica nella capitale, allo scopo di rendere la mobilità sostenibile non più solo un progetto, ma una realtà.

L'ACCORDO – Il Protocollo che è stato firmato in Campidoglio dal sindaco Gianni Alemanno, dall'amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, e dall'amministratore delegato di Acea, Marco Staderini, prevede che nella capitale vengano installate 100 colonnine di ricarica da parte di Acea e 100 da parte di Enel, entro l'anno e che, già entro il 30 giugno, debbano essere individuati i siti nei quali dovranno essere installate. 

IL VANTAGGIO – Le nuove 200 colonnine permetteranno ai possessori di auto elettriche di continuare ad usufruire dei punti di ricarica già installati da Enel nell'ambito del progetto E-Mobility Italy, l'automobilista potrà quindi ricaricare le proprie batterie indifferentemente su infrastrutture Enel e Acea, questo sia a Roma che nei comuni limitrofi. Questo significa che potranno sfruttare questo servizio anche coloro che vivono fuori città, ma lavorano a Roma, e viceversa. Per poter usufruire del servizio, gli automobilisti dovranno acquistare una card, valida per tutte, cui ricarica verrà pagata direttamente in bolletta, secondo il contratto sottoscritto con il proprio venditore di energia.

IL PROGETTO PILOTA – A fungere da progetto pilota sarà il mercato romano di San Cosimato, servito dalla rete di distribuzione Acea, che verrà fornito di veicoli a impatto zero in arrivo da Guidonia, comune servito invece da Enel e dove ha sede il Centro Agroalimentare di Roma. Si tratta dunque di un progetto importantissimo che andrà a creare le più vasta rete di infrastrutture di questo tipo in Italia. Ecco perché, allo scopo di rendere questo un progetto di successo, Roma si impegna a sensibilizzare sin da subito i suoi cittadini educandoli ad una mobilità sostenibile ed elettrica, non mancheranno neanche attività di sensibilizzazione nei confronti delle aziende municipalizzate che verranno invitate ad utilizzare veicoli a zero emissioni.

POLIZIA A ZERO EMISSIONI – Anche la Polizia di Stato diventa 100% zero emissioni grazie alla casa automobilistica Citroen. All'Ispettorato italiano di pubblica sicurezza presso il Vaticano sono state consegnate due Citroen C-Zero, elettriche e ad impatto zero, che serviranno al pattugliamento della zona di San Pietro, in Vaticano, in occasione delle festività pasquali. Non si tratta però delle prime C-Zero nella Capitale, già in passato infatti 14 di queste vetture elettriche sono state introdotte nel parco auto dell'amministrazione romana.

2 commenti

Daniele
18:27, 12 aprile 2012

Roma sarà una città bella grande ma 200 colonnine mi sembrano veramente troppe, soprattutto in virtù del nº di automezzi elettrici in circolazione.

Amedeo
18:53, 6 maggio 2012

Speriamo ne istallino varie nelle zone Talenti, Prati Fiscali, Jonio e Porta di Roma.

Le auto elettriche si diffonderanno rapidamente e l'ambiente e la mobilità ne beneficeranno.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione riconsegna auto difettosa

Cassazione: riconsegna auto difettosa, va valutata la perdita di valore

Un minorenne può guidare l'auto per stato di necessità

Un minorenne può guidare l’auto per stato di necessità?

Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi