10 errori da non fare quando si guida in città

I neopatentati temono la giungla urbana, i guidatori esperti sottovalutano i pericoli. Ecco gli errori più comuni da evitare con la guida in città

27 marzo 2020 - 17:00

Un decalogo di errori da evitare quando si guida in città potrebbe sembrare un argomento estremamente banale e scontato, ma è sufficiente dare uno sguardo al traffico delle nostre città per rendersi conto di quanto spesso vengano effettuate manovre azzardate e di come vengano disattese le più elementari norme del Codice della Strada. Con i 10 errori da non fare quando si guida in città intendiamo rivolgerci sia ai neopatentati che agli automobilisti “esperti”, che proprio per l’anzianità di patente confidano troppo nelle proprie capacità e conoscenze, dando alla fine (spesso) il cattivo esempio.

1 INDIFFERENZA AI LIMITI DI VELOCITA’ IN CITTA’

Uno degli errori più comuni quando si guida in città è il mancato rispetto dei limiti di velocità. Oltre ad essere un’infrazione al codice della strada, tra l’altro pesantemente sanzionata, rappresenta un rischio elevato per i soggetti “deboli” del traffico urbano, ciclisti e pedoni, che spesso vedono sfrecciare al loro fianco automobilisti e centauri (Leggi qui il rapporto tra traffico e incidenti in Italia). Nei pressi delle scuole il limite è solitamente ridotto proprio per cautelare il consistente flusso pedonale. Il consiglio è quindi di essere cauti nella velocità e di rispettare ogni indicazione della segnaletica stradale, anche se sappiamo bene che a volte certi limiti sono assurdi. E’ sempre consigliabile, quindi, adattare la propria andatura alle condizioni della strada e dell’area in cui si guida.

2 SOTTOVALUTARE CINTURE E SEGGIOLINI QUANDO SI GUIDA IN CITTA’

Un comportamento errato molto diffuso è il mancato uso della cintura di sicurezza o dei seggiolini per i bambiniGuarda le reazioni dei genitori italiani nella nostra indagine). A tal riguardo capita di sentire automobilisti affermare che visto che in città si guida piano si può fare a meno della cintura di sicurezza: sbagliato! È sufficiente dare un’occhiata ai video dei crash test Euro NCAP (eseguiti a 64 km/h) per rendersi conto dei danni che possono riportare gli occupanti di una vettura e l’auto stessa in un impatto a velocità, di fatto, cittadine (Qui trovi tutti i video e i servizi sui crash test Euro NCAP). Senza dimenticare l’importanza dei seggiolini per i bambini, fondamentali per salvare le loro fragili vite (guarda i nostri brevi video educational sui seggiolini auto). Secondo dati Istat riferiti al 2014, se è vero che gli incidenti più gravi in Italia avvengono sulle strade extraurbane (4,63 decessi ogni 100 incidenti), la mortalità per incidente nel centro urbano non è improbabile come si crede (1,13 morti ogni 100 incidenti).

3 ABUSARE DEL CLACSON NELLA GUIDA IN CITTA’

Il clacson delle auto è una delle principali fonti dell’inquinamento acustico nelle grandi città. Nonostante il Codice della Strada vieti espressamente l’utilizzo dei segnalatori acustici nei centri abitati (Art. 156 comma 3), salvo il suo utilizzo per avvisare di un effettivo e immediato pericolo, sappiamo bene come viene utilizzato il clacson nelle nostre città. Forse molti non sanno che l’abuso dell’avvisatore acustico è sanzionabile con una multa da 41 a 168 euro.

4 LA GUIDA IN CITTA’ E LE DISTRAZIONI NEL TRAFFICO

Chi è abituato alla guida in zone poco trafficate non è allenato al traffico tentacolare delle grandi città (Conosci tutte le distrazioni degli automobilisti alla guida?). La densità di veicoli a due e quattro ruote che si riversa sulle strade è elevata e bisogna guidare mantenendo sempre alta l’attenzione. Le insidie del traffico sono tante, un pedone che decide di attraversare fuori dalle strisce, un centauro che serpeggia tra le auto incolonnate o il mezzo che ci precede che pianta sui freni all’improvviso. Quindi limitiamo al massimo l’uso dello smartphone e, se proprio non potete far a meno di sbirciare il display del vostro iPhone, usate un supporto che lo ponga sempre in posizione facilmente raggiungibile senza distogliere troppo lo sguardo dalla strada (ad esempio accanto le bocchette centrali dell’areazione).

5 PARTIRE AI SEMAFORI NEL CENTRO CITTA’

Il semaforo è un punto critico per la guida in città. Quando scatta il verde spesso sembra che sia partita la gara della vita. Il primo della fila, se non è pronto a sgommare, dovrà subirsi una sinfonia di clacson e improperi da parte degli automobilisti che precede. Non parliamo poi del semaforo giallo, l’eterno incompreso; quando il semaforo passa da verde a giallo significa che in pochi secondi scatterà il rosso, quindi bisogna fermarsi. L’unico caso in cui è consentito passare è se la luce gialla si accende mentre impegniamo l’incrocio e dobbiamo liberare la strada al più presto. Accelerare quando si vede la luce gialla è un comportamento sbagliato, pericoloso e sanzionabile.

6 MUSICA A PALLA E GUIDA IN CITTA’

Quante volte per strada vediamo, anzi sentiamo, automobili che guidano in città con musica ad altissimo volume e capaci di far tremare i vetri delle abitazioni con esagerate frequenze basse? Oltre che fastidiosa la musica a tutto volume ha pessime influenze sul guidatore, il quale, oltre ad essere sicuramente frastornato, rischia di non avvertire ad esempio la sirena di una ambulanza ad un incrocio o il sopravvenire di mezzi di soccorso ai quali lasciare strada.

7 PRECEDENZA AI PEDONI IN CITTA’

Quando ci si approssima ad un attraversamento pedonale, evidenziato dalle strisce pedonali, se sul ciglio della strada si trovano pedoni che devono attraversare hanno la precedenza (Scopri l’iniziativa Siamo tutti Pedoni). L’automobilista “dovrebbe” fermarsi e consentire un attraversamento sicuro, attendendo che il transito dei pedoni si concluda. Il condizionale in questo caso è d’obbligo. Sarà capitato a tutti di vedersi superare dalle auto mentre si dà la precedenza a un pedone sulle strisce pedonali. Ricordiamo che l’art.191 prevede una multa da 162 a 646 euro e fino a 8 punti in meno sulla patente.

8 GUIDA IN CITTA’ E CORSIE PREFERENZIALI

Una delle tentazioni dell’automobilista imbottigliato nel traffico è la corsia preferenziale destinata a mezzi pubblici, mezzi di soccorso e forze dell’ordine. Accade spesso per superare una colonna di auto lente, ma rischiando così di ostacolare i mezzi pubblici o peggio rallentare un’ambulanza. Trattandosi di una violazione al CdS questa cattiva abitudine è sanzionata.

9 GUIDARE NELLA ZTL DELLA CITTA’ CON VARCO ATTIVO

Quando si guida in una grande città non è raro imbattersi nei varchi che immettono a una Zona a Traffico Limitato. L’accesso alla ZTL è regolamentato da norme comunali e per accedervi (Sapevi che la ZTL di Roma escluderà anche le auto più recenti?), qualora il nostro mezzo abbia caratteristiche adeguate, è necessario pagare un ticket d’ingresso. Ricordate che la Legge non ammette ignoranza e anche se non siete residenti in città non sarete esentati dal pagamento del pedaggio.

10 LA SOSTA IN DOPPIA E TRIPLA FILA

Uno dei mali che affliggono le nostre città sono i parcheggi in doppia (e terza) fila. Questa diffusa pratica crea inconvenienti alla circolazione contribuendo alla congestione del traffico. Inoltre si creano difficoltà alle auto parcheggiate correttamente, i cui proprietari devono tribolare per accedere alla propria vettura e muoversi o uscire dal posteggio. Il parcheggio in doppia fila, come recita l’Art. 158 del CdS è sanzionato con una multa da 41 a 168 euro. Inoltre l’auto può essere rimossa forzatamente qualora questi crei intralcio o pericolo alla circolazione (Art. 159 CdS).

1 commento

Redazione
16:49, 26 ottobre 2016

Gentile Luisa,
l'indirizzo e-mail dal lei digitato nel momento dell'inserimento del commento verrà aggiunto nella lista dei destinatari della newsletter con decorrenza lunedì prossimo.

Cordiali saluti,
Redazione SicurAUTO.it

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidente con patente scaduta

Incidente con patente scaduta: si può chiedere il risarcimento?

Come verificare il livello di usura del battistrada degli pneumatici

Dita chiuse nella portiera dell'auto

Dita chiuse nella portiera dell’auto: chi paga i danni?