Telepass ricaricabile dove acquistarlo come funziona

Telepass ricaricabile: dove acquistarlo e come funziona

Alla scoperta del Telepass ricaricabile: dove acquistare e come funziona il dispositivo per pagare i pedaggi in Italia che non necessita di abbonamento.

19 luglio 2019 - 13:05

Introdotto in Italia fin dal 1989 (ma i privati hanno iniziato a usufruirne solo nel ‘98), il Telepass ha rivoluzionato il modo di pagare il pedaggio ai caselli autostradali, eliminando di fatto le code ai varchi dedicati. Forse però non tutti sanno che dal 2006 è stato istituito il servizio sperimentale del Telepass ricaricabile, ancora limitato ad alcuni tratti della rete autostradale, che presenta diverse peculiarità molto interessanti. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

CHE COS’È IL TELEPASS RICARICABILE

Il Telepass ricaricabile è un dispositivo elettronico che, come il Telepass tradizionale, consente di pagare il pedaggio dell’autostrada utilizzando il varco dedicato per gli utenti Telepass, sia in entrata che in uscita. La differenza sta nel fatto che non richiede alcun canone di abbonamento o noleggio ma va regolarmente acquistato; e che si ricarica solo quando serve inserendo il credito necessario, da cui viene poi scalato il costo di ciascun pedaggio. Diciamo quindi che funziona più o meno come la sim ricaricabile dei telefoni cellulari. Un’altra differenza è rappresentata dalla presenza sul Telepass ricaricabile di un display retroilluminato che mostra l’importo dei pedaggi, il credito rimanente e i messaggi di servizio.

COME FUNZIONA IL TELEPASS RICARICABILE

Il Telepass ricaricabile può essere usato esclusivamente su veicoli a due assi (classi A e B) e su tutte le moto abilitate a circolare in autostrada. Si applica facilmente al parabrezza, senza necessità di collegamenti, e può essere usato su più vetture fino a un massimo di tre. Non è però possibile utilizzare contemporaneamente due o più apparecchi sullo stesso veicolo, eventualità che ne pregiudica il funzionamento. Alla stessa maniera dei Telepass tradizionali, il corretto passaggio sotto il varco del casello autostradale è segnalato da un bip.

TELEPASS RICARICABILE: AUTOSTRADE ABILITATE

Come anticipavamo, l’utilizzo del Telepass ricaricabile è per il momento limitato ad alcune arterie autostradali della Campania e della Sicilia. I tratti interessati sono: A56 Tangenziale di Napoli (intera); A1 Napoli – Milano (solo tra Napoli e Caserta Sud); A16 Napoli – Canosa di Puglia (tra Napoli e Pomigliano d’Arco); A3 Napoli – Pompei – Salerno (solo tra Napoli e Salerno), A18 Messina – Catania (intera); A20 Messina – Palermo (solo nella tratta a pagamento Messina-Buonfornello). La società Autostrade per l’Italia ha auspicato che in futuro il Telepass ricaricabile possa essere utilizzato su tutta la rete autostradale italiana. Anche se, a dire il vero, la sperimentazione sta andando molto a rilento…

TELEPASS RICARICABILE: DOVE SI ACQUISTA E COME SI ABILITA

Il Telepass ricaricabile si acquista al costo di 49,90 euro presso alcune aree di servizio delle tratte siciliane su cui è utilizzabile, in alcuni Punto Blu della Campania e presso il negozio di elettrodomestici Smiroldo a Santa Teresa di Riva, in provincia di Messina. Prima di poterlo utilizzare è necessario attivarlo aderendo al servizio Telepass ricaricabile ed effettuando la prima ricarica. L’adesione al servizio si può fare in un Punto Blu abilitato, contestualmente all’acquisto dell’apparecchio, oppure per posta ordinaria. Nel primo caso l’attivazione è immediata; nel secondo, in attesa del completamento della procedura, si può avere un’adesione provvisoria telefonando al numero 840.043.043. Il servizio di ricarica è previsto invece presso gli stessi Punto Blu; negli autogrill, bar, tabacchi, punti vendita e ricevitorie SisalPay (c’è una commissione di 1 euro ogni 24 euro di ricarica); oppure nella propria area riservata sul sito di Telepass. I tagli di ricarica disponibili sono da 25, 50 e 75 euro.

TELEPASS RICARICABILE: SERVIZI AGGIUNTIVI

Presso i Punto Blu si può richiedere il Codice ID, necessario per registrarsi all’area riservata e usufruire dei servizi offerti online (tra cui fatturazione delle ricariche, cambio targa, elenco viaggi effettuati). È possibile richiedere il Codice ID anche tramite posta, inviando il numero del contratto e dell’apparato, insieme alla fotocopia del documento d’identità, all’indirizzo: Autostrade per l’Italia S.p.A. Customer Care, Casella Postale 2310 – Firenze Succ.le 39, 50123 Firenze.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tutor attivi in autostrada

Tutor attivi in autostrada: la Cassazione cancella lo stop

Cinture di sicurezza posteriori

Cinture di sicurezza posteriori: 5 motivi per indossarle sempre

Assicurazione auto cointestata

Assicurazione auto cointestata: come funziona e vantaggi