Bollo auto Campania 2021

Bollo auto Campania 2021: proroga, calcolo e domiciliazione

Tutto sul bollo auto Campania 2021: proroga, calcolo dell'importo, pagamento, domiciliazione bancaria, esenzioni e riduzioni

30 giugno 2021 - 18:00

Qui trovate gli ultimi aggiornamenti sul bollo auto in Campania nel 2021: la proroga per il Covid, il calcolo dell’importo, le modalità di pagamento, la procedura per la domiciliazione bancaria che permette di ricevere uno sconto, le esenzioni e le riduzioni. Come in altre regioni italiane, anche in Campania la gestione della tassa automobilistica è affidata all’ACI, che risponde alle richieste degli utenti inviate tramite numero telefonico 081.0070860 (dal lunedì al venerdì, 9/13 e 14/18) oppure compilando un apposito form online.

BOLLO AUTO CAMPANIA: PROROGA 2021

Per l’anno 2021, a causa del protrarsi dell’emergenza Covid-19, la Regione Campania ha deliberato di sospendere i termini dei versamenti relativi al bollo auto in scadenza nel periodo compreso tra il 19 gennaio e il 30 aprile 2021, per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio regionale, disponendo che i versamenti sospesi vengano effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, entro il 31 maggio 2021. Rientrano pertanto nel periodo di sospensione i pagamenti della tassa automobilistica da effettuare ordinariamente nei mesi da febbraio ad aprile 2021. Non si procede al rimborso di quanto eventualmente già versato.

BOLLO AUTO CAMPANIA 2021: CALCOLO E PAGAMENTO

Per conoscere l’importo da versare si può consultare il tariffario 2021 della Campania o utilizzare il servizio online Calcolo Bollo Auto dell’ACI. Ricordiamo che il primo bollo per un veicolo nuovo dev’essere pagato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione; se però quest’ultima è avvenuta negli ultimi 10 giorni del mese, la tassa si può pagare anche nel corso del mese successivo.

Invece il pagamento per il rinnovo della tassa automobilistica di veicoli già circolanti dev’essere effettuato nel corso del mese successivo alla scadenza dell’ultima tassa dovuta. Ad esempio per un bollo con scadenza luglio il versamento corrispondente si fa entro il mese di agosto.

Infine per chi acquista un’auto usata da un rivenditore autorizzato, se il veicolo ha già un bollo in corso di validità bisogna rispettare la periodicità acquisita e pagare entro il mese successivo alla scadenza; se invece il concessionario ha chiesto l’esenzione, si applicano le regole previste per il primo pagamento dei veicoli nuovi.

È comunque attivo un servizio di notifica scadenza del bollo auto nella Regione Campania, predisposto in collaborazione con l’ACI. Basta iscriversi gratuitamente al servizio per ricevere, qualche giorno prima della scadenza, un promemoria per email o SMS con la data entro cui effettuare il pagamento e l’importo esatto da versare.

BOLLO AUTO CAMPANIA: DOVE SI PAGA

Il bollo auto in Campania si può pagare:

portale PagoPA;

– addebito diretto tramite domiciliazione bancaria (vedi paragrafo successivo);

– delegazioni ACI con un costo dell’operazione pari a 2,37 euro;

– agenzie Sermetra e altre agenzie di pratiche auto presenti sul territorio;

– Poste Italiane, mediante pagamento online allo sportello e attraverso gli altri canali messi a disposizione;

– internet banking e sportelli Bancomat (ATM) delle banche che erogano il servizio;

ACI Bollonet, servizio online disponibile sul sito ACI;

– tabaccherie e altri esercizi autorizzati;

sito di Telepass.

BOLLO AUTO CAMPANIA 2021: DOMICILIAZIONE BANCARIA

Il sistema di domiciliazione bancaria per il pagamento del bollo auto in Campania consente di usufruire della riduzione del 10% sull’importo dovuto per ciascun periodo d’imposta, senza il rischio di incorrere nelle sanzioni previste per il ritardato versamento. Inoltre con la domiciliazione si paga una commissione di solo 1,00 euro, inferiore alle altre modalità di pagamento. Possono aderire alla domiciliazione bancaria:

– le persone fisiche residenti in Campania proprietarie di uno o più veicoli o locatari (solo se il contratto di locazione decorre dal 1° gennaio 2021);

– persone fisiche che intendono pagare per conto del proprietario/locatario di un veicolo (per esempio: coniuge, convivente, figlio, nipote, ecc.);

– le persone giuridiche, anche pubbliche.

La domiciliazione bancaria non è prevista per il pagamento della tassa di circolazione (ciclomotori, auto d’epoca, ecc.).

Il mandato di autorizzazione all’addebito (mandato SEPA Direct Debit Core) va inviato per ciascun veicolo per il quale si intende attivare la procedura (qui c’è il modulo). La domiciliazione si attiva per il pagamento dovuto per l’anno in corso se la relativa richiesta perviene entro il giorno 15 del mese precedente a quello in cui deve essere effettuato il pagamento per il singolo veicolo. Importante: la domiciliazione bancaria resta valida anche per gli anni successivi ma può essere revocata in qualsiasi momento.

BOLLO AUTO CAMPANIA 2021: ESENZIONI E RIDUZIONI

La Regione Campania prevede delle agevolazioni per alcune categorie che sono pertanto esentate dal pagamento del bollo auto 2021, oppure beneficiano di una riduzione. Ecco le principali esenzioni e riduzioni:

– Vetture destinate ai disabili. È prevista l’esenzione dal pagamento del bollo auto per i veicoli destinati alla mobilità dei cittadini portatori di handicap o invalidi, con limitazione di cilindrata: fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e ibridi benzina/elettrico; fino a 2800 cc per i veicoli diesel e ibridi gasolio/elettrico; e fino a 150 kW per i veicoli elettrici. Ulteriori informazioni qui.

Veicoli storici ultratrentennali. I veicoli storici ultratrentennali non adibiti a uso professionale sono esenti dal pagamento della tassa automobilistica. L’esenzione è automatica e non occorre quindi presentare alcuna domanda né essere iscritti in un registro storico. Se però un veicolo ultratrentennale è posto in circolazione su strade e aree pubbliche è dovuta una tassa di circolazione forfettaria annuale: 31,24 euro per gli autoveicoli; 12,50 euro per i motoveicoli.

Veicoli storici ultraventennali. Gli autoveicoli e i motoveicoli di età compresa tra 20 e 29 anni, iscritti in uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, in possesso del Certificato di Rilevanza Storica rilasciato da detti registri annotato sulla carta di circolazione, usufruiscono di una riduzione del 50% sull’importo del bollo auto.

Autoveicoli, motocicli e ciclomotori elettrici, a due, tre o quattro ruote, godono dell’esenzione dal pagamento del bollo auto per 5 anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione. Alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari a 1/4 dell’importo standard. Mentre per i motocicli e i ciclomotori la tassa deve essere corrisposta per intero.

Invece le autovetture e gli autoveicoli a uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive UE in materia di emissioni inquinanti, sono sempre soggetti al pagamento di 1/4 della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina. Ma non solo: a decorrere dal 2014 la Campania ha disposto l’esenzione temporanea pari a 3 anni, decorrenti dalla data di immatricolazione, per i nuovi autoveicoli con: alimentazione ibrida benzina/elettrica; o con alimentazione doppia benzina/idrogeno.

È infine disposta la sospensione del pagamento del bollo auto per alcune categorie di veicoli ecologici acquistati nuovi di fabbrica dal 19 agosto 2020. Con contestuale rottamazione di un veicolo inquinante. Maggiori informazioni qui.

Per altre informazioni e approfondimenti sul pagamento del bollo auto Campania nel 2021 consultare le sezione dedicate sul sito dell’ACI o sul portale della Regione Campania.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Preventivo assicurazione auto

Preventivo assicurazione auto: le cose fondamentali da controllare

Risarcimento diretto di un sinistro

Risarcimento diretto di un sinistro: quando si applica

Guida libera esperta esclusiva

Guida libera, esperta o esclusiva: vantaggi e svantaggi