Bollo auto come si calcola quando dove si paga

Costi RC auto: i fattori che incidono maggiormente sulle tariffe

Focus sui costi della RC auto: andiamo alla scoperta dei fattori e dei parametri che incidono maggiormente sulle tariffe dell'assicurazione obbligatoria.

22 agosto 2019 - 19:46

Quali sono i fattori che incidono maggiormente sui costi RC auto? Domanda niente affatto banale, perché i parametri da considerare per il calcolo del premio finale sono davvero tanti e di diverso genere. Alcuni riguardano la posizione assicurativa del cliente (in particolare la classe di merito), altri il luogo di residenza e altri ancora la tipologia, l’anzianità e le dotazioni della vettura assicurata. Concorrono a determinare il prezzo annuale dell’assicurazione obbligatoria anche l’eventuale aggiunta di garanzie accessorie e l’installazione sul veicolo di dispositivi come la scatola nera.

COSTI RC AUTO: CLASSE DI MERITO DEL CLIENTE

Probabilmente il fattore che incide più di tutti sul costo della RC auto è la classe di merito di appartenenza dell’assicurato. La classe di merito o classe universale è un valore che misura il grado di sinistrosità di un automobilista. Ovvero la probabilità di provocare incidenti in base al comportamento alla guida tenuto negli anni. Il valore della classe di merito varia da 1 a 18, dove 1 è la migliore nonché la più economica e 18 la peggiore (e più cara). Chi stipula una polizza RC auto per la prima volta si vede assegnata la 14^ classe di merito, a meno di usufruire dei ben noti vantaggi della Legge Bersani. Scalare o discendere la classifica della classe di merito è molto semplice, in base al sistema bonus-malus. Se l’assicurato in un anno non causa alcun sinistro, la sua classe scende di un’unità passando per esempio dalla 5^ alla 4^, e l’anno successivo paga un premio più basso. Altrimenti sale di due unità, dalla 4^ alla 6^, con relativo aumento del premio.

COSTI RC AUTO: RESIDENZA ED ETÀ DELL’ASSICURATO

A determinare i costi RC auto intervengono con un certo peso anche la residenza e l’età dell’assicurato. In Italia ci sono purtroppo delle zone che, sulla base di specifiche statistiche, le compagnie assicurative considerano più a rischio di altre. Dove insomma si verificano molti più sinistri o dove c’è alta probabilità di frodi assicurative. In queste zone, solitamente riferibili al sud Italia (ma con numerose eccezioni), si paga un premio assicurativo decisamente più caro, a volte persino il doppio che in altri posti. Anche l’età è un parametro fondamentale per stabilire il costo dell’assicurazione auto. Fino a circa 26 anni l’assicurato è ritenuto un automobilista ancora inesperto e quindi più incline a causare un incidente, perciò gli spetta una polizza più onerosa. Stessa sorte per i conducenti più anziani, ma per il motivo opposto.

COSTI RC AUTO: TIPOLOGIA, ANZIANITÀ E DOTAZIONI DELLA VETTURA

Anche il tipo di vettura e altre informazioni essenziali sul mezzo incidono sul calcolo del costo RC auto. Ci riferiamo per esempio al modello dell’auto, all’anno di acquisto e alla data di immatricolazione (ovviamente il prezzo dell’assicurazione di una vettura datata, quindi meno sicura, è ben più alto di quello di un veicolo nuovo). Ma contano pure l’alimentazione (per esempio l’assicurazione di auto ibride ed elettriche costa meno, mentre quelle a gas o metano sono a volte tariffate maggiormente), l’allestimento e le dotazioni, il tipo di utilizzo e il luogo di sosta notturno.

COSTI RC AUTO: GARANZIE ACCESSORIE

Come sanno anche i sassi, l’unica copertura assicurativa obbligatoria per circolare riguarda la responsabilità civile o RC auto. Con questa garanzia la vettura è coperta in caso di danni provocati a terzi, persone o cose. Per tutto il resto l’automobilista deve provvedere sottoscrivendo facoltativamente altre garanzie accessorie, che se da un lato lo tutelano molto di più dall’altro fanno schizzare verso l’alto il costo dell’assicurazione. Le garanzie aggiuntive più comuni sono furto e incendio, kasko, infortuni del conducente, eventi atmosferici, tutela legale, assistenza stradale, atti vandalici e cristalli.

COSTI RC AUTO: SCATOLA NERA E ALTRI DISPOSITIVI SIMILI

La scelta di un’assicurazione con scatola nera fa risparmiare sul premio RCA in percentuali che possono raggiungere anche il 10%. Questa formula prevede l’installazione sull’auto di un dispositivo satellitare in grado di registrare la dinamica dei sinistri e di stabilire le responsabilità dei conducenti coinvolti, riducendo al minimo contestazioni e soprattutto frodi. Gli sconti sulla RC auto sono concessi a discrezione delle compagnie assicurative, ma prossimamente dovrebbero diventare obbligatori. Anche altri dispositivi come ABS, airbag, antifurto satellitare e frenata automatica di emergenza possono abbassare il costo della polizza.

COSTI RC AUTO: ALTRE VARIABILI

Per finire, altre variabili da considerare per la somma dei costi RC auto sono la scelta tra guida libera e guida esclusiva (la prima è più costosa), l’utilizzo di comparatori online per trovare il preventivo più vantaggioso, la presenza di massimali e franchigie e la possibilità di assicurare più auto appartenenti allo stesso nucleo familiare. Alcune compagnie concedono infatti sconti di un certo rilievo ai clienti che assicurano presso di loro più di una vettura.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto condono

Bollo auto scaduto: sanzioni, interessi e prescrizione

RC auto procedura di conciliazione per le controversie

RC auto: la procedura di conciliazione per le controversie

Bollo auto come si calcola quando dove si paga

Bollo auto: come si calcola, quando e dove si paga