Home / Manutenzione Auto e AfterMarket: cosa c'è da sapere / Manutenzione Auto / Batteria auto: i consigli utili per auto con e senza Start&Stop

Batteria auto: i consigli utili per auto con e senza Start&Stop

La batteria dell'auto è tra i componenti più importanti del motore eppure è il più dimenticato, o meglio ci si ricorda che c'è solo quando ormai non si riesce più a partire. Secondo un recente report del Touring Club Svizzero, infatti, la batteria è tra le prime cause di panne che interrompe un viaggio fuori porta. Ma qual è il momento giusto dell'anno per cambiare la batteria? C'è un modo per capire se sta per scaricarsi sulle auto con e senza Start&Stop? Cosa bisogna fare se la batteria dell'auto è carica o deve essere sostituita? Queste e tante altre curiosità le scopriamo nel video sotto con Fabio Boldorini dell'officina affiliata alla rete DediCar che ci svela alcuni consigli sulla manutenzione della batteria.

 

BATTERIE PIOMBO, AGM ED EFB: DIFFERRENZE E COSTO Da quando le auto sono equipaggiate con sistemi microibridi (guarda questo video per scoprire le principali tecnologie ibride a confronto) per ridurre le emissioni e tagliare i consumi, le batterie classiche al piombo sono state sostituite da batterie più robuste, in grado di sopportare un numero di avviamenti e rapide ricariche maggiori. Queste batterie si distinguono con le sigle AGM (Absorbent Glass Mat), per le auto con Start&Stop e recupero dell'energia in frenata e EFB (Enhanced Flooded Battery) per le auto con sistema Start&Stop tradizionale. A prescindere dalla tecnologia che impiega la batteria, se al piombo-acido (costo da 80 euro), AGM o EFB (da circa 200 euro), l'unico modo per evitare la panne è controllarla periodicamente almeno prima dell'estate e dell'inverno per assicurarsi che l'accumulatore non abbia subito gli effetti dei continui cicli di carica e scarica. Nei periodi in cui si fa maggiore uso di dispositivi elettronici a bordo o di sistemi voraci di energia come le luci, la ventilazione, i tergicristallo ecc. la batteria subisce gli stress maggiori che poi si manifestano con avviamenti del motore più fiacchi o addirittura con l'accensione di spie di avaria o la disabilitazione forzata del sistema Start&Stop. Sono questi i campanelli d'allarme più comuni di una batteria che richiede un controllo in officina con un test di carica ed eventualmente una ricarica rinvigorente.

IN CASO DI EMERGENZA Quando la batteria proprio non vuole saperne di avviare il motore, si può fare affidamento ai cavi di avviamento di emergenza, purché si seguano le indicazioni del manuale dell'auto e si provveda poi subito a un controllo della batteria in officina. Il cosiddetto "ponte", infatti, permette di avviare l'auto in panne con l'ausilio di un'altra auto donatrice che però non può riportare la carica della batteria ricevente ai livelli ottimali. Se l'auto è dotata di sistema di recupero dell'energia e di Start&Stop è preferibile consultare prima il manuale di istruzioni, se invece si tratta di un'auto con batteria tradizionale basta procedere come spiegato sotto, dopo aver adottato tutte le precauzioni di base per non arrecare intralcio o pericolo alla circolazione:

  • con entrambe le auto spente collegare il polo positivo dell'auto donatrice al polo positivo dell'auto ricevente;
  • collegare il polo negativo dell'auto donatrice a un punto di massa del motore-cambio o del telaio non verniciato dell'auto da soccorrere per ridurre al minimo il rischio di danneggiare le centraline;
  • avviare l'auto donatrice e dopo qualche minuto (o più se la batteria in panne è molto scarica) avviare l'auto ricevente.
SMALTIMENTO DELLA BATTERIA E FAI DA TE La sostituzione della batteria dell'auto scarica è da sempre stata una delle operazioni preferite dagli appassionati di fai da te, ma con l'avvento dei sistemi Start&Stop che richiedono specifiche batterie  - AGM o EFB a seconda dei casi, come spiega Fabio nel video in alto - l'esperienza dell'autoriparatore è diventata rilevante dalla scelta della batteria giusta, al montaggio non sempre semplice e accessibile fino al corretto smaltimento della batteria esausta. E' importante ricordare infatti che i rivenditori di ricambi e i centri commerciali sono obbligati per legge a ritirare la batteria esausta, in quanto il costo dello smaltimento viene sostenuto da un'aliquota sull'acquisto della batteria nuova, ma è pur sempre un onere del consumatore tornare  al punto vendita per consegnarla o contattare l'isola ecologica del proprio comune. Non perderti anche le differenze tra checkup, revisione e tagliando auto, i trucchi per allungare la vita di freni e gomme, come aumentare la visibilità di guida, i consigli sull'uso corretto del climatizzatore e come risparmiare sulla manutenzione auto grazie alla Direttiva Monti.
Condividi: