Home / Manutenzione Auto e AfterMarket: cosa c'è da sapere / Impianto GPL / Impianto GPL per Auto: quanto si risparmia davvero?

Impianto GPL per Auto: quanto si risparmia davvero?

L'aspettativa di chi acquista un'auto con impianto a GPL è senza ombra di dubbio il risparmio, affiancato anche al vantaggio di inquinare meno dello stesso motore alimentato con sola benzina. Il GPL - in inglese LPG ossia Liquid Petroleum Gas - è, infatti, più economico rispetto ai carburanti tradizionali raffinati dal petrolio (prezzo medio di 0,593  euro al litro secondo i dati del MISE al 7 dicembre 2015) ed altrettanto sicuro (vedi quali dispositivi di sicurezza ha un impianto BRC e quali test devono superare gli impianti GPL) ma è pur vero che un'auto bifuel ha un prezzo talvolta maggiore di un'auto a benzina. Il GPL si ottiene dalla raffinazione del greggio (per il 47%) e dall'estrazione di gas naturale (per il 54%) ed è composto prevalentemente da Butano (C4H10) e Propano (C3H8). La miscela gassosa si comprime piuttosto bene a bassa pressione, passando allo stato liquido e riducendo il volume di 274 volte, quindi si può trasportare facilmente con autocisterne (il trasporto è stato il primo degli ostacoli che hanno frenato i pionieri del 1800 - scopri come è nata l'auto a gas, una miscela diversa dal GPL che usiamo oggi) e stoccare nei serbatoio di acciaio che vedremo più avanti. Il GPL ha però un potere calorifico diverso rispetto a quello della benzina, ecco perchè per sviluppare la stessa "energia" bisogna bruciare più GPL. Per rendere meglio l'idea della resa di un litro di GPL, basta moltiplicare i chilometri che si percorrono normalmente con un litro di benzina e moltiplicarli per 0,85, ma seguendo il nostro speciale capirete tutto molto meglio. In questo primo video con Gianpaolo Giordano, Key Account Manager di BRC - tra le tante curiosità generiche sulle auto a gas - risponderemo alle domande più frequenti di molti lettori: quanti chilometri bisogna percorrere prima che il GPL mi faccia risparmiare rispetto alla benzina? Se viaggio fuori dall'Italia posso fare rifornimento senza problemi? Durante la guida il guidatore si accorge che l'auto funziona a GPL? Cosa deve fare l'automobilista se durante un sorpasso o in salita il GPL si esaurisce? Scopri nel video sotto le prime informazioni base sul GPL.

QUANTO SI RISPARMIA CON IL GPL KIA? - IL GPL a torto o ragione, è stato negli anni associato all'idea di un compromesso: risparmiare sul consumo di carburante pur di sacrificare parte del bagagliaio, chiudere un occhio sulle prestazioni non sempre brillanti e abituarsi ai tipici strattoni del gas, oltre alla difficoltà di trovare un distributore, vedi quanti sono diventati oggi in Italia ed Europa. Oggi il lavoro di prototipazione e ricerca BRC (qui ne parliamo più in dettaglio) permette di testare la compatibilità di un impianto GPL su un nuovo modello e definirne in modo ottimale le caratteristiche in fase di collaudo (ne parliamo in modo approfondito in questo video) per ottenere le stesse prestazioni dinamiche dal motore sia a GPL che a Benzina, e anche di più. La KIA Sportage 1.6 ECO-GPL+, ad esempio, rispetto alla versione 1.6 GDI a benzina, conserva la stessa potenza (135 CV/ 99 kW) e velocità massima (178 km/h) sviluppando una coppia massima più alta a parità di giri (167 Nm della versione ECO-GPL+ contro 164 Nm della versione benzina). Se tanto mi dà tanto - vi chiederete - allora il risparmio del GPL si riduce? Non è proprio così, poiché grazie alla tecnologia di iniezione liquida del GPL la KIA Sportage ECO-GPL+ fa spendere poco più della metà rispetto alla versione benzina per percorrere 10 mila km, cioè 508 euro invece di 997 euro (prezzi di riferimento 0.573 euro/l GPL - 1.454 euro/l benzina aggiornati al 21 dicembre 2015). Cambiando modello tra quelli della gamma KIA ECO-GPL+, Sportage e Soul, Venga e Rio, il vantaggio è pressoché lo stesso in proporzione, mentre la tecnologia bifuel che equipaggia le auto cambia in base al propulsore installato, questo sia che si tratti di una KIA ECO-GPL+ (ad iniezione sequenziale fasata gassosa o iniezione diretta liquida) che di un qualsiasi altro modello di auto in circolazione, dai vecchi motori a carburatori, sino ai più moderni turbo ad iniezione diretta. Ne parliamo nel prossimo video dedicato a quanti tipi di impianto GPL esistono in commercio.

Condividi: