Test seggiolini auto 2014 II: 6 su 10 economici sono pericolosi

Il TCS mette alla prova i seggiolini auto economici dimostrando che la convenienza del prezzo non garantisce sicurezza e protezione ai bambini

27 ottobre 2014 - 9:00

I seggiolini per auto sono dispositivi obbligatori per il trasporto dei bambini che servono a trattenerli adeguatamente in caso d'incidente. Molti prodotti in commercio, di marchi anche piuttosto noti, si propongono ad un prezzo allettante e sembrano identici a quelli più costosi, anche se per un genitore non è facile poi capire quanto è sicuro sotto la fodera un seggiolino economico. Ecco perché il TCS ha testato 10 seggiolini di diverse categorie tra i più economici sul mercato, verificando che nella maggior parte dei casi (6 su 10) più è basso il prezzo è più alti sono i rischi per la sicurezza dei bambini.

IL PIU' SICURO HA UN PREZZO MEDIO – Che la sicurezza dei seggiolini auto per bambini non è una prerogativa dei prodotti più costosi, il Touring Club Svizzero l'ha dimostrato nella prima tornata del Test seggiolini auto 2014, dal quale è emerso che non sempre il prodotto dal prezzo più alto si dimostra migliore in tutte le prove. Ma ciò non deve spingere i genitori a pensare che “tanto vale spendere per il prodotto più economico” perché dalle prove effettuate sui 10 seggiolini auto con un prezzo da 42 a 108 euro solo uno, il Nania BeOne SP (fino a 13 kg – 75 euro), è “molto consigliato” per la sicurezza in caso di collisione, la maneggevolezza e l'assenza di sostanze nocive. Altri 6, invece, oltre a non trattenere il bambino adeguatamente nei crash test frontale e laterale, contengono elevate quantità di sostanze tossiche e non si montano facilmente.

NANIA SICURO MA CON TROPPE SOSTANZE NOCIVE – Nella comparativa dei seggiolini auto economici nessun prodotto ottiene il punteggio più alto (eccellente) e solo 4 hanno dimostrato di proteggere adeguatamente il bebè in caso d'incidente. Ma il discreto voto parziale nelle singole prove è costata la valutazione “consigliato” ai seggiolini Nania Racer SP (9-36 kg – 65 euro), Fisher Price FP3000 (9-36 kg – 108 euro) e Fisher Price FP4000 (15-36 kg – 75 euro), pur senza particolari lacune degne di nota. Durante le prove i tecnici svizzeri hanno analizzato la sicurezza in caso di collisione a 64 km/h, la maneggevolezza nel montaggio con l'aiuto delle istruzioni, l'ergonomia, gli aspetti pratici e la presenza di sostanze tossiche. Sebbene la sicurezza sia il parametro che ha decretato la bocciatura di molti seggiolini, pur avendo ottenuto un buon punteggio parziale nella prova d'urto e nella maneggevolezza, il Nania Starter SP (15-36 kg – 58 euro) è stato bocciato (con giudizio “non consigliato”) a causa dell'alto tenore di plastificanti (idrocarburi policiclici aromatici – PAK).

SOLO GLI AIRBAG A TENDINA COLMANO ALCUNE CARENZE – Per gli altri 5 seggiolini economici che non hanno convinto i tecnici, la prova di collisione frontale e laterale in tutte le configurazioni è stata decisiva. Il Nania Safety Paris SP (fino a 18 kg – 65 euro) e il Tiggo Bebehut (9-36 kg – 42 euro) non hanno superato il test della collisione frontale a 64 km/h, molto più severo rispetto ai 50 km/h prescritti dalla legge. Nella collisione laterale non hanno convinto i tre prodotti di United-Kids, Alpha Deluxe (9-36 kg – 66 euro), Kid Comfort (9-36 kg – 83 euro) e Kidstar (9-36 kg – 75 euro) e il Tiggo Bebehut. I loro supporti dorsali amovibili, che consentono la sistemazione di bambini più grandi, non garantiscono la protezione del capo e questo difetto non può essere compensato solo dagli airbag a tendina installati nelle vetture più recenti.

1 BAMBINO SU 2 VIAGGIA INSICURO – La maneggevolezza del seggiolino ha un peso notevole nella valutazione del TCS poiché permette di montarlo correttamente minimizzando il rischio di fare pericolosi errori. Infatti nei seggiolini United-Kids e Tiggo Bebehut il passaggio delle cinture è complicato e le istruzioni sono incomprensibili. Un aspetto sottovalutato spesso dai genitori all'acquisto che, secondo un'indagine del TCS, nel 60% dei casi montano il seggiolino nel modo sbagliato. Per essere certi che il seggiolino è montato correttamente i genitori possono orientarsi sull'acquisto di un modello dotato anche di agganci Isofix se presenti sull'auto, una prescrizione per ora solo consigliata dalla norma europea i-Size che ha alzato a 15 mesi l'età oltre la quale il bambino può viaggiare fronte marcia. Un corretto posizionamento è fondamentale per proteggere adeguatamente il bambino in caso di incidente e per sapere quali sono i posti dell'auto che possono accogliere il seggiolino potete consultare il manuale d'istruzioni del veicolo o il file allegato che mostra la compatibilità tra le auto più recenti e il seggiolino per bambini.

SI POSSONO COMPRARE QUELLI ECONOMICI? – Quanto all'acquisto di seggiolini auto economici, il TCS è certo che tra quelli con un prezzo inferiori ci siano altri prodotti validi come il Nania BeOne SP, ma è fortemente sconsigliato orientare l'acquisto su un prodotto non ancora testato solo perché il prezzo è molto allettante. Vuoi saper quali sono i seggiolini migliori? Consulta i risultati degli ultimi test sui seggiolini auto del TCS in allegato.

2 commenti

Patrizio
17:34, 19 febbraio 2015

Buongiorno,
nell'articolo c'è un paragrafo che si intitola “SOLO GLI AIRBAG A TENDINA COLMANO ALCUNE CARENZE” ma alla fine di questo paragrafo scrivete “I loro supporti dorsali amovibili, che consentono la sistemazione di bambini più grandi, non garantiscono la protezione del capo e questo difetto non può essere compensato solo dagli airbag a tendina installati nelle vetture più recenti.”
Sembra che gli airbag a tendina NON compensino tale carenza, ma dal titolo si direbbe il contrario…qual è delle due?

Donato
16:11, 20 febbraio 2015

Gentile lettore,
confermiamo quanto riportato nell'articolo, ringraziandola per averci dato la possibilità di chiarire ulteriormente l'argomento con la sua domanda.
Gli airbag a tendina colmano le carenze emerse nelle prove d'impatto laterali dei modelli testati. Nel caso specifico dei modelli United-Kids, Alpha Deluxe (9-36 kg – 66 euro), Kid Comfort (9-36 kg – 83 euro) e Kidstar (9-36 kg – 75 euro), e del Tiggo Bebehut, l'inefficacia dei supporti dorsali amovibili può essere colmata solo con la presenza di airbag laterali, che però non sono di serie su tutte le auto a partire dall'allestimento più economico.
Cordiali saluti

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Allarme bambini in auto: dal 2022 necessario per le 5 stelle Euro NCAP

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019

Test pneumatici auto classiche: 8 modelli esaminati da AutoBild