Test seggiolini auto 2013: 2 su 25 ricevono 5 stelle

Il TCS confronta 25 seggiolini per auto e per la prima volta due si dimostrano eccellenti in tutte le prove. 10 invece quelli molto consigliati

24 maggio 2013 - 7:00

Il Touring Club Svizzero ha messo alla prova 25 modelli di seggiolini per auto di tutte le categorie, sottoponendoli a 150 collisioni frontali e laterali e 1000 test individuali. La comparativa ha premiato con il massimo dei voti due seggiolini e guida gli automobilisti in una più vasta scelta dei dodici modelli risultati più rassicuranti.

UN VIAGGIO A 5 STELLE – La comparativa 2013 condotta dal TCS sui seggiolini per il trasporto dei bambini in auto si è concentrata come sempre nella valutazione di sicurezza, maneggevolezza, ergonomia, presenza di sostanze tossiche, pulizia e lavorazione. Per la prima volta in 45 anni di test i tecnici svizzeri sono orgogliosi di poter annunciare l'eccellente comportamento di due seggiolini, il Peg-Pérego Primo Viaggio SL e Kiddy Phoenixfix Pro 2 che hanno conquistato il punteggio pieno con 5 stelle. Il guscio Peg-Pérego (fino a giugno solo in Italia), secondo il TCS, è facile da maneggiare grazie alla base Isofix sistemata nell'auto e offre un'ottima protezione in caso d'incidente. Il seggiolino Kiddy Phoenixfix Pro 2 da 9 a 18 kg ha spiazzato gli esaminatori considerando che il modello precedente si era dovuto accontentare di sole 3 stelle per sostanze tossiche presenti nei materiali.

NESSUN RIMANDATO – Mancano l'en plein e si fermano a 4 stelle con la valutazione “molto consigliato” il guscio per bebè Casualplay Baby 0+, Römer Versafix e Peg-Pérego Viaggio1 Duo-Fix K su base Isofix tra 9 e 18 kg e il Chicco Oasys 2-3 Fixplus e Recaro Monza Nova Seatfix IS, nella categoria fino a 12 anni. Particolarmente sicuri nel trasporto di bambini fino a 4 anni in senso contrario alla marcia sono il Cybex Sirona e il Bébé Confort Milofix che hanno ottenuto 4 stelle, a differenza del Klippan Triofix (3 stelle – “consigliato”), carente nella collisione laterale, e del Britax Max-Way (2 stelle – “consigliato con riserva”), complicato da installare a causa delle cinture supplementari. Inadeguata protezione nel crash frontale e presenza di sostanze tossiche penalizzano rispettivamente i modelli Bébé Confort Rubi e Graco Coast. Alla fine della classifica si piazzano con la valutazione “consigliato con riserva” il Jané Strata (cintura non abbastanza tesa per i neonati), il Klippan Triofix (troppo piccolo per i bambini da 15 a 36 kg), il Renoux Stream, (presenti sostanze tossiche e poco maneggevole) e l'IWH Multimax, che sottopone a pressioni troppo elevate nelle collisioni frontali e laterali.

L'OVETTO AL CONTRARIO E' PIU' SICURO – Accertato che, in presenza di airbag frontale non disattivabile, il seggiolino non può essere posizionato al contrario sul sedile del passeggero, il TCS ricorda il posizionamento migliore da mantenere più a lungo. Il guscio per bebè è il migliore supporto da adottare finché la testa del bambino non supera quella dello schienale (circa 13 kg o 18 mesi). Posizionando il seggiolino al contrario invece, si garantisce un'ottima sicurezza per la nuca, particolarmente fragile nei bambini più piccoli, in caso d'impatto frontale. Maggiori informazioni sull'uso del seggiolino di tutte le categorie potete trovarle nella Guida completa per il trasporto dei bambini in auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Allarme bambini in auto: dal 2022 necessario per le 5 stelle Euro NCAP

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019

Test pneumatici auto classiche: 8 modelli esaminati da AutoBild