Test seggiolini auto 2012: ecco i migliori del mercato

La seconda comparativa 2012 sui seggiolini per auto del TCS ne consiglia 6, alcuni migliorati rispetto allo scorso maggio

25 ottobre 2012 - 7:00

La seconda puntata di test del Touring Club Svizzero sui seggiolini per auto si è concentrata su 17 modelli distribuiti quasi omogeneamente tra le diverse classi di peso. Le prove di sicurezza, maneggevolezza ed ergonomia hanno promosso quasi a pieni voti 6 modelli, alcuni dei quali bocciati nelle prove della precedente comparativa 2012.

DUE MIGLIORANO – Grazie alla tempestiva rielaborazione dei seggiolini, che solo qualche mese fa erano stati dichiarati pericolosi in caso d'incidente, i nuovi modelli sono risultati molto più sicuri. Il Kiddy Guardianfix, fissato solo con la cintura, nel test precedente era risultato pericoloso nello scontro frontale mentre la versione rivista e ribattezzata in Kiddy Guardianfix Pro 2, ha dimostrato una protezione migliore con un comportamento definito “buono” nelle stesse prove. Aumentano le stelle anche per il Peg-Perego Viaggio Convertible che aveva conquistato una sola stella (equivalente a non consigliato) mentre nelle vesti del nuovo e migliorato Viaggio Switchabli le stelle sono tre.

PROTEZIONE SCARSA E SOSTANZE TOSSICHE – Tre modelli di seggiolini per bambini sono stati rimandati con il giudizio di “non consigliato” a causa di gravi carenze in sicurezza e una quantità eccessiva di sostanze tossiche rilevate nei materiali. Nello scontro frontale e laterale il Kiddicare Trio Plus per bimbi fino a 25 kg non supera entrambe le prove conquistando zero punti in sicurezza, invalidando i buoni risultati in ergonomia, sostanze nocive e lavaggio. Il guscio del Casualplay Baby Zero non fa meglio, staccandosi durante l'urto frontale a 64 km/h ed è rimandato come il Bébécar Easymaxi EL in cui è stata trovata una concentrazione eccessiva di idrocarburi aromatici policiclici (PAK), ftalati, sostanze ignifughe, fenoli, composti organici dello stagno, coloranti azoici sintetici, formaldeide e metalli pesanti, secondo la norma europea EN-71 (“direttiva giochi per bambini”) e dello standard Ökotex 100.

ACQUISTO SICURO MA NON SUL WEB – I tecnici svizzeri hanno riscontrato che dei modelli testati ben 6 offrono la possibilità di bloccare il seggiolino all'auto tramite gli ancoraggi Isofix e non solo con la cintura. Il sistema di bloccaggio più semplice e facile da usare insieme all'ancoraggio Top-Tether saranno obbligatori sulle nuove vetture omologate da novembre 2012 e alla scadenza del novembre 2014 tutte le auto in circolazione, dovranno esserne equipaggiate. L'aggancio Isofix presente su molte vetture già da qualche anno, ma che non tutti distinguono, consente di evitare banali errori di montaggio del seggiolino che possono rivelarsi fatali in caso d'incidente per il bambino. Poiché però non tutti i seggiolini che dispongono di questa tecnologia (Isofix e Top-Tether) sono compatibili con le vetture in circolazione, il TCS consiglia di controllarne la compatibilità prima dell'acquisto, ma non solo. La seconda comparativa 2012 ha valutato anche la consulenza per l'acquisto on-line di 8 seggiolini acquistabili solo sul web e solo in due casi i tecnici nei panni di genitori premurosi hanno ricevuto risposte chiare ed esaurienti. Quando possibile, il TCS consiglia di valutare personalmente l'acquisto, provando il seggiolino sull'auto e assicurandosi che il montaggio sia solido, che la cintura sia sufficientemente lunga ma allo stesso tempo non faccia traballare il seggiolino. Solo acquistando il seggiolino compatibile con la propria auto si avrà la certezza di offrire tutta la protezione di cui è capace al vostro bimbo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Riduttore Cintura di sicurezza o seggiolino: cosa succede in caso d’incidente?

Test Gomme Invernali 2020: 2 bocciati per lacune su asciutto

Crash test Toyota Yaris: 5 stelle con il nuovo protocollo 2020