Protocollo Euro NCAP: cosa cambia dal 2013 al 2017

I nuovi e più severi crash test slittano al 2015, nel frattempo il protocollo Euro NCAP punta alla sicurezza attiva

29 giugno 2012 - 12:00

Qualcosa già vi avevamo anticipato nell'articolo sulle novità del 2012 del protocollo Euro NCAP, oggi siamo in grado di spiegarvi tutti i dettagli delle modifiche al protocollo Euro NCAP dal 2013 al 2017. L'introduzione dei nuovi parametri, soprattutto i nuovi e più severi crash test, è stata posticipata al 2015. Questo ritardo è voluto e consentirà alle Case di adeguarsi (per i modelli ora in cantiere) ai nuovi requisiti di Euro NCAP. Più tempo anche per inserire nella dotazione dei nuovi veicoli i dispositivi di sicurezza attiva avanzata, tra i quali i sistemi di frenata autonoma (AEBs a bassa e ad alta velocità), limitatori di velocità attivi e sistemi di controllo del superamento delle linee di carreggiata.

TEST ANCHE IN ITALIA – ACI, membro di Euro NCAP, ha da due anni accreditato anche il CSI di Bollate (MI) tra i laboratori ufficiali dei crash test. ACI sponsorizzerà 2 dei 3 crash test condotti dal CSI durante il 2012, tra i quali ci sarà una vettura italiana già settembre, una giapponese ad ottobre (non sposorizzata da ACI) e una terza vettura che ancora ACI deve decidere.

LAVORI IN CORSO – Fin dal lancio della valutazione globale del 2009, Euro NCAP anno dopo anno sta inasprendo i requisiti minimi per ottenere le 5 stelle, aumentando le soglie di punteggio minime. Tutto ciò che vi anticiperemo è riportato in un documento ufficiale del giugno scorso dove viene riassunto tutto il lavoro del Rating Group di Euro NCAP. Il gruppo di lavoro è composto da 14 membri delle varie organizzazioni membre di Euro NCAP che già da settembre 2011 si riunisce periodicamente per discutere e approvare le modifiche al nuovo protocollo. Tanto lavoro si nasconde dietro al risultato finale espresso in stelle, più di quanto si possa immaginare. Ecco le modifiche che dovremo imparare a digerire, qualcosa potrebbe subire ancora qualche piccola modifica, ma almeno sino al 2015 tutto dovrebbe restare invariato.

2013 – Per quanto riguarda la protezione adulti non cambia nulla rispetto al vecchio protocollo. Un nuovo metodo di valutazione sarà utilizzato per verificare la compatibilità fra auto e seggiolini dei bambini, i quali saranno rappresentati dai nuovi manichini Q3 (3 anni) e Q18 (18 mesi) in sostituzione ai vecchi dummies della serie P. Una nuova griglia di punti di impatto sarà implementata per valutare la protezione offerta dal cofano alla testa dei pedoni investiti. Per la categoria Safety Assist avremo l'introduzione degli SAS (sistema di assistenza per la velocità) e non ci sarà più la valutazione dell'SBR (avviso per le cinture slacciate) per il solo lato guida, ma esso dovrà essere presente su tutti i posti anteriori per ottenere 2 punti.

P.Adulti

P.Bambini

P.Pedoni

S.Assist

Front.Offset 16

Crash test 24

Testa 24

SBR 3

 

Installazione 12

Coscia 6

SAS 3

Later.barriera 8

Vettura 13

Ginocchio 6

ESC 3

Later.Palo 8

 

 

 

C.Frusta ant. 4

 

 

 

Tot. Adulti 36

Tot. Bambini 49

Tot. Pedoni 36

Tot. Assist 9

La valutazione totale cambia solamente per il box del Safety assist, che dispone di 3 punti in più per la presenza dei sistemi di assistenza alla velocità, che devono essere installati di serie almeno sul 50% delle vetture vendute in Europa per essere compreso nel punteggio. L'ESC deve essere presente in tutte le vetture per ottenere le 5 stelle.

2013

Adulti

Bambini

Pedoni

S.Assist

5 stelle

80%

60%

60%

65%

4 stelle

70%

60%

50%

55%

3 stelle

40%

30%

25%

30%

2 stelle

30%

25%

15%

20%

1 stella

20%

15%

10%

10%

Peso cat.

50%

20%

20%

10%

L'abbassamento della soglia al 60% al posto del 75% nel box della Protezione Bambini permette alle case di adeguarsi alle nuove e più stringenti richieste del test. Varrà solo per il 2013.

2014 – Per quanto riguarda la protezione adulti sarà aggiunta una misurazione statica del sedile posteriore per verificare la protezione dal colpo di frusta per i posti posteriori. Sempre per quanto riguarda la protezione dal colpo di frusta (nei confronti degli altri veicoli) saranno valutati anche i sistemi AEBs a bassa velocità. La protezione pedoni si aggiorna con l'utilizzo di un nuovo simulacro di gamba, più realistico ed efficace rispetto alla vecchia generazione utilizzata fino ad ora. Per i dispositivi valutati dal Safety Assist verranno assegnati punti agli AEBs efficaci alle medio-alte velocità e ai dispositivi di avviso e mantenimento delle linee di carreggiata (LKD, LDW)

P.Adulti

P.Bambini

P.Pedoni

S.Assist

Front.Offset 16

Crash test 24

Testa 24

SBR 3

 

Installazione 12

Coscia 6

SAS 3

Later.barriera 8

Vettura 13

Ginocchio 6

ESC 3

Later.Palo 8

 

 

 

C.Frusta ant. 2

 

 

 

C.Frusta post. 1

 

 

LDW/LKD 1

AEBs Bassa v. 3

 

 

AEBs Alta v. 3

Tot. Adulti 38

Tot. Bambini 49

Tot. Pedoni 36

Tot. Assist 13

I pesi delle valutazioni si spostano verso il box del Safety Assit. In relazione alla maggiore importanza assunta dalla categoria ora si possono ottenere 13 punti rispetto ai 9 precedenti. I dispositivi devono essere di serie su almeno il 50% delle vetture vendute in Europa. Nel box della protezione adulti si possono ottenere 2 punti extra rispetto al passato per la presenza del sistema AEBs a bassa velocità.

2014

Adulti

Bambini

Pedoni

S.Assist

5 stelle

80%

75%

60%

65%

4 stelle

70%

60%

50%

55%

3 stelle

50%

30%

40%

30%

2 stelle

30%

25%

20%

20%

1 stella

20%

15%

10%

10%

Peso cat.

40%

20%

20%

20%

Oltre al peso maggiore assunto dal box Safety Assit, la Protezione Bambini ritorna con la percentuale del 75%.

2015 – L'anno della svolta. Per il 2015 verranno aggiunti o modificati i crash test della protezione adulti. Un nuovo test frontale si aggiungerà al test Offset, un impatto con musetto pieno con a bordo due manichini Hybrid III 5% che rappresentano una donna di bassa statura. Aggiornata invece la prova di crash test laterale con l'introduzione di un carrellino più aggressivo e pesante di quello utilizzato in precedenza. La protezione bambini vedrà l'ingresso di due nuovi dummy, oltre a quelli già utilizzati: il Q6 (6 anni) e il Q10 (10 anni). Nuovi impattatori per quanto riguarda il crash test dei pedoni renderanno la prova molto più severa da superare.

P.Adulti

P.Bambini

P.Pedoni

S.Assist

Front.Offset 8

Crash test 24

Testa 24

SBR 3

Front.Pieno 8

Installazione 12

Coscia 6

SAS 3

Later.barriera 8

Vettura 13

Ginocchio 6

ESC 3

Later.Palo 8

 

 

 

C.Frusta ant. 2

 

 

 

C.Frusta post. 1

 

 

LDW/LKD 1

AEBs Bassa v. 3

 

 

AEBs Alta v. 3

Tot. Adulti 38

Tot. Bambini 49

Tot. Pedoni 36

Tot. Assist 13

I 16 punti disponibili per la protezione in caso d'impatto frontale verrà divisa per i due crash test separati.

2015

Adulti

Bambini

Pedoni

S.Assist

5 stelle

80%

75%

65%

70%

4 stelle

70%

60%

50%

60%

3 stelle

50%

30%

40%

40%

2 stelle

30%

25%

20%

20%

1 stella

20%

15%

10%

10%

Peso cat.

40%

20%

20%

20%

La richiesta minima nel box Protezione Pedoni potrebbe variare fino al 65%, ma ancora la scelta non è definitiva per via dei nuovi requisiti più severi del crash test. La richiesta minima dei sistemi SAS nella categoria Safety Assist passa al 70%

2016 – Per il 2016 sarà introdotta la valutazione del sistema AEBs progettato per i pedoni nel box della protezione pedoni.

P.Adulti

P.Bambini

P.Pedoni

S.Assist

Front.Offset 8

Crash test 24

Testa 24

SBR 3

Front.Pieno 8

Installazione 12

Coscia 6

SAS 3

Later.barriera 8

Vettura 13

Ginocchio 6

ESC 3

Later.Palo 8

 

 

 

C.Frusta ant. 2

 

 

 

C.Frusta post. 1

 

 

LDW/LKD 1

AEBs Bassa v. 3

 

AEBs Pedoni 6

AEBs Alta v. 3

Tot. Adulti 38

Tot. Bambini 49

Tot. Pedoni 42

Tot. Assist 13

Se la vettura è dotata di AEBs per i pedoni possono essere guadagnati 6 punti in più nel box dedicato.

2016

Adulti

Bambini

Pedoni

S.Assist

5 stelle

80%

75%

65%

70%

4 stelle

70%

60%

55%

60%

3 stelle

50%

30%

40%

40%

2 stelle

30%

25%

20%

20%

1 stella

20%

15%

10%

10%

Peso cat.

40%

20%

20%

20%

La richiesta minima per ottenere le 4 stelle nel box Pedoni è stata portata al 55%. Per ottenere punti con i sistemi AEBs ad alta velocità e LKW/LDW devono essere equipaggiate di serie almeno il 70% delle auto. I dispositivi di controllo della velocità sono valutati solo se di serie su tutti i modelli.

2017 E OLTRE – AEBs, sistemi di controllo della velocità e quelli per il superamento della linea di carreggiata devono essere presenti su tutte le vetture vendute per essere valutati. Non si esclude la valutazione di nuovi dispositivi introdotti nei prossimi anni. Tutte le altre prove dal 2015 in avanti rimarranno invariate con i protocolli delle valutazioni già definitivi. Dal 2016 in poi ancora si aspettano risposte definitive, ma in linea di massima quello che avete letto sarà confermato dai prossimi board di Euro NCAP.

2 commenti

Luca
19:33, 3 luglio 2012

Al 99% la velocità sarà di 56 km/h 😉

Stefano
18:02, 7 luglio 2012

Magari con i futuri nuovi crash laterali le Case si sentiranno più spinte a migliorare la dotazione con gli airbag laterali posteriori, oggi rarissimi. Infatti, attualmente il punteggio max nell'impatto laterale si ottiene senza di essi, ma l'impatto è appunto relativamente blando. Ciò vale per EuroNCAP ma, mi sa, anche per altri famosi enti nel mondo, che non calcolano molto cosa può accadere ai passeggeri posteriori. Nella realtà, immagino che se ad un incrocio un tizio ci venga sparatoCarlo Verard addosso l'energia cinetica non dica “Guarda, non mi scaglio su chi sta seduto dietro perché non ha l'airbag e mi accanisco solo con chi sta davanti!”.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test Seggiolini auto 2020: i migliori del secondo crash test

Si può vendere un'auto con bollo scaduto

Bollo auto non pagato: come verificare

ADAS: le auto con oltre 15 anni fanno il doppio di incidenti gravi