Il crash test DTC sulla slitta di Babbo Natale

La Redazione di SicurAUTO.it vi augura un sereno Natale con questo insolito crash test targato DTC

24 dicembre 2012 - 9:00

Quali pericoli si nascondono dietro al classico lavoro di Santa Claus? Ogni anno deve trasportare milioni di regali per tutti i bambini del mondo, correndo come un pazzo per fare le consegne. Ma in caso di incidente la vecchia e cara slitta di legno come si comporta?

CANDELE – Il laboratorio svizzero DTC ha sviluppato un protocollo interno per valutare la protezione di Babbo Natale in caso di incidente, utilizzando le candele in luogo delle stelle utilizzate da Euro NCAP. L'impatto avviene su una barriera di cemento inclinata di 70 gradi alla velocità di 100 km/h.

ZERO CANDELE – L'impatto della slitta di legno sulla barriera è devastante, la struttura non è in grado di trattenere il conducente XXL vestito di rosso, che va a sbattere la faccia contro la barriera procurandosi lesioni letali durante l'urto. Impaurito dalle possibili conseguenze Babbo Natale ha chiesto agli ingegneri del DTC di effettuare alcune ricerche per migliorare la sicurezza del trasporto natalizio.

MEGLIO L'AUTO – Già utilizzando una Fiat Uno le lesioni si attenuano. L'omone barbuto rischierebbe molto meno, essendo trattenuto all'interno dell'abitacolo. Il risultato per la Uno è di 2 candele. Con la più recente Opel Corsa B (qui la scheda del crash test Euro NCAP) le cose migliorano, anche grazie alla presenza di migliori sistemi di ritenuta, la valutazione sale fino a ottenere 4 candele.

Quindi se Babbo Natale vi porta i regali su una BMW Z3 quest'anno, ora sapete il motivo esatto.

Naturalmente questo crash test semi-serio è un pretesto per augurarvi a nome di tutta la Redazione di SicurAUTO.it un felice Natale e un meraviglioso 2013. Naturalmente in totale Sicurezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ID4 VW: è una delle auto elettriche più sicure per l’IIHS

Crash test auto elettriche e ibride: sicurezza al top per 5 modelli

Crash test Cinture di sicurezza e Airbag: quando sono pericolosi?