IIHS: 6 auto compatte su 12 superano il crash test small overlap

Alla prova del severo crash test IIHS small overlap un gruppo di 12 auto compatte. Solo 6 superano la prova con risultati dignitosi

21 agosto 2013 - 9:00

Nuovo gruppo di auto sottoposte al severo crash test small overlap organizzato da IIHS, questa volta tocca alle berline compatte. Solo 6 vetture hanno superato la prova con un giudizio positivo, di conseguenza sono state premiate con il TOP SAFETY PICK+, premio riservato alle auto che superano a pieni voti tutti i crash test del protocollo IIHS, compreso il nuovo e severo small overlap.

STESSA VELOCITA' – Il crash test avviene alla stessa velocità del classico offset 40% su barriera deformabile, cioè 64 km/h. Tuttavia la severità del test small overlap sta nella sovrapposizione del frontale sulla barriera, che scende dal 40% del test classico al 25%. L'energia dell'impatto si concentra su una parte del frontale solitamente priva di zone di assorbimento urto. Una prova molto dura per la conservazione dello spazio di sopravvivenza dell'abitacolo, e anche del corretto funzionamento dei sistemi di ritenuta, messi anch'essi a dura prova in questo crash test. A bordo siede al posto guida un manichino Hybrid III 50percentile per la misurazione delle lesioni.

HONDA CIVIC – Le due versioni della Honda Civic (2 e 4 porte) sono già state premiate in precedenza con il TOP SAFETY PICK+. Entrambe le vetture hanno ottenuto il miglio giudizio possibile nel test small overlap: buono. I video e i dettagli del loro test li trovate in questo articolo.

DODGE DART – La berlina americana derivata dalla nostra Alfa Romeo Giulietta ha dovuto subire due volte il crash test, a causa di un problema delle telecamere installate a bordo del veicolo. Nel secondo test c'è stato un problema alle cerniere della portiera del pilota, entrambe si sono danneggiate in maniera considerevole e la porta durante i momenti finali dell'impatto si è aperta. Nel primo test si era verificato solamente un danneggiamento eccessivo della cerniera inferiore, ma la porta era rimasta chiusa. Per questo motivo la valutazione della resistenza dell'abitacolo passa da accettabile a mediocre. Le deformazioni della parte bassa dell'abitacolo sono in media di 25 cm, la parte alta arretra di 11 cm. L'airbag frontale, gli airbag a tendina e la cintura di sicurezza proteggono bene la testa del pilota. Le lesioni registrate dal manichino si mantengono su un livello basso. La valutazione complessiva del test è accettabile, che unita alle ottime performances degli altri test, consente di premiare la Dodge Dart con il TOP SAFETY PICK+.

Galleria immagini Dodge Dart

FORD FOCUS – La struttura della Ford Focus non si comporta molto bene, le deformazioni della parte alta dell'abitacolo toccano i 18 cm. La testa del pilota si appoggia inizialmente sull'airbag frontale, poi in un secondo momento scivola sul fianco e rimane scoperta in caso di eventuali contatti con parti interne dell'abitacolo. L'airbag a tendina non copre tutta la superficie del finestrino laterale. Basso il rischio di lesioni registrato dal manichino presente sul posto guida. La Ford Focus ottiene un giudizio accettabile nel crash test small overlap. Complessivamente con i risultati degli altri crash test del protocollo IIHS la Focus ottiene il TOP SAFETY PICK+.

Galleria immagini Ford Focus

HYUNDAI ELANTRA – La Hyundai Elantra ha una struttura un po' debole: le intrusioni si attestano attorno ai 20 cm, con il volante che arretra di 11 cm verso il pilota. La testa ha colpito l'airbag ma è scivolata sul fianco, andando a scoprirsi in caso di eventuali contatti con la plancia. Contatti favoriti anche dalla cintura di sicurezza che permette un eccessivo movimento in avanti del pilota. L'airbag a tendina si attiva correttamente, e copre tutta la zona dei finestrini. Le rilevazioni del manichino indicano un basso rischio di ferite per il pilota. La Hyundai Elantra è stata complessivamente giudicata come accettabile, cosa che le permette di ottenere il TOP SAFETY PICK+.

Galleria immagini Hyundai Elantra

SCION TC – Per il modello 2014 la Scion tC ha subito una riprogrammazione della centralina degli airbag, per un migliore funzionamento in caso di impatto small overlap. La struttura cede troppo, con un arretramento medio di 25 cm della zona bassa. La testa del pilota sfiora l'airbag e rimane scoperta verso la zona della plancia, l'airbag a tendina tuttavia si estende per tutta la superficie dei finestrini. Il manichino ha rilevato una protezione solo accettabile per la gamba sinistra. Il giudizio finale per la Scion tC è accettabile, e il TOP SAFETY PICK+ le è comunque garantito.

Galleria immagini Scion TC

CHEVROLET CRUZE – La Chevroler Cruze è caratterizzata da una struttura che non riesce a reggere l'impatto. Le deformazioni del montante anteriore superano i 20 cm, il volante inoltre arretra di oltre 11 cm. La testa sfiora l'airbag e va in una posizione di potenziale pericolo, l'airbag a tendina non si estende a sufficienza per proteggere la testa del pilota. Nonostante ciò la protezione offerta al pilota è di buon livello, ma visto il comportamento della scocca e dei sistemi di ritenzione il giudizio finale si ferma a mediocre.

Galleria immagini Chevrolet Cruze

CHEVROLET SONIC – La Sonic è venduta in Europa come Chevrolet Aveo. La struttura si comporta dignitosamente, con intrusioni massime di 15 cm a livello del montante anteriore. I sistemi di ritenuta si comportano male, la testa sfiora l'airbag e la cintura permette un eccessivo movimento in avanti per il pilota. L'airbag a tendina si gonfia molto in ritardo, quando la testa si è già spostata a sinistra e torna indietro sul sedile, col risultato che la testa si trova all'esterno rispetto al sacco aperto. Le lesioni riportate dal pilota sono di media entità per quanto riguarda le gambe. Complessivamente la Chevrolet Sonic ottiene una valutazione marginale.

Galleria immagini Chevrolet Sonic

VOLKSWAGEN BEETLE – La nuova versione della compatta Volkswagen si comporta bene a livello strutturale, con intrusioni comprese fra i 17 cm della parte alta dell'abitacolo e 11 cm per la parte bassa. I sistemi di ritenuta però ottengono un risultato scarso. La testa del pilota sfiora l'airbag e a causa anche di una cintura troppo lasca si muove eccessivamente in avanti. L'airbag a tendina è sostituito da un airbag laterale testa/torace che non offre nessuna protezione al pilota in questo tipo di crash test. Nonostante una riprogrammazione della centralina airbag non si è nemmeno aperto durante il crash test. Le lesioni registrate dal pilota sono comunque basse. La Volkswagen Beetle ha ottenuto una valutazione mediocre.

Galleria immagini Volkswagen Beetle

KIA FORTE – L'abitacolo della Kia Forte collassa durante il crash test. I sistemi di ritenuta, uniti allo spostamento di 23 cm verso destra del volante, consentono alla testa del pilota di andare a toccare il montante anteriore durante l'impatto. Lesioni alla testa a livello accettabile, gravi invece quelle occorse al femore sinistro. Di media entità i rischi di frattura per il ginocchio e la tibia sinistra. Il risultato finale della Kia Forte è insufficiente.

Galleria immagini Kia Forte

KIA SOUL – Protagonista del test la versione della Kia Soul che verrà presto sostituita dal nuovo omonimo modello, completamente riprogettato. La struttura non regge la spinta dell'impatto, il volante si sposta di 15 cm verso il pilota e verso destra. Le deformazioni del montante anteriore arrivano in alcuni punti a sfiorare i 30 cm. La testa sfiora l'airbag prima di scivolare verso sinistra in una zona di pericolo, in aggiunta l'airbag a tendina non si aziona, lasciando la testa del pilota pilota senza copertura sul fianco. Il sedile del pilota si piega verso il montante centrale. Possibili lesioni alla gamba sinistra. La Kia Soul ottiene una valutazione insufficiente in questo crash test.

Galleria immagini Kia Soul

NISSAN SENTRA – Oltre 34 cm di intrusione nella parte bassa del montante anteriore per la Nissan Sentra. Il volante si sposta 15 cm verso destra, rendendo vana la protezione offerta dall'airbag. L'airbag a tendina si gonfia, ma la sua estensione non è sufficiente a coprire tutta la zona del finestrino anteriore. Lesioni possibili per il femore sinistro e in misura più grave anche per il ginocchio e la tibia. La Nissan Sentra è stata valutata insufficiente da IIHS.

Galleria immagini Nissan Sentra

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

IIHS, Alcol e Marijuana: il 33% si mette al volante subito dopo il mix

Crash test Alce, all’inventore del manichino il Premio Ig Nobel 2022

Honda WR-V: deludente nei crash test Latin NCAP con 1 sola stella