Crash test Euro NCAP: 5 stelle per i veicoli commerciali Toyota e PSA

L'ultima sessione di test Euro NCAP 2015 si chiude con il massimo dei voti per i VAN Toyota, Peugeot e Citroen. Dal 2016 ci sarà nuova valutazione

16 dicembre 2015 - 15:07

Appena pubblicati da Euro NCAP gli ultimi tre crash test dei modelli testati con il protocollo 2015: si tratta dei tre Van Citroën Spacetourer, Peugeot Traveller e Toyota Proace, che vanno a completare la ricca sessione di due settimane fa (scopri i risultati). Ricordiamo che tutti i modelli testati durante l'anno, ad eccezione di questi tre veicoli commerciali, sono stati sottoposti al nuovo crash test frontale full a 50 km/h che mette alla prova la delicatezza di cinture e airbag verso persone di bassa statura e peso. Per vedere tutti i test del 2015 vi rimandiamo alla pagina specifica dell'area crash test. Per tutte le novità introdotte dal 2016 nelle prossime settimane ci sarà un grande speciale che vi spiegherà nel dettaglio tutti i cambiamenti. Ricordiamo come questa prova “trina” sia in realtà una, perché si tratta di veicoli che derivano da un unico progetto – come è accaduto per le citycar Citroën C1, Peugeot 108 e Toyota Aygo – e le valutazioni sono quindi perfettamente identiche per i tre Van sotto esame; per questo motivo indichiamo soltanto i risultati del Peugeot Traveller. Per questa categoria le valutazioni sono un po' meno stringenti rispetto a quelle per le automobili: l'urto frontale a tutta larghezza, per esempio, non viene eseguito, la velocità di quello parziale è minore e anche le dotazioni di Safety Assist richieste sono meno complete.

Peugeot Traveller – 5 stelle ben meritate per il Van francese che raggiunge un buon 87% nella protezione degli adulti. Nell'urto frontale con offset (il crash test full width non viene eseguito per i veicoli commerciali) si sono riscontrati alti valori di protezione per le gambe e la testa di passeggero e conducente e una protezione del torace adeguata. Meno buona la situazione nella simulazione del tamponamento (i poggiatesta ed i sedili vengono valutati con misurazioni geometriche), dato che l'insufficiente protezione offerta dai poggiatesta posteriori appanna l'ottimo risultato di quelli anteriori. Anche negli urti laterali si riscontra un andamento non uniforme: testa, gambe e bacino sono ben protetti nella simulazione con la barriera mentre nell'impegnativo pole test si è riscontrata una compressione delle costole tale da far definire la protezione soltanto marginale. Di alto livello la protezione dei bambini, con 12 punti per piccoli fino a 18 mesi e 10,6 punti per quelli di 3 anni (è risultata soltanto una lieve trazione del collo), e valida la compatibilità con lo standard Isofix; il tutto è completato da una chiara indicazione dello stato dell'airbag lato passeggero. Anche gli urti laterali sono ben gestiti dal Traveller (e dai suoi gemelli), dato che gli spostamenti ridotti rendono improbabili contatti con la carrozzeria. Meno buona la protezione dei pedoni: se il paraurti è molto protettivo per le gambe (il bordo del cofano non viene valutato per questi veicoli) il cofano lo è meno e la zona dei montanti e il lato inferiore del parabrezza sono giudicati insufficienti, soprattutto per la testa degli adulti. Buone notizie dal comparto dei Safety Assist, che totalizza il 78% dei punti disponibili dato che quelli richiesti sono tutti di serie: il limitatore della velocità è stato valutato solo mezzo punto ma il controllo della stabilità funziona bene e il seatbelt reminder è efficace.

MODELLO





RISULTATO

Citroën Spacetourer

87%
91%
64%
78%

Peugeot Traveller
87%
91%
64%
78%

Toyota Proace
87%
91%
64%
78%

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Citroën cambia Brand Identity: nuovo logo dal 2023

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP