Euro NCAP: dal 2026 valutazione su rischio incendio auto elettriche

Ecco come cambia il protocollo Euro NCAP con la Vision 2030 che avrà nuovi test e valuterà anche il rischio di incendio delle auto elettriche e a idrogeno

10 novembre 2022 - 11:35

Euro NCAP ha annunciato il più importante aggiornamento degli ultimi anni nella valutazione della sicurezza delle nuove auto immesse sul mercato. Il piano “Vision 2030: a Safer Future for Mobility” anticipa il nuovo protocollo Euro NCAP dal 2026 con nuovi test sui sistemi ADAS obbligatori dal 2022. Saranno introdotti anche i test virtuali per la protezione degli utenti più vulnerabili della strada. Inoltre una delle novità riguarderà anche la valutazione del rischio d’incendio delle auto elettriche e di instabilità termica della batteria al litio. Ecco come cambieranno i crash test Euro NCAP dal 2026.

NUOVE CATEGORIE PER I PUNTEGGI DEI CRASH TEST EURO NCAP DAL 2026

I test sui sistemi ADAS e le tecnologie di guida assistita e automatizzatasi saranno una parte preponderante delle nuove prove Euro NCAP. Già oggi infatti l’area di valutazione Safety Assist è fondamentale per ambire alle 5 stelle ma a volte i sistemi di prevenzione incidenti si dimostrano poco efficaci in condizioni di maltempo o buio. Con il nuovo protocollo Euro NCAP dal 2026, il consorzio stimolerà ancora di più le Case auto a migliorare la sicurezza dei veicoli con valutazioni mirate in 4 aree strategiche che diventeranno le nuove categorie per l’attribuzione dei punteggi:

sicurezza alla guida. Monitoraggio occupanti, assistenza alla velocità, assistenza alla guida (ACC, mantenimento centro corsia) e sistemi di guida autonoma;

prevenzione incidenti. AEB e sterzata automatica di emergenza verso auto, pedoni, ciclisti e motocicli e mantenimento corsia con intervento brusco in caso di emergenza;

protezione negli incidenti. Impiego del solo manichino Thor per i crash test e test più rappresentativi della popolazione europea per genere ed età;

sicurezza post incidente. Schede di soccorso; sistema di eCall anche avanzati; sicurezza termica su sistemi a idrogeno, fuel cell e batterie al litio.

COME CAMBIERANNO I CRASH TEST EURO NCAP DAL 2026

Il protocollo Euro NCAP sarà operativo a partire dal 2026, con un aggiornamento pianificato ogni 3 anni per stimolare sempre di più le Case auto a conseguire la Vision Zero su vittime e feriti gravi negli incidenti stradali. Le principali novità anticipate da Euro NCAP riguarderanno:

– valutazione dei sistemi che contribuiscono ad aumentare la sicurezza alla guida e prevenire il verificarsi di un incidente, come l’Intelligent Speed Assistance, tra gli ADAS obbligatori dal 2022. Sarò introdotto un incentivo relativo all’efficacia dei sistemi che monitorano la stanchezza e la distrazione alla guida;

– test e valutazione dei sistemi di assistenza alla guida assistita e automatizzata. Saranno introdotti test che simulano ambienti stradali reali per valutare l’interazione uomo-macchina (HMI);

– per adeguare le prove al progresso tecnologico delle auto saranno introdotti test sui sistemi di connettività V2V, V2I e V2X;

– crash test per valutare la sicurezza passiva delle auto considerando in modo più ampio la parità di genere, con manichini femminili e l’invecchiamento della popolazione che necessita l’utilizzo di sistemi di ritenuta più delicati; il test del palo rimarrà, ma sarà eseguito di default con i due occupanti anteriori, anche senza airbag centrale; si faranno simulazioni per persone di taglia, sesso ed era differenti; si valuterà se incrementare la severità del crash test offset visto il cambiamento del parco auto (più pesante) e se mettere il manichino donna al posto guida; sarà utilizzato un nuovo dispositivo gamba da utilizzare nei test con pedoni e saranno aumentati i punti di impatto alla testa dei ciclisti;

– saranno introdotti gradualmente test virtuali che accompagneranno i test reali in laboratorio per genere e stazza diversa degli occupanti anche per il colpo di frusta;

“Le auto stanno diventando sempre più tecnologiche e connesse. Non viviamo ancora in un’era di auto a guida completamente autonoma, ma le tecnologie di supporto alla guida si stanno diffondendo in modo massiccio”, ha dichiarato Niels Ebbe Jacobsen, Presidente di Euro NCAP. “Data l’importanza di queste tecnologie, sarà adottato un approccio di bonus/malus alle auto che offrono questi sistemi”.

PIU’ SICUREZZA PER I SOCCORRITORI CHE INTERVENGONO SULLE AUTO ELETTRICHE E A IDROGENO

Euro NCAP è tra i promotori della sicurezza anche per i primi soccorritori che intervengono dopo un incidente. Ha infatti contribuito in modo determinante alla realizzazione dell’App Euro Rescue basata sulla norma ISO 17840 e che contiene tutte le informazioni più utili per intervenire nel più breve tempo possibile sulla maggior parte delle auto in circolazione. Anche in ragione della maggiore diffusione di veicoli ad alimentazione alternativa, una priorità emersa anche durante il Convegno sulla Sicurezza delle batterie al litio a cui ha partecipato SicurAUTO.it, saranno introdotte infatti valutazioni sulla stabilità termica e Thermal Runaway delle batterie al litio, nonché rischio elettrico, di riaccensione della batteria e gestione dell’energia residua, sia per le auto con batterie al litio sia con celle a combustibile (idrogeno).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

stellantis modello distribuzione europa

Stellantis: le auto a basse emissioni più vendute in Italia nel 2022

Freni delle auto elettriche: fino a 20 kg in meno di quelli normali

Mercedes: auto elettriche più veloci a pagamento, ma la sicurezza?