Dacia Duster 3 stelle Euro NCAP: SicurAUTO contatta Renault

Pubblicati i crash test Euro NCAP sul SUV rumeno, SicurAUTO ha chiesto chiarimenti a Renault in merito allo scarso risultato raggiunto.

26 febbraio 2011 - 20:30

Dopo aver appreso lo scarso risultato registrato dalla Dacia Duster durante gli ultimi crash test Euro NCAP (qui la scheda), la redazione di SicurAUTO.it ha contattato Renault Italia, chiedendo una replica ufficiale della Casa alle dure parole di Euro NCAP: “E 'deludente che una Casa madre come la Renault non dia la stessa priorità di sicurezza alle automobili Dacia, così come avviene sulle auto vendute con marchio proprio”.

LE NOSTRE DOMANDE – Considerate le tre stelle un risultato assolutamente poco convincente SicurAUTO.it ha ritenuto necessario interpellare Renault Italia per capire se la dotazione di sicurezza della Duster sarà migliorata e se ci saranno eventuali modifiche progettuali.

LA RISPOSTA UFFICIALE – Renault Italia ha prontamente risposto alle nostre domande portanto però alcune argomentazioni che ci hanno lasciati un po' perplessi, vediamole insieme.

“La Duster ottenendo 3 stelle è in linea agli obiettivi di Dacia, come Logan e Sandero è un veicolo affidabile e robusto in linea con le reali esigenze dei clienti.”

E' davvero un peccato notare come la Renault, il marchio più premiato in sicurezza nonchè il primo al mondo ad aver ottenuto le famose 5 stelle Euro NCAP, si sia posto un obiettivo così basso per il suo SUV low cost. Si tratta pur sempre di una vettura con ambizioni da “auto di famiglia” e le cui vendite sono in crescita. Inoltre va ricordato che ormai da anni quasi tutte le auto sottoposte a crash test ottengono facilmente 4 o 5 stelle (vedi i crash test del 2009 e 2010), anche quelle che costano come la Dacia Duster o poco più.

Ma passiamo alle dotazioni di sicurezza passiva presenti di serie:

“La Duster è dotata di struttura a deformazione programmata, architettura alta della scocca (altezza e montante centrale contribuiscono alla protezione dei passeggeri), airbag frontali di serie, airbag laterali di serie dall'allestimento Ambiance, cinture di sicurezza con limitatori di carico di serie, a richiesta disponibili i pretensionatori pirotecnici, allarmi visivi e sonori per le cinture di sicurezza anteriori”

Anche qui abbiamo alcuni dubbi sulla posizione di Renault. In primis i pretensionatori pirotecnici opzionali: si tratta di dispositivi dal costo irrisorio ma che possono migliorare enormemente il lavoro di sincronismo tra airbag e cinture (limitando eventuali lesioni). Farli pagare optional è davvero una novità, specie perchè i clienti nemmeno sanno cosa sono, figuriamoci quindi se saranno disposti a chiederli come optional (specie se sul configuratore online non si trova questa voce da nessuna parte…). Il pretensionatore è un dispositivo assolutamente fondamentale perchè aiuta a recuperare centimetri preziosi di nastro proprio nei primissimi istanti dell'impatto, mettendo gli occupanti nella migliore posizione durante il gonfiaggio dell'airbag. Per quanto riguarda gli airbag laterali riteniamo opportuno che, anche questi, vadano installati di serie su tutti gli allestimenti del SUV rumeno, la loro buona funzionalità è stata dimostrata da Euro NCAP e si rivelerebbe fondamentale in caso di urto laterale.

ARRIVA L'ESP – Perchè un'auto a baricentro alto, come la Duster, non è stata equipaggiata di ESP? Questo sistema è infatti disponibile come optional (270 €uro) solo su pochissime versioni, peraltro limitatamente alla motorizzazione Diesel. Anche in questo caso abbiamo girato la nostra perplessità a Renault che ci ha risposto:

“L'ESP sarà esteso, all'interno della gamma Dacia, in funzione dell'evoluzione della regolamentazione e della domanda cliente. I veicoli Dacia non hanno bisogno dell'ESP per garantire un comportamento stradale sicuro. Inoltre, la logica di acquisto dei nostri clienti è molto razionale. Non tutti i clienti Dacia sono pronti a pagare per avere l'ESP di serie. In particolare, per quanto riguarda Duster, evidenziamo che, in Italia, solo il 43% dei clienti ha scelto di avere l'ESP. Ad ogni modo, nel corso del 2011, in Italia, l'ESP sarà reso disponibile in opzione, su Duster, su tutti i livelli di equipaggiamento/motorizzazioni”

Per prima cosa non siamo proprio certi che i veicoli Dacia senza ESP abbiano un comportamento stradale sicuro, come abbiamo visto tempo fa in una prova indipendente la Duster alzava pericolosamente le ruote in una manovra di scarto (qui l'articolo). Un dato ci ha però positivamente sorpreso: nonostante la loro bassa propenzione a spendere il 43% dei clienti Dacia ha dotato di ESP la propria Duster. Un valore ancora basso ma che speriamo possa crescere con l'arrivo di questo optional anche nei listini più “bassi”.

LOW COST, LOW SAFETY – Restiamo un po' con l'amaro in bocca quando leggiamo “i nostri clienti sono molto razionali e non tutti sono pronti a pagare per avere l'ESP di serie”. Considerati i costi del sistema lato costruttore crediamo che si debba fare di più anche in questo senso, lasciare il tutto in mano alla scarsa informazione del cliente o del venditore produce i risultati che conosciamo. Meglio aumentare il listino di 200 €uro e dare più sicurezza attiva ai propri clienti (che poi pagheranno solo qualche euro in più al mese di rata). Solo così si potrà evitare che l'equazione basso costo = bassa sicurezza resti ancora una triste realtà del nostro panorama automobilistico. E quale marchio, se non quello “più premiato in sicurezza”, potrebbe cominciare a dare l'esempio?

7 commenti

Alberto
14:31, 27 febbraio 2011

C'è un piccolo “imbroglio” nei calcoli fatti dall'Euroncap. Propongo che chi fa i test venga testato a sua volta in matematica, o che lo si doti di calcolatrice.

Considerando il protocollo del 2010 (ultimo disponibile. Sarà variato di poco dal 2012)

Scontro frontale = ottiene 11 punti su un massimo di 16 (68.75%)
Scontro laterale = ottiene 7.2 punti su un massimo di 8 (90%)
Prova del palo = ottiene 6.0 punti su un massimo di 8 (75%)
Colpo di frusta = ottiene 2.5 punti su un massimo di 4 (75%)

Questi elementi formano il giudizio totale per la protezione adulti
che sommano 26.7 punti (vengono arrotondati a 27) con una percentuale totale del 74%. Per la protezione adulti questa percentuale pone la Duster nel mezzo della fascia fra le 4 e le 5 stelle.

Protezione bambini: 78%, perciò 5 stelle
Protezione pedoni: 28%, perciò 4 stelle
Sistemi di sicurezza: 2 punti su 7 (29%) senza ESP, perciò nella fascia fra 3 stelle e 4 stelle.

In conclusione abbiamo: 4 stelle protezione adulti, 5 stelle protezione bambini, 4 stelle protezione pedoni e 3 stelle per i sistemi di sicurezza. Sommando le stelle e facendo la media (perchè questo fa l'euroncap) abbiamo 4 stelle e non 3 come dichiaranto!
Il totale delle stelle è 16, e dividendo per i 4 esami del test fa una media di 4 stelle!!!
Regaliamo una calcolatrice all'euroncap!

Inoltre se aggiungiamo l'ESP (3 punti in più) sui sistemi di sicurezza ottiene 5 punti su 7, cioè il 75% che sta ben oltre il valore per le 5 stelle. In questo modo le stelle totali salirebbero a 18 per una media di 4.5 stelle!!!

Quindi la Duster è un'auto che ha come minimo 4 stelle e si avvicina a 5 se dotata di ESP!

Luca
0:10, 28 febbraio 2011

Ciao Alberto,

volevo correggere alcuni punti della tua riflessione, e spiegarti perché la Duster ha ottenuto le 3 stelle.Innanzitutto la tabella che citi tu funziona diversamente, così come l'assegnazione dei punteggi finali.

Funziona praticamente così:

La Duster ha ottenuto
-74% protezione adulti
-78% protezione bambini
-28% protezione pedoni
-29% safety assist

Una volta formulate le singole percentuali si prende la tabella e si verifica: protezione adulti range 4 stelle, protezione bambini range 5 stelle, protezione pedoni range 5 stelle, safety assist range 3 stelle.

La tabella in questo caso ha indicato come risultato più basso la sezione "safety assist? 3 stelle, ed è quella che si utilizzerà come risultato finale. Infatti non si esegue una media aritmetrica fra le stelle di ogni singolo settore, ma si prende direttamente il risultato più "scarso? tra i quattro settori testati.

Nel caso in cui fosse per assurdo di serie su TUTTE le Duster l'ESC (prendo il tuo calcolo come esempio, non lo sto a ricontrollare) si ottiene il 75% di safety assist, che va nel range delle 5 stelle. Tuttavia la protezione adulti si ferma a quello delle 4 stelle, essendo inferiore all'80% minimo delle 5 stelle.

Quindi in quel caso la Duster otterrebbe 4 stelle.

That's all 🙂

Se hai altri dubbi sono qui per parlarne?

Luca Comandini

Alan
16:57, 5 marzo 2011

Purtroppo il marketing spinge sull'ignoranza o l'affezionamento ad un determinato marchio del cliente per promuovere un modello. Ma occorre a volte fermarsi e ragionare con la propria testa per trovare la soluzione (o il compromesso quando mancano i soldi) migliore.

Personalmente premetto non ho nulla contro Dacia, nè contro Renault. Producono per me auto belle e robuste. Ma Dacia non può confondere la mancanza di sicurezza con il desiderio di spartanità ed economia del cliente. Porto il mio esempio per capirci:

-Maggio 2010: mia moglie ha un incidente con la mia storica Ford Fiesta del 1994. Non si fa male nessuno per fortuna ma la vettura è da buttare. Partono subito le ricerche ed il pellegrinaggio per concessionarie per comprare una segmento B nuova.

Il budget è limitatissimo: 10-11.000 euro per una compatta 5 porte a GPL. Molte vetture dei marchi considerati importanti restano fuori budget. Aggiungendo infatti un minimo di optionals si sfondano i 12-13.000 con molta facilità (anche per una Panda!).

Fra le palpabili anche la Sandero: robusta e piacevole. Il modello ha un buon successo. Se ne vedono moltissime in giro, e questo è indice di un modello riuscito e di moda.

Tuttavia una volta fatti due conti (all'epoca Dacia vendeva moltissimo e non praticava sconti, adesso non so). La Sandero laureate costa 300 euro in più della Hyundai i20 classic. Dotando la i20 del pack2 (700 euro), mi trovo una dotazione di tutto rispetto, comprensiva di dispositivi di sicurezza come ESP/TCS disattivabile, 4 freni a disco, fendinebbia e comandi della radio al volante.

Differenza: la i20 (***** euroncap) con ESP e 4 dischi costa solo 400 euro in più della Sandero (***) senza esp. La differenza di prezzo non è esagerata, ma si deve aggiungere che la i20 ha una dotazione di accessori completa e la Sandero abbastanza scarsa (niente autoradio). In ogni caso non è una cifra

Io ora mi chiedo: come mai di Sandero se ne vendono come il pane e di i20 se ne vedono poche in giro?

A questo punto reputo che molta gente guarda più alla sicurezza data dal marchio che a quella effettiva di progetto. Se la priorità fosse veramente un mero dato economico, chiunque capirebbe che, con queste differenze di prezzo, la i20 è un affare rispetto alla Sandero. Ma la cultura automobilistica italiana è figlia di tradizioni dure a morire, e guidare un mezzo “in” è più importante dei contenuti dello stesso.

In definitiva Se Dacia prestasse più attenzione alla sicurezza potrebbe incamerare ancora più clienti. Io non vedo questo come un ostacolo alla diffusione del marchio, e non concordo con Renault Italia.

Resta il dubbio che vogliano evitare ulteriori dispositivi di sicurezza perchè se no il prezzo si allineerebbe troppo alla concorreza più blasonata, facendo perdere automaticamente clienti.

Un augurio, ed un attestato di simpatia, in ogni caso, a Dacia, sperando che la sicurezza sia considerata con il giusto peso in un futuro vicino.

Andrea
21:34, 5 marzo 2011

Volevo fare un commento alla valutazione EuroNCAP.

Protezione adulti: ha preso 26,7/36=74%
Questo risultato è stato ottenuto considerando 2 punti di penalizzazioni per apertura sportelli (il portellone dietro dopo l'urto frontale e quello guidatore dopo l'urto test laterale). Siamo sicuri che sono influenti per la salute dei passeggeri ? Senza queste due penalizzazione avrebbe ottenuto 80%…

Protezione bambini: ha preso 38/49=78%
Secondo l'EuroNCAP l'informazione fornita al conducente riguardo lo stato dell'airbag non è sufficientemente chiara (??? c'è una spia sulle altre macchina è la stessa cosa).Sebbene il pericolo di usare un seggiolino contromarcia senza prima disabilitare l'airbag sia chiaramente mostrata, l'etichetta è adesiva e si può staccare.
Infatti becca solo 3punti come “vehicle based assestment” (bah??? date un'occhiata al protocollo)
Sulla grande punto il 50% degli utenti non è in grado di disabilitarlo perchè deve giocare per 5minuti con i menu (tipo mode/set) e ha preso 5 stelle…

Protezione pedone: ha preso 10/36=28%
Io un'auto la prendo per la sicurezza che offre agli occupanti non ai pedoni, se è una biga con i rostri ai lati ed è pericolosa per i pedoni non andrebbe omologata non avere un basso punteggio sulla sicurezza…
Invece una Q7 che pesa il doppio ed ha gli stessi limiti di velocità per le altre macchine è sicurissima ???

Safety assist: ha preso 2/7=29%
A parte che l'ESP le diesel lo possono avere e sulla Laureate 4×4 è pure di serie, poi 25% per il limitatore di velocità (utilissimo sulla duster che fa 160Km/h secondo loro quando sei a 130 non te ne accorgi ???) e un bel 25% per i cicalini che ti avvisano che non hai la cintura ? Sono certo elementi fondamentali per la sicurezza… L'ESP poi basta averlo, non serve che funzioni. Non ne viene testata ne la necessità ne l'efficacia. Non mi pare questi fattori debbano influire sul giudizio di sicurezza di un'auto. Io dovessi proprio mettere nei criteri di valutazione i sistemi di assistenza alla sicurezza metteri il sistema di frenata automatica in caso di urto imminente, il sistema che ti avvisa se qualcuno ti stà sorpassando e non lo vedi nel punto cieco dello specchietto e un sistema di realtà aumentata per la nebbia, e menate del genere che possono DAVVERO essere utili. Chissà se oltre a non testare l'ESP non testino neanche l'ABS. Magari una bella misura dello spazio di frenata su asciutto e bagnato no ? Quella non incide sulla sicurezza più di un adesivo o un cicalino ?

A parte questo alla Dacia sono dei polli bastava leggersi il protocollo e co' 50? prendere
un paio di stelle in più…

Andrea
9:54, 6 marzo 2011

Mi correggo l'ESP non è MAI di serie ma si può avere come optional assieme al traction control sulla 4×4 diesel.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP

Renault Megane E-TECH: nel test dell’alce è imprevedibile

Crash test Alce, all’inventore del manichino il Premio Ig Nobel 2022