Crash test Latin NCAP: chiuso il 2013 con tante promozioni

Fase conclusiva del 2013 per i crash test Latin NCAP. Quattro vetture ottengono le 5 stelle nei nuovi test

14 gennaio 2014 - 10:00

L'anno 2013 dei crash test Latin NCAP si chiude con un notevole numero di auto a 5 stelle. Le due fasi finali tenutesi a novembre e a gennaio hanno visto protagoniste 7 modelli, 6 di costruzione sudamericana e una fabbricata negli USA.

NUOVE NORME – Da segnalare anche l'introduzione dell'obbligo di equipaggiare le vetture di nuova immatricolazione in Brasile con i due airbag frontali e l'ABS a 4 canali. Obbligo che sancisce la fine di modelli obsoleti che non riescono ad adeguarsi alla normativa, tra i quali il Volkswagen Kombi e la Fiat Mille, modelli trentennali conosciuti anche in Europa (il mitico “furgone Volkswagen” e la Fiat Uno). Già alcuni costruttori, Fiat in primis, avevano iniziato già dalla metà del 2013 ad equipaggiare tutti i propri modelli con ABS ed Airbag, alcuni mesi prima dell'introduzione dell'obbligo.

I CRASH TEST – I crash test del nuovo protocollo Latin NCAP si dividono fra il classico impatto frontale offset contro una barriera deformabile a 64 km/h. In caso di superamento con un buon punteggio di questo test, la presenza dell'ABS e degli avvisatori per le cinture slacciate consentono alla vettura di affrontare il crash test laterale a 50 km/h. Una volta superato senza subire lesioni letali anche quest'ultimo test la vettura può ottenere le 5 stelle. Valutata separatamente anche la protezione dei bambini a bordo dei seggiolini raccomandati dalla Casa automobilistica.

CHEVROLET MALIBU – La Berlina Chevrolet è prodotta negli Stati Uniti, unica delle vetture testate ad essere prodotta al di fuori dell'America Latina. E' equipaggiata di 10 airbag. La Malibu nell'impatto frontale si comporta molto bene, ad eccezione della protezione della testa del passeggero, che è accettabile per via del contatto contro la plancia causato dalla bassa pressione presente nell'airbag. Purtroppo gli avvisatori delle cinture slacciate non rispondono ai requisiti richiesti da Latin NCAP, quindi la Chevrolet Malibu non può essere sottoposta al crash test laterale e ottenere le 5 stelle. I seggiolini dei bambini sono ancorati con le cinture e non riescono a salvaguardare al meglio i bambini: il più piccolo va a toccare il sedile anteriore con la testa e il più grande subisce una pressione eccessiva sul torace. La valutazione della Chevrolet Malibu è di 4 stelle per gli adulti e 1 stella per i bambini.

FORD ECOSPORT – Nell'impatto frontale gli occupanti della Ford Ecosport vengono ben trattenuti dai sistemi di ritenuta. La cintura del passeggero non è equipaggiata di pretensionatore, tuttavia la protezione resta ottima. Pericolose alcune strutture presenti sotto la plancia, il rischio di lesioni a femori e ginocchia è di media entità. La Ecosport supera la soglia dei 14 punti e può essere sottoposta al crash test laterale, che vien superato tranquillamente. Buona la protezione offerta ai bambini sui seggiolini posteriori, ad eccezione della compressione del torace del bambino più piccolo. Gli avvisi sulla pericolosità di installare un seggiolino contromarcia sul sedile del passeggero con airbag attivo ci sono, ma non abbastanza per rispettare le direttive Latin NCAP. La Ford Ecosport si aggiudica 5 stelle per la protezione degli adulti e 3 stelle per quanti riguarda i bambini.

FORD FOCUS – La Ford Focus ottiene quasi il massimo punteggio nel crash test frontale. La struttura e i sistemi di ritenuta proteggono con una grande efficacia gli occupanti anteriori, facendo perdere solo mezzo punto al torace del pilota. La Focus ha le caratteristiche per essere sottoposta al crash test laterale, che ha superato senza problemi. I bambini sono stati sistemati sui seggiolini ancorati col sistema ISOFIX. Buona la protezione offerta ad entrambi. L'unica nota negativa riguarda le poche etichette di avviso sull'incompatibilità fra airbag del passeggero e seggiolino contromarcia. La Ford Focus ottiene 5 stelle per la protezione degli adulti e 4 stelle per i bambini.

HYUNDAI HB20 – Migliorata rispetto al precedente test la protezione offerta agli occupanti adulti dalla Hyundai HB20. Modificata la zona di impatto delle ginocchia, dove ora la protezione offerta a tutti gli occupanti è di buon livello. La struttura rimane stabile e potrebbe subire tranquillamente anche impatti di superiore entità. L'utilizzo di seggiolini ISOFIX previene eccessivi movimenti dei bambini e le relative lesioni. La Hyundai HB20 raggiunge 4 stelle per la protezione adulti e 3 per i bambini.

RENAULT CLIO MIO – Già testata in precedenza col risultato di zero stelle, ora la Renault Clio Mio è equipaggiata con i due airbag frontali. Buona la protezione della testa, ma i toraci degli occupanti frontali subiscono pressioni eccessive. Mediocre la protezione delle ginocchia di entrambi i manichini seduti davanti, il pilota rischia serie lesioni ai piedi. Solo le cinture permettono l'ancoraggio dei seggiolini per i bambini sui sedili posteriori. Il bambino di 3 anni subisce un eccessivo movimento in avanti e la protezione del torace è scarsa. Il risultato finale della Renault Clio Mio è di 3 stelle per gli adulti e 1 per i bambini.

VOLKSWAGEN JETTA – Nell'impatto frontale la Volkswagen Jetta si comporta bene, la sua struttura assorbe correttamente l'impatto. Buona la protezione generale degli occupanti anteriori, solamente qualche piccola frazione di punto viene persa per le sollecitazioni a toraci e tibie. La Jetta è stata testata anche nell'impatto laterale, che ha superato tranquillamente. I bambini siedono su seggiolini assicurati con ancoraggi ISOFIX. Buona la protezione offerta generalmente dai seggiolini ad entrambi i bambini nel crash test frontale. Mancano solamente le etichette di avviso sull'incompatibilità fra l'airbag del passeggero e il seggiolino contromarcia. La Volkswagen Jetta conquista le 5 stelle per la protezione adulti e 4 stelle per la salvaguardia dei bambini.

VOLKSWAGEN UP! – La piccola utilitaria tedesca viene prodotta in Brasile per il mercato locale, ed è equipaggiata con i due airbag frontali e il sistema ABS. Nell'impatto frontale si è comportata molto bene, mancando di pochissimi decimi di punto il massimo punteggio. La Volkswagen up! è stata sottoposta anche all'impatto laterale, che è stato superato senza alcun problema. I seggiolini posteriori sono agganciati con il sistema ISOFIX e proteggono in maniera buona i bambini seduti a bordo. Chiare le etichette di avviso del pericolo dell'airbag del passeggero, non disattivabile. La Volkswagen up! ottiene 5 stelle per gli adulti e 4 stelle per la sicurezza dei bambini.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto più sicure al mondo: la prima auto indiana a 5 stelle Global NCAP

Manutenzione auto gratis: sulle nuove Hyundai USA non si paga dal 2020

Crash test Euro NCAP 2019: il 75% delle auto a 5 stelle