Crash test Latin NCAP: 5 stelle per la Jeep Renegade

Nell'ultima sessione dei crash test del Sudamerica buoni risultati per il SUV di FCA. Zero stelle per la Chery IQ, non equipaggiata di airbag

16 luglio 2015 - 15:55

Gli ultimi risultati dei crash test del consorzio Latin NCAP hanno mostrato enormi progressi nella sicurezza delle auto sudamericane, tuttavia ancora restano sul mercato alcuni modelli con standard di sicurezza molto bassi. Con il supporto di Bloomberg Philanthropies Latin NCAP continua a monitorare il livello di protezione offerta agli adulti e ai bambini dalle auto prodotte o importate negli stati dell'America Latina, che in alcuni stati è ben al di sotto alle richieste minime degli standard delle Nazioni Unite. In questo round di crash test è incoraggiante vedere le 5 stelle, per adulti e bambini, della Jeep Renegade. Delusione per il risultato della Chery IQ: zero stelle.

I CRASH TEST – Il protocollo Latin NCAP prevede l'impatto frontale offset 40% a 64 km/h, a bordo della vettura sono presenti due manichini Hybrid III 50percentile nei posti anteriori, dietro sui seggiolini raccomandati dal Costruttore due bambini, uno di 18 mesi e uno di 3 anni, rappresentati da due manichini della serie Q. Per ottenere le 5 stelle è richiesto un punteggio minimo nel crash test frontale, la presenza degli avvisatori delle cinture slacciate, l'ABS e il superamento del crash test laterale UN95 a 50 km/h.

FIAT PALIO AGGIORNATA – Dopo il crash test dello scorso anno (qui i dettagli) è stato inserito un nuovo avvisatore per la cintura del conducente slacciata. Riviste anche le istruzioni dell'installazione dei seggiolini dei bambini, più chiare e complete. La Fiat Palio con due airbag ottiene quindi 4 stelle per gli adulti e 3 stelle per i bambini.

JEEP RENEGADE – La Jeep Renegade testata da Latin NCAP è prodotta in Brasile e il test è valido per tutta l'America Latina. L'equipaggiamento di serie prevede i due airbag frontali, pretensionatori e limitatori di carico, avvisatori per le cinture slacciate, ABS e ancoraggi ISOFIX. Nel crash test frontale l'abitacolo resta intatto: testa e torace di conducente e passeggero sono stati ben protetti dagli airbag e dalle cinture di sicurezza. Nessuna struttura critica è stata trovata nella zona d'impatto delle ginocchia. La Renegade ha superato senza problemi anche il crash test laterale. I bambini siedono su seggiolini ISOFIX ed entrambi sono stati ben protetti nell'impatto. Le etichettature di pericolo sono ben fatte e l'airbag è disattivabile con semplicità. La Jeep Renegade ha ottenuto 5 stelle sia per gli adulti che per i bambini.

CHERY IQ – La versione base dell'utilitaria Chery prodotta in Cina è offerta senza airbag e pretensionatori di cinture. Le uniche due features disponibili di serie sono gli ancoraggi ISOFIX e l'avvisatore della cintura del conducente slacciata. Nel crash test frontale la testa e il torace del conducente colpiscono con forza il volante, con rischi di lesioni letali. La protezione del torace del passeggero è mediocre. Le ginocchia di entrambi gli occupanti possono colpire facilmente il supporto metallico della plancia. La pedaliera collassa, ferendo i piedi e le caviglie del conducente. La struttura non potrebbe reggere a carichi anche di poco superiori a quelli della prova. Il seggiolino non riesce a trattenere il corpo del bambino di 3 anni durante la collisione, gravi pericoli per testa, collo e torace. Il bambino di 18 mesi è stato protetto meglio, tuttavia la testa non è stata trattenuta nel seggiolino posizionato contromarcia. Tutti i seggiolini utilizzati nella verifica di installazione non sono stati installati correttamente. Il costruttore non ha raccomandato nessun modello di seggiolino per i bambini, in accordo al protocollo di test la vettura non ottiene alcun punto nella prova dinamica. La Chery IQ è stata valutata zero stelle sia per gli adulti, che per i bambini.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Riduttore Cintura di sicurezza o seggiolino: cosa succede in caso d’incidente?

Crash test Toyota Yaris: 5 stelle con il nuovo protocollo 2020

Sicurezza camper: il crash test shock dei furgoni per le vacanze