Crash test IIHS: ottimo risultato per la Subaru WRX

La nuova versione della compatta sportiva Subaru WRX ottiene il Top Safety Pick nei severi crash test IIHS, superandoli con buoni risultati

6 maggio 2014 - 10:00

IIHS ha messo alla prova la sicurezza passiva della nuova Subaru WRX, erede delle leggendarie rally-car campioni del campionato WRC. I crash test del nuovo protocollo IIHS sono stati superati con risultati soddisfacenti dal nuovo modello introdotto recentemente dalla Casa giapponese. Nonostante la condivisione di alcuni componenti con la Subaru Impreza, già testata da IIHS, ci sono sufficienti differenze per consentire un nuovo test su questo modello specifico.

IMPATTO FRONTALE OFFSET – Nel crash test frontale a 64 km/h contro una barriera deformabile, prova che simula lo scontro frontale fra due vetture simili, la Subaru WRX ottiene un ottimo risultato: le deformazioni sono limitate, e il montante anteriore non si sposta nemmeno di un millimetro.Questo dimostra la notevole stabilità strutturale della WRX. Il manichino Hybrid III seduto sul posto guida è ben trattenuto, con la testa che va a colpire l'airbag sul volante e, di rimbalzo indietro, sull'airbag a tendina intervenuto nella collisione. Tuttavia si possono subire piccole lesioni alla testa a causa del contatto con volante attraverso l'airbag. Possibili lesioni, seppur di lieve entità anche per la tibia sinistra. La valutazione ottenuta nel crash test offset è comunque buona.

IMPATTO LATERALE – Il severo crash test laterale a 50 km/h, dove un carrello da 1500 kg con la parte frontale che simula un SUV va a colpire la fiancata della Subaru WRX, è stato superato a pieni voti. La resistenza della struttura è ottima e i passeggeri di piccola statura, rappresentati da due manichini Sid IIs, sono stati protetti molto efficacemente dall'airbag laterale a tendina. Nessuna lesione da segnalare per il pilota e per il passeggero posteriore.

IMPATTO FRONTALE SMALL OVERLAP – La Subaru WRX è stata sottoposta anche al più severo e restrittivo crash test previsto da IIHS. L'impatto frontale sullo spigolo di una barriera rigida a 64 km/h stressa in maniera estrema la struttura dell'abitacolo, dato che le strutture di assorbimento urto poste nel frontale non vengono interessate dalla collisione. La deformazione del montante anteriore si ferma a 12 cm e il volante non si sposta nemmeno di un centimetro. Il manichino è stato ben protetto dall'airbag sul volante e anche da quello a tendina, che evita potenziali contatti con elementi esterni all'abitacolo. Le lesioni registrate dal manichino sono di livello bassissimo. Il risultato del crash test small overlap è buono.

RESISTENZA TETTO – Il test di resistenza allo schiacciamento del tetto ha dato come picco massimo di pressione un valore pari a 5,16 volte il peso della vettura, quindi il risultato è buono. Il test di prevenzione del colpo di frusta in caso di tamponamento ha dato esito positivo: la Subaru WRX ha ottenuto un risultato buono.

MANCA LA PREVENZIONE – La Subaru WRX ha ottenuto il prestigioso riconoscimento Top Safety Pick, per aver superato a pieni voti tutti i 5 crash test previsti. Tuttavia, l'assenza di un sistema di prevenzione delle collisioni non le permette di ottenere il più prestigioso Top Safty Pick+. Il riconoscimento riservato a chi supera tutti i crash test del protocollo IIHS e offre di serie i sistemi di avviso di imminente collisione e/o frenata autonoma.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ANCAP: dal 2023 la valutazione della sicurezza sott’acqua per le nuove auto

Crash test Euro NCAP a 5 stelle per Alfa Romeo Tonale e altre novità 2022

Sicurezza a zero stelle: i Costruttori risparmiano sulla vita delle persone