Crash test Euro NCAP novembre 2013: il debutto positivo di Maserati

Maserati debutta nei crash test Euro NCAP con le 5 stelle della Ghibli. 4 stelle per BMW i3, Nissan NOTE e Ford Ecosport. 11 vetture testate in totale

27 novembre 2013 - 10:00

Sono appena stati pubblicati gli ultimi risultati Euro NCAP, che chiudono l'annata 2013: ben 10 vetture testate più un aggiornamento ad un risultato presentato in precedenza. Fra le auto anche la Maserati Ghibli, il primo modello del tridente a passare sotto la severa lente d'ingrandimento di Euro NCAP grazie alla sponsorizzazione del test da parte di ACI.

OTTIME 5 STELLE –  Nel gruppo delle vetture valutate con le 5 stelle troviamo il monovolume compatto Ford Tourneo Connect, vettura che protegge molto bene adulti e bambini, ma che nel crash test pedoni mostra qualche limite nella zona dei bordi del cofano e parabrezza. Stesso risultato anche per la Infiniti Q50, nonostante le 5 stelle ottenute si è verificato un piccolo problema di gonfiaggio degli airbag laterali toracici, che Infiniti sta modificando. La rivisitazione in corso potrebbe migliorare ulteriormente il buon risultato della protezione degli adulti. La Maserati Ghibli ottiene buoni punteggi in tutte le aree valutate da Euro NCAP, da segnalare il buon punteggio registrato nel crash test pedoni, con il bordo anteriore del cofano che assorbe efficacemente l'impatto del bacino in caso di investimento di una persona. La nuova Mazda 3 ottiene una prestazione bilanciata in tutti i settori, ad eccezione della scarsa protezione del torace nel crash test laterale del palo. La ibrida plug-in Mitsubishi Outlander PHEV mantiene le buone performance di sicurezza del modello tradizionale, nonostante il maggior peso delle batterie e del sistema di propulsione aggiuntivo. Ultima del gruppo, ma non meno importante la Peugeot 308, che rovina appena il buon lavoro del bordo del cofano nel crash test pedoni con una protezione della testa dell'investito un po' sottotono.

4 STELLE A SORPRESA – Stupisce in negativo la prestazione della BMW i3. La vettura altamente innovativa del marchio bavarese con cellula di sopravvivenza in carbonio e propulsione elettrica non va oltre le 4 stelle. Complici di questo risultato una protezione pedoni migliorabile, un'eccessiva pressione sul torace nel severo crash test laterale del palo e una dotazione di sicurezza migliorabile, che prevede solamente gli avvisatori per le cinture slacciate anteriori e l'ESC. Il crash test sulla protezione dei pedoni tradisce anche la Nissan NOTE, che non raggiunge la percentuale minima del 60% richiesta per ottenere le 5 stelle, nonostante la buona protezione di adulti e bambini. La piccola SUV Ford Ecosport pecca anche lei nel crash test pedoni e nelle dotazioni di sicurezza. La Volkswagen T5 incontra problemi di estrema rigidezza del frontale nel crash test pedoni, nonostante la buona valutazione delle altre aree secondo il protocollo Euro NCAP riservato ai furgoni, con l'impatto frontale più lento per evitare un'eccessiva aggressività in un incidente reale contro una autovettura.

AGGIORNATO IL CITAN – Risolti i problemi agli airbag a tendina del Mercedes Citan Kombi riscontrati nel crash test eseguito in precedenza. Il sacco durante l'apertura si incastrava nel rivestimento del montante centrale, vanificando in parte la protezione offerta al pilota in entrambi gli impatti laterali. Ora con la risoluzione del difetto l'airbag si apre correttamente e protegge a dovere la testa degli occupanti, tuttavia il punteggio resta invariato per quanto riguarda la protezione degli adulti. Aggiunto alla dotazione di serie anche l'avvisatore per le cinture di sicurezza slacciate nel posto del passeggero anteriore. Modificata anche la segnalazione di superamento del limitatore di velocità, prima solo visiva, ora anche acustica.

Nell'area crash test di SicurAUTO.it troverete sempre tutti i dettagli dei crash test Euro NCAP, dai primi del 1997 a quelli appena pubblicati, con commenti in italiano, foto e immagini.

  • BMW i3 – 4 stelle – 86% adulti – 81% bambini – 57% pedoni – 55% assist
  • Ford Ecosport – 4 stelle – 93% adulti – 77% bambini – 58% pedoni – 55% assist
  • Ford Tourneo Connect – 5 stelle – 94% adulti – 85% bambini – 62% pedoni – 70% assist
  • Infiniti Q50 – 5 stelle – 86% adulti – 85% Bambini – 67% pedoni – 81% assist
  • Maserati Ghibli – 5 stelle – 95% adulti – 79% bambini – 74% pedoni – 81% assist
  • Mazda 3 – 5 stelle – 93% adulti – 86% bambini – 65% pedoni – 81% assist
  • Mercedes Citan Kombi – 4 stelle – 79% adulti – 81% bambini – 56% pedoni – 70% assist
  • Mitsubishi Outlander PHEV – 5 stelle – 88% adulti – 84% bambini – 64% pedoni – 81% assist
  • Nissan NOTE – 4 stelle – 86% adulti – 82% bambini – 58% pedoni – 70% assist
  • Peugeot 308 – 5 stelle – 92% adulti – 79% bambini – 64% pedoni – 81% assist
  • Volkswagen T5 – 4 stelle – 79% adulti – 74% bambini – 32% pedoni – 57% assist

    Commenta per primo

    POTRESTI ESSERTI PERSO:

    Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP

    Crash test Alce, all’inventore del manichino il Premio Ig Nobel 2022

    Honda WR-V: deludente nei crash test Latin NCAP con 1 sola stella