Crash test Euro NCAP: 8 auto su 9 a 5 stelle, delusione Citroen

Sempre più auto a 5 stelle, anche i test di novembre promuovono 8 auto con il massimo punteggio, mentre la city car elettrica Citroen ne riceve solo 3

29 novembre 2017 - 12:30

Migliora la sicurezza auto nei crash test e piovono le 5 stelle nonostante il protocollo Euro NCAP più severo introdotto nel 2016, approfondisci qui. Dopo la tornata di ottobre di crash test che ha visto 8 auto a pieni voti, a novembre si confermano gli impegni dei Costruttori auto nel miglioramento dei sistemi di ritenuta e nell'assorbimento degli urti sia per gli occupanti che per i pedoni: tutte le auto superano i test Euro NCAP con le 5 stelle tranne la Citroen e-Mehari penalizzata per la sicurezza passiva e attiva. Vediamo come sempre un'anticipazione dei risultati dei crash test BMW, DS, Honda, Jaguar, Mercedes, Porsche e Subaru di novembre rimandando a un approfondimento con schede e video che troverete nella rubrica dedicata ai crash test.

BMW X3 La Bmw X3 eccelle nella protezione degli occupanti dal colpo di frusta e nello scontro con la barriera laterale, buona è anche la valutazione della frenata automatica di emergenza alle basse velocità che incassa il punteggio massimo. Grazie al cofano anteriore attivo la testa del pedone è ben protetta in caso di collisione. Eccessive sollecitazioni invece sono state registrate sul torace del passeggero posteriore, nello scontro pieno contro la barriera, per il conducente nel test del palo e per il collo dei bambini nel caso di impatto frontale. Nulla però che abbia minato l'ottenimento delle 5 stelle nella valutazione complessiva.

DS 7 CROSSBACK La DS7 Crossback, mostra ottimi risultati nell'impatto contro la barriera laterale, nella protezione dei bambini di 6 e 10 anni e nella protezione delle gambe dei pedoni in caso di investimento e impatto con la zona inferiore del frontale dell'auto. Il torace del conducente invece è eccessivamente sollecitato in caso di urto contro il palo. Anche in questo caso le prestazioni dei sistemi di assistenza alla guida permettono di agguantare il massimo punteggio.

HONDA CIVIC La Honda Civic è stata sottoposta a un nuovo crash test dopo i risultati non entusiasmanti del crash test di luglio (vedi qui i risultati). Grazie alle modifiche apportate agli airbag a tendina la protezione in caso di urto contro la barriera laterale e il palo è molto migliorata. Restano critiche la protezione del torace del passeggero posteriore in caso di urto frontale, del collo e del torace dei bambini di 6 e 10 anni in caso di urto frontale, mentre è migliorabile la  geometria del sedile posteriore ai fini del test del colpo di frusta. Massimo punteggio invece nella valutazione dei sistemi di assistenza alla guida.

JAGUAR E-PACE La Jaguar E-Pace si distingue per gli ottimi i risultati nel test di impatto contro la barriera laterale, contro il palo e nella protezione dei bambini di 6 e 10 anni. Il cofano attivo, anche in questo caso, protegge adeguatamente il pedone in caso di urto. Qualche criticità sembrerebbe emersa invece nella protezione toracica del guidatore, che colpisce il volante con urto frontale (tranne la testa che resta ben protetta) per un gonfi aggio non ottimale dell'airbag Completa e di buone prestazioni la dotazione di sistemi di assistenza alla guida. L'ottimo punteggio dei sistemi di assistenza alla guida compensa qualche ombra nella protezione al colpo di frusta per il passeggero posteriore e per le sollecitazioni alla tibia del conducente.

MERCEDES X CLASS Il pick Mercedes nato dalla sinergia con Nissan-Renault che abbiamo provato in anteprima qui, ottiene un'ottima valutazione grazie anche  alla dotazione di sistemi di assistenza alla guida molto efficaci soprattutto nella frenata autonoma in città. Anche in questo caso la geometri del sedile posteriore non aiuta a registrare risultati entusiasmanti contro il colpo di frusta e sono emerse lievi lacune nella criticità nella protezione del torace di bambini di 6 anni in caso di urto frontale. Va comunque ricordato che per un mezzo omologato N1 in Italia, quindi utilizzabile solo per il lavoro, 5 stelle sono un risultato più che apprezzabile.

SUBARU IMPREZA E XV Entrambi i modelli Subaru hanno ottenuto il massimo punteggio nella prova di urto latrale contro barriera per la protezione eccellente degli occupanti. La Subaru Impreza, si distingue dal crossover XV per la protezione dei bambini a bordo ma viene penalizzata nella valutazione della protezione del passeggero posteriore che scivola sotto la cintura di sicurezza. Nella prova di impatto con il pedone la XV invece ottiene un risultato migliore grazie ad una conformazione del cofano anteriore più favorevole.

PORSCHE CAYENNE Il SUV Porsche Cayenne ottiene la massima valutazione relativa alla protezione degli occupanti, nonostante qualche sollecitazione più alta a carico del torace del passeggero posteriore nell'impatto frontale pieno. Ottimi risultati anche nella prova di impatto conto il palo e nel colpo di frusta, mentre il collo del bambino di 10 anni riceve sollecitazioni abbastanza alte nell'impatto frontale. Protezione dei pesoni invece migliorabile a causa del bordo del paraurti piuttosto esposto e della protezione offerta dalla base dei montanti e dal cofano motore.

CITROEN e-MEHARI La totale assenza di sistemi di assistenza alla guida non è il solo fattore che è costato la penalizzazione e le 3 stelle complessive poiché il piccolo crossover elettrico per la città offre una protezione molto migliorabile anche in caso di impatto contro i pedoni. Inoltre è stata piuttosto importante la valutazione critica contro il colpo di frusta del passeggero posteriore e la protezione migliorabile per guidatore e passeggero nell'impatto con barriera offset. Mentre il test di impatto contro la barriera piena mostra una protezione migliore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Subaru Outback 2020: massima connettività e tanti Adas

Auto connesse: BMW e Deutsche Telekom sostengono il 5G contro l’ITS-G5

E-Tens DS 3 e DS 7: le prime due elettriche DS a Shanghai