IIHS: al via i test sui sistemi di frenata autonoma

IIHS: al via i test sui sistemi di frenata autonoma L'IIHS introduce per la prima volta il test di frenata autonoma nelle sue valutazioni premiando 7 auto su 74 modelli con il massimo voto

L'IIHS introduce per la prima volta il test di frenata autonoma nelle sue valutazioni premiando 7 auto su 74 modelli con il massimo voto

30 Settembre 2013 - 05:09

Il test di frenata automatica anticollisione è stato introdotto per la prima volta nelle valutazioni ufficiali dall'IIHS. In due test a due velocità differenti, 38 auto hanno dimostrato in che modo riescono ad evitare un incidente o limitare i danni di una collisione mentre altri 36 non hanno raggiunto nemmeno il punteggio base, indispensabile per ambire al titolo Safety Pick Plus dal 2014.

CHI ALLERTA SOLO E CHI FRENA DA SOLA – Il sistema di frenata autonoma anticollisione (AEB) fa ormai parte (optional o di serie) dell'equipaggiamento di molte vetture, dai segmenti premium alle utilitarie da città ed è proposto con una miriade di nomi differenti. Diverse sono anche le funzioni per ogni modello di auto e le condizioni critiche (velocità, dimensioni dell'ostacolo, posizione rispetto all'auto) in cui la Casa costruttrice sceglie di attivare l'intervento dei freni. Da ciò ne scaturisce anche un diverso comportamento dell'auto nelle situazioni tipiche di emergenza, che l'IIHS ha analizzato su 32 nuovi modelli di segmento medio-alto lanciati a 20 e 40 km/h contro un ostacolo mobile.

IL METODO DI PROVA – Per differenziare i sistemi installati sulle auto in prova, i tecnici dell'Insurance Institute for Highway Safety hanno attribuito soglie di punteggio diverse in rapporto alla capacità dell'auto di ridurre la sua velocità. Se un'auto si limita a comunicare solo il rischio di collisione al guidatore (con il Collision Warning System) ma non è in grado di frenare, riceve un solo punto e rientra nella categoria Basic. Le auto che invece ricevono da 2 a 4 punti vanno nella categoria Advanced, mentre quelle che ricevono da 5 a 6 punti sono promosse con la valutazione massima Superior. Ogni punto assegnato nelle prove di frenata autonoma equivale alla riduzione di 5 miglia orarie (8 km/h). Poiché il sistema AEB è studiato per evitare o mitigare una collisione, la prova è superata anche se l'auto impatta contro l'ostacolo mobile, ma con un punteggio inferiore rispetto all'auto che si ferma prima.

SOLO DUE EVITANO L'IMPATTO – Le Subaru Legacy e Subaru Outback, equipaggiate con l'EyeSight, sono gli unici due modelli in testa alla classifica con 6 punti per aver frenato completamente le auto prima dell'impatto. A seguire, ottengono la migliore valutazione Superior con 5 punti anche la Cadillac ATS e Cadillac SRX (con Forward Collision Alert e Automatic Collision Preparation), la Mercedes Classe C (con Distronic Plus and Pre-Safe Brake), la Volvo S60 e la Volvo XC60, tutte per aver colpito l'ostacolo solo nella prova da 40 km/h con una ridotta energia cinetica. Le due Volvo compaiono anche a metà classifica – Advaced – poiché con il solo City Safety (di serie) e senza il Collision Warning System with Full Auto Brake and Pedestrian Detection (optional) superano solo la prova a velocità più bassa e con il punteggio relativo minimo (2 punti). Nel video in basso è visibile il buon funzionamento del sistema Smart City Brake Support (optional) della Mazda 6 nella prova di frenata da 19 km/h, l'unica con esito positivo che gli attribuisce 2 punti. Va peggio al SUV di lusso Infiniti JX (ribattezzato in Q60), che abbatte l'ostacolo in tutte le prove nonostante l'equipaggiamento standard di sicurezza con l'Intelligent Brake Assist.

Dal 2014 le auto che vorranno aggiudicarsi 5 stelle dovranno superare anche la prova di frenata anticollisione, secondo nuovi criteri di valutazione dei crash test Euro NCAP. Il 29 ottobre verranno pubblicati i primi test Euro NCAP sui dispositivi AEB. SicurAUTO non resterà a guardare: stiamo realizzando un test di frenata anticollisione tutto nostro. Restate collegati.

Commenta con la tua opinione

X