Crash test Euro NCAP: 12 protagoniste a dicembre

Crash test Euro NCAP: 12 protagoniste a dicembre Dicembre ricco di crash test Euro NCAP. 12 vetture testate

Dicembre ricco di crash test Euro NCAP. 12 vetture testate, con risultati altalenanti: 7 a 5 stelle, 4 a 4 stelle e una tre stelle

3 Dicembre 2014 - 09:12

Ben dodici vetture sono le protagoniste della fase dei crash test Euro NCAP lanciata oggi. Il gruppo delle 7 auto ad aver ottenuto le 5 stelle sono: Porsche Macan, Ford Mondeo, Kia Sorento, Land Rover Discovery Sport, Subaru Outback, Volkswagen Passat e Lexus NX. Quattro vetture, di cui alcune anche di classe premium, si sono fermate a sole 4 stelle: MINI Cooper, Opel Corsa e le smart fortwo e forfour. Delude la station wagon low cost Dacia Logan MCV con sole 3 stelle. Queste saranno le ultime vetture ad essere testate con il protocollo di crash test Euro NCAP che conosciamo da 5 anni a questa parte. Dal prossimo anno saranno previsti nuovi crash test, di cui vi daremo delle dettagliate anticipazioni tra qualche settimana.

LOW COST LOW SAFETY – Si è risparmiato molto nella costruzione e negli equipaggiamenti della Dacia Logan MCV, maglia nera di questa sessione di dicembre. E' l'unica vettura del lotto che arriva vicina al collasso dell'abitacolo nel crash test frontale a 64 km/h. Il montante del parabrezza si deforma consistentemente nell'impatto e la zona dietro la ruota, che dovrebbe garantire la robustezza della pedaliera, collassa ferendo in maniera grave i piedi e le caviglie del pilota. Nell'impatto laterale contro il palo a 29 km/h il torace riceve una compressione di elevata intensità, con possibili gravi rischi per un pilota in carne ed ossa, oltre a questo il sedile si sposta verso il centro dell'abitacolo andando a nascondere la fibbia di rilascio della cintura di sicurezza. Questo obbliga i soccorritori che intervengono per il conducente a tagliare il nastro per estrarre il conducente dall'abitacolo. Anche gli airbag laterali testa/torace, che fuoriescono dal sedile e vanno a coprire tutto il fianco degli occupanti anteriori, non sono esenti da critiche: nell'impatto laterale col carrello a 50 km/h la parte dell'airbag che dovrebbe proteggere il capo si gonfia verso la parte anteriore dell'abitacolo, lasciando la testa del conducente scoperta. Da migliorare nella Logan MCV anche la protezione dal colpo di frusta in caso di tamponamento, con i sedili posteriori che non offrono alcuna protezione ai passeggeri. Scarse le dotazioni di sicurezza, che si fermano solamente al controllo elettronico di stabilità ESC e agli avvisatori ottico/acustici per le cinture anteriori slacciate. Nessun sistema di sicurezza avanzato come la frenata autonoma o il mantenitore della corsia di marcia è disponibile fra gli optional. La Dacia Logan MCV ottiene 3 stelle, più specificamente per la scarsa protezione offerta agli adulti e alla scarsa dotazione di sicurezza.

QUATTRO CON RISERVA – Fa strano vedere alcune vetture di recente progettazione con velleità premium non raggiungere il top della valutazione della sicurezza Euro NCAP. Stiamo parlando più precisamente di MINI Cooper, che ha delle carenze nel crash test laterale col carrello, dove riceve una penalità per aver trasferito la spinta in maniera innaturale sul manichino. Più precisamente il protocollo Euro NCAP recita che:”la spinta sulla parte toracica posteriore del manichino EuroSid2 non permette la corretta misurazione della pressione subita dalle costole, quando supera il valore massimo di 4kN quindi è assegnata una penalità di 2 punti sulla valutazione del torace nel singolo crash test”. L'addome, inoltre, subisce un carico di compressione elevato, e la sua protezione è marginale. Anche l'utilizzo del seggiolino per il bambino di 18 mesi ancora ancorato con le cinture di sicurezza e non con l'ancoraggio ISOFIX fa storcere un po' il naso. E la mancanza di spazio unita all'angusta configurazione a tre porte non permette di installare con semplicità alcuni seggiolini dietro al sedile del passeggero. Inoltre la mancanza di sistemi di frenata autonoma presente solo come optional e di mantenimento della corsia di marcia non disponibile non permette alla MINI Cooper di ottenere le 5 stelle. Anche le due nuove cittadine di fascia medio-alta di smart non raggiungono le 5 stelle. Entrambe non sono equipaggiate di sistemi di sicurezza avanzati, solamente opzionale il mantenitore della corsia di marcia. La fortwo non protegge adeguatamente i pedoni, nonostante il nuovo design dal muso sporgente la zona di impatto di bacino e testa non si comporta per nulla bene. La forfour migliora la situazione ottenendo un migliore risultato sul bordo e sulla superficie del cofano. Nell'impatto laterale contro il palo entrambe le smart proteggono in maniera scarsa il torace del pilota, inoltre la forfour strattona esageratamente il torace del passeggero anteriore nel crash test frontale. Da segnalare anche le 4 stelle della Opel Corsa, strettamente derivata dal modello lanciato nel 2006. Le più gravi carenze arrivano dall'impatto laterale contro il palo, dove la protezione del torace risulta scarsa e dal tamponamento sui sedili posteriori, che non proteggono dal colpo di frusta. Appena sufficiente la dotazione di sicurezza della Corsa, che prevede solamente l'ESC, gli avvisatori per le cinture slacciate e il limitatore di velocità manuale. Disponibile solo in opzione il mantenitore della corsia di marcia, neppure a richiesta il sistema di frenata autonoma.

PREMIUM A 5 STELLE – Le vetture di segmento superiore quali berline medie o SUV sono state le uniche vetture che hanno ottenuto le 5 stelle, grazie alle migliori dotazioni che prevedono almeno un sistema di sicurezza avanzato di serie su tutte le vetture o almeno presente sulla maggioranza dei veicoli venduti per modello. L'unica del lotto a disporre di un dispositivo di frenata autonoma a bassa velocità di serie è la Land Rover Discovery Sport. La frenata autonoma cittadina è utile a prevenire i danni in caso di tamponamento a bassa velocità, per questo la sua valutazione va ad incidere sul punteggio del test sul colpo di frusta e il dispositivo deve essere di serie su tutte le vetture prodotte del modello in esame per essere valutato. Differentemente la frenata autonoma ad alta velocità deve essere presente sulla maggior parte delle vetture vendute per il modello in esame per consentirne la valutazione da parte di Euro NCAP. Le vetture che hanno superato la valutazione sono: Land Rover Discovery Sport, Subaru Outback, Volkswagen Passat e Lexus NX. Porsche Macan, Ford Mondeo e Kia Sorento secondo le previsioni saranno dotate per la maggioranza del venduto con il mantenitore della corsia di marcia, quindi il dispositivo è stato inserito nella valutazione finale. Da segnalare solamente le due piccole ombre da parte di Ford Mondeo e Lexus NX nel crash test laterale del palo, dove la protezione del torace è stata di livello marginale. Ulteriore plus è la presenza di serie dell'airbag per la protezione dei pedoni presente sulla Discovery Sport mentre la Ford Mondeo può essere equipaggiata a richiesta degli airbag posteriori integrati nelle cinture di sicurezza.

Come sempre ogni vettura testata ha la sua scheda dedicata nella nostra area crash test, corredata di commento in italiano, grafici, immagini e video.

Ecco il riassunto di questa fase di crash test Euro NCAP.

Abbiamo evidenziato le caselle dove non è stato ottenuto il risultato minimo per accedere alla valutazione migliore successiva

 
ADULTI
BAMBINI
PEDONI
ASSIST
STELLE

Dacia Logan MCV
57%
75%
55%
38%
3

Ford Mondeo
86%
82%
66%
66%
5

Kia Sorento
90%
83%
67%
71%
5

Land Rover Discovery Sport
93%
83%
69%
82%
5

Lexus NX
82%
82%
69%
71%
5

MINI Cooper
79%
73%
66%
56%
4

Opel Corsa
79%
77%
71%
56%
4

Porsche Macan
88%
87%
60%
66%
5

smart forfour
78%
77%
65%
56%
4

smart fortwo
82%
80%
56%
56%
4

Subaru Outback
85%
87%
70%
73%
5

Volkswagen Passat
85%
87%
66%
76%
5

Commenta con la tua opinione

X