Volkswagen conferma la Jetta che guadagna la piattaforma MQB negli USA

Sarà svelata ufficialmente al prossimo Salone di Detroit. La prossima Volkswagen Jetta, sviluppata appositamente per l'America, avrà il pianale MQB

Volkswagen conferma la Jetta che guadagna la piattaforma MQB negli USA
Sarà sviluppata esclusivamente per il mercato americano, seguendo i bisogni della clientela di oltreoceano. La prossima Volkswagen Jetta, giunta alla sua settima generazione, verrà ufficialmente svelata al prossimo Salone di Detroit. Non sarà rivoluzionata la linea della versione attuale, ma semplicemente ammodernata e resa più sportiva (come abbiamo avuto modo di vedere in qualche recente spy shot). Novità più grande riguarda l'adozione del pianale MQB, un vero must per le auto prodotte da Volkswagen.

SARÀ SVELATA A DETROIT

È stato il capo di Volkswagen America, Hinrich Woebcken, ad annunciarlo ufficialmente durante una recente intervista che ha tenuto per il magazine on line VWVortex. La prossima Volkswagen Jetta verrà svelata al prossimo Salone dell'auto di Detroit, che andrà in scena dal 13 al 28 di gennaio 2018. Ovviamente la linea esterna verrà rivista rispetto alla versione attuale , rendendola complessivamente più sportiva, ma non rivoluzionata, a riguardo ci corrono in soccorso i numerosi spy-shot che l'hanno ritratta su strada praticamente priva di camuffature (in copertina potete vedere il modello attuale nella sua versione più sportiva, la GLI).

È LA SECONDA PER VENDITE IN AMERICA

Sarà un modello sviluppato esclusivamente per la clientela americana, con un ruolo di fondamentale importanza, almeno stando a quando dichiarato da Woebcken: "La Jetta sarà per me una dichiarazione simbolica che Volkswagen sta cambiando, ascoltando veramente i clienti americani, i concessionari americani, ciò che il mercato ha bisogno". Ed effettivamente, la Jetta, ha un'importanza cruciale in America, basti pensare che è il secondo modello più venduto oltreoceano da Volkswagen, dopo la Passat e prima del Tiguan.

ARRIVA IL PIANALE MQB

Per poter raggiungere migliori traguardi, in Volkswagen hanno scelto di adottare lo storico pianale MQB, praticamente la spina dorsale di molti modelli proposti dal Gruppo tedesco - percorrendo gli stessi passi della Passat. Oltre all'uso della piattaforma modulare MQB, arrivano altre conferme che riguardano i propulsori. Confermato un 1.4 quattro cilindri e un paio di motori turbo che saranno disponibili con gli allestimenti più alti di gamma - e che probabilmente rientreranno nel futuro piano di Volkswagen che riguarda la produzione dei powertrain. Per il 1.4 si vocifera di una potenza di 150 cavalli, il tutto abbinabile a una trasmissione manuale a sei marce di serie con l'automatico come optional. Non è esclusa una futura versione GLI, più performante e dinamica.

Pubblicato in Novità Auto il 18 Ottobre 2017 | Autore: Giuseppe Gomes


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri