Le batterie CATL superano Panasonic, l’auto elettrica è sempre più orientale

Il gigante cinese che costruisce batterie per i più importanti Costruttori di auto è pronto a sbarcare in Europa con la prima fabbrica in Germania

Le batterie CATL superano Panasonic, l’auto elettrica è sempre più orientale
E' innegabile che quando si parla di auto elettriche i riflettori europei siano tutti puntati sui principali Costruttori che spalleggiano con Tesla, nonostante l'eco dei suoi tweet parta da oltreoceano. Ma senza batterie non ci sarebbero auto elettriche e nella roboante ondata di notizie sui nomi noti, il gigante cinese CATL (Contemporary Amperex Technology Co. Ltd) che costruisce accumulatori già per alcuni Costruttori ha fatto il botto, superando addirittura Panasonic che lavora per Tesla. Il sorpasso di CATL su Panasonic non va sottovalutato poiché mostra come la Cina sia in grado di trasformare una piccola startup in pochi anni e farla diventare una delle più quotate aziende in borsa con un patrimonio degno di essere considerato da Bloomberg Billionaires.

PATRIMONIO DI OLTRE 3 MILIARDI

Probabilmente pochi conoscono il nome di CATL, una piccola startup nata nel 2011 che ha scommesso sulle batterie agli ioni di litio quando in Cina sono stati vendute appena 1014 auto secondo Bloomberg, ma la previsione del fondatore  Zeng Yuqun (che nella sua carriera ha lavorato alle  batterie agli ioni di litio per l'elettronica di consumo, incluso l'iPhone, e per una filiale della giapponese TDK Corp.), favorita anche dalla spinta del governo per le auto a energia alternativa, si è mostrata vincente.  La seduta di questo lunedì alla borsa di Shenzhen ha portato il valore dell'azienda a circa 12,3 miliardi di dollari. Così la CATL è entrata di diritto nella lista delle aziende cinesi più ricche, con un patrimonio netto stimato di circa 3,4 miliardi di dollari, secondo l'indice Bloomberg Billionaires.

GIU' I PREZZI DELLE BATTERIE

CATL, che fornisce le batterie agli ioni di litio a Nissan Motor, Hyundai Motor e BMW AG, lo scorso anno ha sorpassato Panasonic come il più grande fornitore mondiale di batterie grazie alle crescenti richieste interne. Non a caso le intenzioni del fondatore sono quelle di utilizzare i proventi dell'IPO per finanziare una nuova fabbrica da 24 gigawatt/ora a Ningde (Cina) e sviluppare tecnologie di batteria più avanzate. Uno step necessario per ampliare il raggio d'azione all'Europa e ampliare le sue partnership che oggi contano sulla Hyundai Sonata Plug-in e Toyota ix4 elettrica sviluppata in collaborazione con GAC (Guangzhou Automobile Group Co). Leggi qui i rischi con le batterie delle auto a km zero ferme nei piazzali.

L'APPRODO IN EUROPA

Ma nonostante l'auto elettrica in Cina sia sulla cresta dell'onda più che in Europa, CATL ha abbassato i prezzi delle batterie per guadagnare quote di mercato dopo che il governo ha ridotto gli incentivi sulle auto elettriche influenzando così la redditività dell'azienda. Nei piani futuri però che l'Europa, dove in netto ritardo le autorità stanno spingendo sempre di più verso una transizione alle alimentazioni alternative dove è ancora forte l'ansia da autonomia, leggi qui come le aziende pensano di risolverla. La società infatti sta valutando la possibilità di costruire una fabbrica di batterie proprio in Germania, considerato il polo tecnologico dell'industria dell'auto europea.

Pubblicato in Auto elettriche il 12 Giugno 2018 | Autore: Donato D'Ambrosi


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri