Audi lancia la connettività V2I: ora l’auto “parla” anche ai semafori

La tecnologia Audi TLI che fa comunicare l’auto con le infrastrutture è già disponibile. Ecco come funziona e quali modelli ce l’hanno

Audi lancia la connettività V2I: ora l’auto “parla” anche ai semafori
Finalmente cominciano ad essere attivate delle tecnologie V2I, Vehicle-To-Infrastructure, che permetteranno di decongestionare e gestire in modo intelligente il traffico. L'iniziativa è partita da Audi a Las Vegas con il suo Audi Traffic Lights Information system, che permetterà di collegare i semafori direttamente con le vetture e potrebbe influire sul percorso designato dal navigatore. Solo alcune Audi saranno abilitate, ma siamo sempre più vicini alla guida autonoma

L'IDEA DI AUDI

La tecnologia Audi Traffic Lights Information permette ad un database, di proprietà del brand tedesco, di raccogliere tutte le informazioni possibili dai semafori istallati lungo le strade e di trasmetterle alle auto abilitate. Questo concerne anche il tempo di permanenza della luce rossa accesa, così come il tempo residuo per poter transitare con il semaforo verde acceso senza inutili accelerate che possono risultare pericolose. E' il primo passo verso una connettività completa tra le auto e le infrastrutture (leggi delle varie tecnologie di comunicazione tra auto e l'ambiente circostante).
Salone di Ginevra 2017, ultime novità

LE AUDI CHIAMATE IN CAUSA

Al momento non tutte le Audi potranno beneficiare del Traffic Lights Information system, ma solo le Audi Q7, A4 e A4 Allaroad prodotte a partire da inizio Giugno di quest'anno. Questo perché è necessario il modulo di connettività 4G, che serve per le comunicazioni in entrata ed in uscita, ma il proprietario dell'auto dovrà aver sottoscritto il servizio streaming del brand (leggi anche del sistema di Ford e JLR per regolarizzare il traffico, in fase di test in UK).

LA TECNOLOGIA PER LE INFRASTRUTTURE

Il passo di Audi è il primo step concreto verso l'interconnessione ed il dialogo tra le auto e ciò che le circonda. Le potenzialità di sistemi del genere sono estremamente grandi e con occhi rivolti non solo alla sicurezza ma anche all'efficienza: il navigatore potrà scegliere il percorso più idoneo in base alla ragnatela di semafori, mentre il sistema Start&Stop, ad esempio, potrà spegnere preventivamente l'auto durante le fasi di approccio ad un semaforo con la luce rossa accesa. Ricordiamo che i sistemi V2I saranno anche da base per il districarsi in città delle auto a guida autonoma, poiché permetteranno a questi veicoli di conoscere in anticipo una serie di informazioni e regolarsi di conseguenza (leggi anche della connettività V2V che aiuterà le auto a guida autonoma).

Pubblicato in Sistemi di sicurezza il 07 Dicembre 2016 | Autore: Claudio Anniciello


Tags:

Commenti

Salone di Ginevra 2017, ultime novità

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri