Home > Sentenze e Leggi > Veicoli bloccati dalle “ganasce fiscali”: l’utilizzo non costituisce reato

Veicoli bloccati dalle “ganasce fiscali”: l’utilizzo non costituisce reato

 Il fermo è una sanzione amministrativa accessoria e non una misura cautelare.Tale provvedimento, in punto di diritto, non assolve ad alcuna funzione di garanzia rispetto al depauperamento...

Categoria: Sentenze e Leggi | 22 Dicembre 2009
 Il fermo è una sanzione amministrativa accessoria e non una misura cautelare.

Tale provvedimento, in punto di diritto, non assolve ad alcuna funzione di garanzia rispetto al depauperamento del bene, con questo non venendo integrati gli elementi costitutivi del reato previsto dall’articolo 334 c.p..

E’ quanto precisato dai giudici di legittimità nella recente sentenza del 19 novembre scorso, n. 44498.

Per i giudici del Palazzaccio (in adesione ad un dominante orientamento della stessa sezione), infatti, “l’articolo 334 c.p. non può ritenersi violato quando la materialità della condotta di sottrazione abbia ad oggetto beni sottoposti a provvedimento di fermo amministrativo”.

Conclusione che si impone per l’impossibile riconducibilità del fermo alla nozione di sequestro amministrativo, avuto riguardo ai due distinti profili che attengono il principio di tassatività e determinatezza delle fattispecie penali ed al divieto del ricorso per analogia in malam partem”.

Il caso

L’uomo che aveva utilizzato il proprio ciclomotore era stato accusato dalla procura per sottrazione di cose sottoposte a sequestro (articolo 334 del codice penale), ma il tribunale di Napoli lo aveva assolto perché “il fatto non sussiste”.

Il ricorso contro tale sentenza arrivava, così, di fronte alla Suprema Corte che, con la sentenza in commento, aderisce a pieno, con le motivazioni del tribunale.

Ad avviso del ricorrente, il fermo amministrativo non si distingueva dal sequestro, stante che il fermo può, tra l’altro, preludere a un provvedimento di confisca, da ciò la piena applicabilità dei disposti normativi dell’art. 334 c.p., con conseguente richiesta di annullamento della decisione impugnata e del relativo ordine di dissequestro.

La Suprema Corte ha preso la propria decisione basandosi, di fatto, su tale convincimento: il fermo amministrativo di un veicolo (articolo 214, Codice della strada) è una misura cautelare amministrativa, che ha lo scopo di far cessare la circolazione del veicolo e di provvedere alla collocazione dello stesso in apposito luogo di custodia, mentre il sequestro amministrativo (articolo 213 codice della strada) è previsto nell’ipotesi in cui il codice della strada preveda la sanzione accessoria della confisca amministrativa.

La pronuncia avrà , quasi certamente, delle ripercussioni anche sul contenzioso fiscale, ovvero in caso di fermo fiscale - istituto disciplinato dall’articolo 86, D.P.R. 602/73 in quanto il contribuente- proprietario del bene non può, di fatto, circolare con il veicolo e ove sorpreso è soggetto alla sanzione prevista dall’art. 214, comma 8, Codice della strada giusta la previsione espressa contenuta nel citato articolo 86 in materia di riscossione.

fonte - negozioperleimprese

di Redazione

© Riproduzione Riservata
Vuoi partecipare alla discussione?
Puoi farlo indicando solo nome e indirizzo email (anonimo), oppure accedendo con il tuo account facebook o twitter cliccando sui due pulsanti corrispondenti.
   

Listino auto nuove

Le più cliccate

Audi A4

Audi A4 - wagon 5 Porte

€ 32.150 - € 53.220

BMW Serie 3

BMW Serie 3 - berlina 3 vol. 4 Porte

€ 30.550 - € 76.750

Audi A4

Audi A4 - berlina 3 vol. 4 Porte

€ 30.550 - € 51.620

FIAT Panda

FIAT Panda - berlina 2 vol. 5 Porte

€ 10.610 - € 19.610

Audi Q3

Audi Q3 - SUV 5 Porte

€ 31.200 - € 44.900