Minatori-bambini all'inferno per il cobalto delle auto elettriche

L'aria pulita delle auto elettriche costa la salute ai bambini nel Congo. Baby-minatori di 4 anni al lavoro per il Cobalto a pochi centesimi al giorno

Minatori-bambini all'inferno per il cobalto delle auto elettriche
Elettriche o a scoppio che siano, le automobili hanno bisogno di un serbatoio per l'energia e in questo campo i motori a scoppio si prendono una bella rivincita. Se la meccanica delle elettriche è infatti molto meno macchinoso, il loro "serbatoio", allo stato attuale, è incomparabilmente più intricato (e può perdere capacità se l'auto elettrica è ferma da molto tempo): non c'è infatti paragone fra la complessità delle batterie e la semplicità di un contenitore capace di qualche decina di litri di carburante. Ma la sfida fra tecnologie si trasforma in tragedia quando si scopre che almeno una parte del Cobalto necessario alla costruzione delle batterie al Litio viene estratto in Congo anche da bambini che lavorano in condizioni disumane.

L'INFERNO SULLA TERRA

La denuncia di questa aberrante situazione è venuta da un'inchiesta di Sky News, dal sito della quale abbiamo anche tratto le foto che vedete nel post. La circostanza è agghiacciante anche se non nuova: di bambini lavoratori, minatori e persino soldati se ne è parlato purtroppo parecchio. Dai "carusi" siciliani sfruttati nelle miniere di Zolfo (ne hanno parlato anche Giovanni Verga in Rosso Malpelo e Luigi Pirandello in Ciaula scopre la luna) ai palloni griffati cuciti dai bimbi pachistani, sembra proprio che la schiavitù non debba finire mai.
L'inchiesta di Sky News parla di bambini anche di soli 4 anni che lavorano in condizioni terribili nelle miniere di Cobalto congolesi, un lavoro massacrante che si svolge per di più a contatto con sostanze nocive.

CONTRADDIZIONI MOSTRUOSE

Il Daily Mail fa rilevare la contraddizione: "piccoli minatori anche di soli 4 anni vivono in un inferno sulla Terra perché TU possa guidare un'auto elettrica. Il costo umano della crociata che Michael Gove (Segretario per l'ambiente del Governo inglese) in favore dell'energia pulita potrebbe avere un costo umano troppo alto". La frase tira in ballo la recentissima notizia che il Regno Unito ha deciso di bandire la vendita di auto e van nuovi con motori diesel e a benzina dal 2040, una decisione che segue quasi a ruota l'analoga presa di posizione della Francia (leggi che 2 commissioni del Senato proporranno al Governo di vietare i motori a scoppio nelle auto nuove in Italia). E così un'auto a zero emissioni locali potrebbe costare la salute e persino la vita a migliaia di persone, compresi bambini piccoli. Il team di Sky ha visto bimbi che trasportava enormi sacchi di minerale di Cobalto sotto una pioggia torrenziale.
Il piccolo Dorsen, di 8 anni, era senza scarpe e ha raccontato che non aveva guadagnato abbastanza nei 2 giorni precedenti e quindi non aveva mangiato pur lavorando circa 12 ore al giorno. Il suo amico Richard, di 11 anni, ha invece detto che alla fine di un giorno lavorativo "mi fa male tutto" e non è detto che sia solo fatica.

MATERIALI PERICOLOSI

Il dottor Becha Gibu, che lavora nel villaggio di Kimpesa, vicino ad una miniera, ha detto che molti dei bambini che ha curato hanno avuto misteriosi malesseri: "Ci sono molte reazioni cutanee, come rash e macchie, già alla nascita. Anche le madri sono deboli al momento del parto e sono convinto che questo dipenda dell'estrazione del minerale in condizioni assurde". Nel territorio della Repubblica Democratica del Congo si trovano alcuni dei giacimenti di Oro, Stagno e Cobalto più ricchi del mondo (la Gigafactory europea che farà concorrenza a Tesla pensa di trovare i materiali necessari, compreso il Cobalto, nel nord Europa). La sua produzione di Cobalto, in particolare, rappresenta il 60% di quella mondiale ma un quinto di questa grandissima quantità viene estratto a mano da minatori artigianali chiamati creusseurs.
Il loro lavoro si avvale di manodopera assolutamente non regolamentata, fra i quali circa 40 mila bambini, e il materiale, comprato da commercianti assolutamente disinteressati a chi e a come abbia estratto il materiale, viene esportato in Asia per essere lavorato dai produttori di batterie destinate alle automobili, ai cellulari e a migliaia di altri oggetti. Se la batteria di uno smartphone contiene non più di 10 grammi di Cobalto raffinato, quella di un'auto elettrica necessita di circa 15 kg (leggi delle batterie a "fogli" che non usano cobalto).

INFANZIA NEGATA

Gli inviati di Sky hanno parlato di Monica, di soli 4 anni, e dei suoi "colleghi" che, per 8 penny al giorno, selezionano le rocce frantumate dagli adulti (anche loro costretti a lavorare in condizioni disumane e bevendo l'acqua servita per lavare i minerali) in base alla presenza delle striature color cioccolato che indicano la presenza del Cobalto, che è un elemento molto tossico. Gli inviati hanno anche visto un sorvegliante che sgridava i piccoli lavoratori e minacciava di percuoterli se avessero fatto cadere il minerale. Il Department for International Development inglese ha stanziato 10,5 milioni di sterline in 10 anni per rafforzare la trasparenza di questa filiera e incoraggiare una produzione responsabile nelle miniere ma si tratta di una goccia nel mare. Goldman Sachs ha definito il Cobalto la «nuova benzina» ma non c'è segno di ricchezza per i minatori congolesi, bambini o adulti che siano. Del resto anche nei ricchi Stati arabi i lavori umili e sottopagati toccano ad altri schiavi o giù di lì e quindi non ci stupiamo che anche la pulizia dell'ambiente puzzi di violenza, cupidigia spietata e infanzia negata.

Pubblicato in Attualità il 08 Agosto 2017 | Autore: Nicodemo Angì


Commenti

Giovanni il giorno 11 Agosto 2017 ha scritto:

Come mai nessuno parla delle popolazioni in Africa e in tutto il mondo flagellate e geneticamente rovinate dalla raffinazione degli idrocarburi (linfomi tumori bambini deformi). Nessuno parla dei malati e dei morti di Priolo ed in Italia intorno alle raffinerie vecchie ed obsolete, antieconomiche ed inquinanti che vengono tenute in piedi dai nostri governanti per non perdere i soldi derivanti dalle tasse sulla raffinazione. Vi siete dimenticati dell aumento delle leucemie nei centri urbani grazie alla benzina verde.Cari giornalisti prezzolati mi fate schifo. Le miniere di cui parlate sono in piedi da anni per i vostri smartphone,computer ecc., ma ve ne siete ben guardati dal denunciarlo. Siete dei rifiuti umani.

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri