Come non creare traffico e incidenti

Come non creare traffico e incidenti
Ogni volta che saliamo in macchina, torniamo bambini: se qualcuno ci ruba la precedenza, ci sentiamo come se ci avessero rubato il giocattolo, e il clacson diventa il nostro pianto; e nulla ci toglierà dalla testa la voglia di vendicarci il prima possibile del bambino cattivo che ci ha rubato la precedenza. Il modo migliore per farlo?
Rubare la precedenza a qualcun'altro, per dispetto, anche se lui non ci ha fatto niente...
Moltiplicate questo simpatico comportamento per i 40 milioni di macchine che circolano in Italia, o per tutte le auto che si mettono in viaggio durante gli esodi estivi, ed ecco creato il famoso caos di tutti giorni!

C'e' una soluzione a tutto questo?

Salone di Ginevra 2017, ultime novità
Si: l'umiltà'... e un po' d'intelligenza.
La precedenza non e' un oggetto che ci appartiene, ma solo qualcosa che e' stato inventato per evitare gli incidenti. Se venendo da una certa direzione avete la precedenza su chi viene da un'altra, non significa che siete più belli, più alti, o più furbi: significa che, se arrivate all'incrocio insieme a un'altra macchina, voi e l'altro automobilista saprete automaticamente chi deve passare per primo, ed eviterete un incidente. Questo e' tutto!
Adesso prenderemo ad esempio un caso tipico dove la precedenza spesso diventa sinonimo di arroganza. Ovviamente questo caso sarà puramente indicativo e servirà per spiegarvi che spesso per evitare gli incidenti basta davvero poco!

Esempio pratico: l'immissione in autostrada

Le figure qui sotto mostrano tre casi, analizziamoli insieme:
- Il primo e' il peggiore, nonché quello che si verifica molto spesso: la macchina ROSSA pensa "ci sono prima io, non devi passare", e non rallenta, la macchina GIALLA che arriva pensa "quel bastardo non vuole farmi passare, ma io ci riuscirò ugualmente!".
Il risultato? Nella migliore delle ipotesi, un ingorgo; nella peggiore, un incidente!
- La seconda animazione rappresenta una possibile soluzione, anche se non quella ideale: basta che l'automobilista rosso non faccia il "bambino", e si limiti a rallentare quel tanto che basta a far immettere l'auto, e quello della macchina blu deve aspettare che si crei uno spazio sufficiente: l'immissione diverrà pertanto "automatica".
- Ma la soluzione veramente ideale e' l'ultima: basta ricordarsi di lasciare spazio sufficiente tra la propria macchina e quella davanti (regola sempre valida, ma a maggior ragione in prossimità di un incrocio o un'immissione): l'auto in arrivo troverà automaticamente spazio per entrare, nessuno si arrabbierà, nessuno si fermerà, e non ci sarà nessun ingorgo.
Ricordate: se ad un incrocio incontrate qualcuno che non vi fa immettere, non vendicatevi all'incrocio successivo, con gente che non c'entra niente: a che servirebbe, se non a ricreare la situazione che vi ha infastidito pochi minuti prima?!?
La precedenza è sinonimo di educazione, ricordatevelo!


Salone di Ginevra 2017, ultime novità

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri