Home > Guida al noleggio auto in Italia e all'estero > La guida a sinistra e il codice stradale

La guida a sinistra e il codice stradale


Ogni paese ha chiaramente le proprie regole e radunare informazioni sul codice stradale in vigore nella vostra ipotetica destinazione di viaggio è assolutamente indispensabile; a maggior ragione, ciò deve avvenire se la meta è un paese con guida a sinistra.

Innanzitutto è necessario premettere che, in paesi come Regno Unito e Giappone, le infrazioni vengono punite anche severamente, l'obbligo di rispettare le regole è tassativo e il codice stradale non è certo una "raccomandazione". Questo vale soprattutto per i limiti di velocità, le cinture sui sedili posteriori, la precedenza ai pedoni, gli indicatori direzionali.

È indispensabile prestare attenzione ai seguenti fattori:

Le rotatorie. Le famose roundabouts nei paesi anglosassoni, si ricorda che devono essere imboccate in senso orario; vi è l'obbligo di segnalare l'uscita a sinistra con gli indicatori direzionali.

Le rotonde sono una realtà diffusa nel Regno Unito, e la precedenza va data a chi le sta percorrendo, come la maggior parte delle rotonde in Italia. Nel Regno Unito, sono abbastanza diffuse anche le rotonde a 8, ovvero le "doppie" rotatorie: il codice britannico le definisce "mini-rotatorie" (mini-roundabouts in inglese ) e suggerisce di affrontarle come se fossero due entità separate.

Anche in Australia sono diffuse le rotatorie "alla francese", in cui la precedenza va accordata ai veicoli già in transito. In Giappone invece, le rotonde non esistono.

Le cinture. Non è mai superfluo ripeterlo, ma le cinture sono sempre obbligatorie, anche sui sedili posteriori.

Le corsie. Prestate molta attenzione alla segnaletica sulla carreggiata. In Giappone, a circa cinquanta metri prima della linea di fermo degli stop, i colori della carreggiata cambiano da bianco a giallo, e significa che non potrete più cambiare corsia.

I limiti di velocità. Vanno tassativamente rispettati, dimenticatevi ogni tipo di "guida sportiva", in caso di infrazione verrete severamente multati. Nelle grandi città poi, le strade sono spesso pattugliate o comunque controllate dagli autovelox. "Sgarrare" comunque non conviene; in Giappone, per esempio, l'onda verde dei semafori viene calcolata secondo i limiti di velocità.

Pedoni e ciclisti. Hanno la precedenza assoluta, soprattutto in Gran Bretagna e in Giappone. In aggiunta, sia in Giappone che nel Regno Unito, i ciclisti possono circolare contromano.

Curiosità. Codice stradale a parte, anche le "consuetudini" alla guida variano spesso di paese in paese. In Giappone, ad esempio, gli automobilisti che hanno la precedenza non rallentano nei pressi di un incrocio. Sia Giappone che in Gran Bretagna poi, se state per immettervi in carreggiata e vi fanno le luci con i fari, vi stanno indicando via libera per passare (mentre in Italia i fari sono quasi sempre da interpretare come un "fermati, che passo io").

Un consiglio finale: ricordate che in una strada a più corsie, quella più lenta è situata all'estrema sinistra.

Questo articolo è stato realizzato con la collaborazione di enoleggioauto.it

© Riproduzione Riservata

Come nasce un crash test?

Listino auto nuove

Le più cliccate

Abarth 500

Abarth 500 - berlina 2 vol. 3 Porte

€ 17.700 - € 24.750

BMW Serie 1

BMW Serie 1 - berlina 2 vol. 5 Porte

€ 23.700 - € 47.600

BMW Serie 3

BMW Serie 3 - coup├ę 2 Porte

€ 36.050 - € 71.850

Citro├źn DS3

Citro├źn DS3 - cabriolet 2 Porte

€ 18.950 - € 25.600

Rolls-Royce Phantom

Rolls-Royce Phantom - coup├ę 2 Porte

€ 475.000 - € 475.000