Seggiolini Auto: crash test, ricerca e sviluppo

Avreste mai immaginato qualche anno fa che anche le più piccole auto da città sarebbero diventate sicure quanto le più lussuose berline premium? Grazie alla continua ricerca nel settore automotive le aziende che si spingono sempre oltre i requisiti di base delle normative riescono a realizzare prodotti che rispondono alle reali esigenze di sicurezza degli automobilisti. All'inizio del nostro viaggio nel mondo dei seggiolini, abbiamo capito perché è importante usare un seggiolino e quali sono i rischi di un seggiolino economico. Ma la domanda che i genitori si pongono è "perché un seggiolino di qualità costa molto più di uno economico"? Cosa c'è sotto la fodera di così prezioso in caso d'incidente? Scoprilo nel video seguente con François Renaudin, Bébé Confort Advanced Research Director e Yoann Brunetière, Bébé Confort Europe Safety Center Manager, che  ci mostreranno come nasce il prototipo di un nuovo seggiolino auto e quali crash test deve superare prima della produzione. L'enorme lavoro che si nasconde dietro ad ogni seggiolino di qualità è davvero stupefacente. Centinaia di persone, ogni giorno, sviluppano e testano i seggiolini adatti a proteggere i nostri preziosi bambini, oggi e domani.

PERCHE' TANTI CRASH TEST? - Quante volte avete detto affettuosamente al vostro bambino: "Sei il mio ometto"? In realtà un bambino non può essere considerato semplicemente un uomo in scala ridotta, poiché oltre alle dimensioni del corpo cambiano notevolmente anche le proporzioni. Vi siete mai accorti che il 25% del peso di un bambino di un anno è concentrato nella testa? Questa proporzione con la crescita si riduce fino a raggiungere circa il 7% in peso di un uomo adulto, ma nel frattempo il collo, il torace e la schiena devono fare una fatica doppia. Nei crash test che Bébé Confort svolge presso l'Europe Safety Center in Francia vengono impiegati tantissimi manichini.  Questi test replicano i principali incidenti stradali nelle condizioni più disparate per sviluppare prodotti sempre più sicuri e protettivi. Sapevate che già a 50 km/h, un incidente può provocare una sollecitazione di circa 200 kg sulla testa e la schiena del bambino se è seduto in senso di marcia? Ecco perché, al di là del limite minimo di 15 mesi introdotto dalla norma R129 - i-Size (scopri tutto] sulla normativa i-Size nel video), è consigliabile posizionare il più a lungo possibile il seggiolino contromarcia; in questo modo in caso di collisione la schiena del bambino è sottoposta a un carico di circa 50 kg, distribuito in gran parte sulla struttura del seggiolino. I crash test evidenziano anche che se il bambino è rivolto in direzione opposta alla marcia la pressione esercitata sul collo è 5 volte inferiore. Ma come deve essere fatto un seggiolino per resistere anche ad impatti molto violenti? Quanti materiali diversi servono per un seggiolino realmente sicuro? Scoprilo nel prossimo video: come viene prodotto un seggiolino auto di qualità?
Condividi: