Mercedes: la nuova Classe E del riscatto cambia corsia da sola

La Classe E eredita la guida semi autonoma e si mette a dieta per recuperare terreno rispetto alla concorrenza europea

Mercedes: la nuova Classe E del riscatto cambia corsia da sola
Con la nuova Classe E Mercedes-Benz ha messo nuovamente in guardia le rivali tedesche di Audi e Bmw. La "berlinona" della Casa di Stoccarda presenta ora una vasta capacità tecnologica, assomigliando molto alla sorella più grande, ovvero all'ammiraglia S. In modo particolare alla Mercedes-Benz vanno fieri per quanto fatto e proposto sul fronte dei sistemi di assistenza alla guida, tanto da poter parlare di "nuova dimensione", quella che "strizza l'occhio" alla guida semi autonoma. Ecco tutti i particolari che rendono la Classe E un'automobile migliore e soprattutto "più intelligente" rispetto a quella della passata generazione.
IL SUO DESIGN Anche se a incuriosire di più è tutto quello che di tecnologico propone la nuova Classe E (di cui noi vi avevamo già dato anticipazione, leggi qui l'articolo), va comunque menzionato il grande lavoro svolto dagli uomini di Mercedes-Benz che hanno curato il design della nuova veste: "berlinona" sì, ma con tanta aria da coupè e con la volontà di far sembrare meno pesante il suo aspetto, spostando l'attenzione su una vena caratteriale un po' più sportiva. A tal proposito l'aerodinamica ha fatto segnare un CX di 0,23, nonostante le dimensioni della vettura sono importanti: rispetto al modello precedente, il passo è stato aumentato di 65 mm (ora di 2939 mm) e la lunghezza totale di 43 mm, arrivando al considerevole dato di 4923 mm. Al di là dell'esser più grande, la Classe E pesa comunque 70 kg in meno e questo la rende più competitiva sotto ogni punto di vista prestazionale. Mercedes-Benz sta scommettendo moltissimo sulla decima generazione di Classe E e intende invertire il dato negativo del calo di vendite avuto in Europa lo scorso anno e tornare in testa nella "speciale classifica" che la vede sempre in "lotta" con Audi e Bmw.
DENTRO E' GIA' AVANTI Gli interni della nuova E esprimono già quanto di avanzato propone questo nuovo modello. Spicca immediatamente il maxi display ad altissima definizione da 12,3" che caratterizza tutto il design della plancia e che consente di cambiare tutto l'aspetto dell'abitacolo passando dalla visualizzazione "Classic", alla "Sport" e alla "Progressive". Una delle novità principali di Classe E è il volante ricco di comandi multifunzione ma con una particolarità: dispone di tasti di controllo sensibili al tocco (è una delle tante novità tecnologiche viste al Ces 2016, leggi qui tutte le altre!), proprio come su un'interfaccia smartphone, questi tasti rispondono esattamente ai movimenti di "strisciata orizzontale e verticale", permettendo al conducente di controllare l'intero sistema di infotainment con movimenti veloci delle dita, senza dover levare le mani dal volante. Un po' come  usare lo smartphone! L'abitacolo mette in mostra anche finiture di un certo livello e l'utilizzo di materiali pregiati, come i legni ispirati ai boschi, al mondo degli yacht, intarsiati o metalli lucidati, materiali simil tessuto o pelle. Per comprendere la cura "maniacale" degli uomini Mercedes-Benz, basta pensare che una possibilità di personalizzazione dell'abitacolo prevede l'illuminazione a LED a risparmio energetico con 64 colori disponibili, per ottenere sfumature di luce diverse in ogni punto dell'abitacolo.
I MOTORI Per quanto riguarda i propulsori, al momento del lancio ci saranno due scelte, la E 200 a benzina a quattro cilindri e la E 220 d, vera novità, grazie al nuovo motore diesel da 2.0 litri a quattro cilindri e 195 Cv di potenza massima. Ulteriori varianti saranno aggiunte in seguito, tra cui la E 350e con tecnologia ibrida che consente circa 30 chilometri di guida in modalità elettrica. Questa variante sarà spinta da un motore a benzina a quattro cilindri, che lavora insieme a un motore elettrico ed è in grado di erogare una potenza complessiva di 279 Cv con una coppia di 600 Nm. Il diesel più performante avrà invece un motore a sei cilindri che incorpora la tecnologia avanzata di scarico SCR, con una potenza di 258 Cv e una coppia massima di 620 Nm. In listino ci saranno anche la E 400 4Matic con sei cilindri a benzina da 333 Cv e una coppia massima di 480 Nm. Tutti i modelli saranno dotati del nuovo cambio automatico 9G-TRONIC a nove velocità e sospensioni pneumatiche multi-camera con tre sistemi di assetto dinamico Direct Control (Comfort, Avantgarde e Sport).
LA TECNOLOGIA Tra le tante qualità della nuova Classe E, si arriva infine alla tecnologia proposta, in particolare ai tanti sistemi di assistenza alla guida. Così, mentre si è al volante della nuova "berlinona" tedesca, si è assititi dall'Active Brake Assist (avvisa o frena da solo per evitare tamponamenti), dal Drive Pilot, che rappresenta la porta di accesso alla guida "pian piano" sempre più autonoma (sicurezza e leggi permettendo). Questo sistema non è solo in grado di regolare la distanza di sicurezza ma può continuare ad intervenire attivamente alla guida tenendo conto dei veicoli circostanti e delle strade parallele, anche se le linee sul fondo stradale sono scolorite o inesistenti. Il Drive Pilot prevede anche il cambio di corsia assistito, ovvero cambia la corsia in modo autonomo ma su pre-indicazione del pilota. Non manca poi lo sterzo intelligente, capace di recepire input di guida in modo più chiaro e sicuro, il che ha permesso di portare da 10 a 60 secondi il tempo massimo di guida autonoma senza obbligare il guidatore a mettere le mani sul volante. Da ricordare anche il "parcheggio Pilot remoto" (il sistema permette al veicolo di essere spostato utilizzando un'applicazione smartphone) o la comunicazione "Car-to-X" (per "vedere dietro gli angoli" o "attraverso gli ostacoli", con largo anticipo, la presenza di altre auto).

Pubblicato in Novità Auto il 11 Gennaio 2016 | Autore: Redazione


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri