Home > Novità Auto > Chrysler fa sorridere Fiat

Chrysler fa sorridere Fiat

Utili Chrysler quadruplicati nei primi tre mesi del 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011. I conti della Casa Usa sostengono quelli di Fiat

Categoria: Novità Auto | 01 Maggio 2012
chrysler

Cominciamo dalle buone notizie: una super Chrysler, nel primo trimestre 2012. Utile netto di 473 milioni di dollari contro i 116 dello stesso periodo del 2011, ossia il quadruplo. E ora le novelle meno liete: nei primi tre mesi dell'anno, Fiat perde quota di mercato arrivando in Europa al 6,3%.

OLTRE 600.000 VEICOLI - L'azienda americana, controllata al 58,5% dalla Fiat, ha chiuso il trimestre con una forte crescita dei ricavi (+25% a 16,36 miliardi di dollari), e con un utile operativo al rialzo da 477 a 740 milioni di dollari (4,5% dei ricavi). Chrysler ha consegnato oltre 600.000 veicoli conquistando una quota dell'11,2% sul mercato interno Usa (contro il 9,2% dello stesso periodo 2011): +40% delle vendite. Addirittura, in Canada, Chrysler è leader di mercato per la prima volta: su 100 macchine vendute, 15 sono del marchio Usa. Per l'intero 2012, si punta a un fatturato di 65 miliardi di dollari, un utile operativo superiore ai tre miliardi e un netto di minimo 1,5 miliardi, mentre sono previste consegne di veicoli a quota 2,3-2,4 milioni contro i due del 2011. Nei prossimi mesi, Chrysler lancerà sul mercato americano la Dodge Dart, vettura media basata sulla piattaforma modificata dell'Alfa Giulietta: un modo per sfruttare la cooperazione tecnologica fra Torino e Detroit. E per incrementare le vendite in Usa.

AHI, FIAT - Proprio Chrysler tiene a galla Fiat: nel complesso, le vendite del mega-Gruppo sono cresciute a 20,2 miliardi, mentre l'utile netto è aumentato fino a 379 milioni e il risultato della gestione ordinaria è migliorato di 101 milioni a 866 milioni. Nonostante la crisi economica, gli obiettivi restando i ricavi superiori a 77 miliardi di euro. Ma senza la controllata americana, i numeri sarebbero brutti: il Lingotto avrebbe perso 200 milioni di euro. Infatti, le vendite della Casa italiana sono scese, rispetto al primo trimestre del 2011, del 5,7% a 8,7 miliardi di euro. Che significano questi numeri? Il baricentro Fiat si sposta sempre più dall'Europa, che non dà soddisfazioni, a Detroit (e verso la Cina, probabilmente). A luglio, forse un'altra mossa strategica: Torino quest'estate potrebbe acquisire altre quote Chrysler.

di E.B.

Tags: FiatChrysler
© Riproduzione Riservata
Vuoi partecipare alla discussione?
Puoi farlo indicando solo nome e indirizzo email (anonimo), oppure accedendo con il tuo account facebook o twitter cliccando sui due pulsanti corrispondenti.
   

Listino auto nuove

Le più cliccate

Audi A4

Audi A4 - berlina 3 vol. 4 Porte

€ 30.550 - € 51.620

Volvo V60

Volvo V60 - wagon 5 Porte

€ 30.450 - € 62.450

BMW Serie 3

BMW Serie 3 - berlina 3 vol. 4 Porte

€ 30.550 - € 76.750

Audi A4

Audi A4 - wagon 5 Porte

€ 32.150 - € 53.220

Dacia Duster

Dacia Duster - SUV 5 Porte

€ 11.900 - € 17.850