Alfa Stelvio e Jeep Grand Cherokee: strade incrociate per il futuro FCA

A Detroit Marchionne potrebbe aver svelato il futuro della piattaforma Giorgio: serpeggia l'ipotesi dell'impiego sulla Jeep Grand Cherokee

Alfa Stelvio e Jeep Grand Cherokee: strade incrociate per il futuro FCA
Ormai il salone di Detroit 2017 è stato ampiamente aperto e cominciano ad arrivare le prime notizie in merito a dichiarazioni interessanti, oltre ovviamente a tutta la serie di anteprime che le Case hanno svelato in occasione della kermesse americana più importante dell'anno (leggi tutte le anteprime che le Case di tutto il mondo hanno svelato in occasione del salone di Detroit 2017). Sergio Marchionne, con una dichiarazione direttamente dal NAIAS 2017, ha cominciato a rendere più tangibili quei rumors che volevano la nuova Jeep Grand Cherokee progettata a partire dalla piattaforma Giorgio.

LA PIATTAFORMA GIORGIO

In FCA sono partiti da zero nello sviluppo dell'Alfa Romeo Giulia (leggi la nostra prova su strada dell'Alfa Romeo Giulia sia diesel che Quadrifoglio), il che presuppone la progettazione di una nuova piattaforma sulla quale poi plasmare le sovrastrutture. Considerando la volontà del brand del Biscione di voler sfornare in primis una berlina a trazione posteriore, con una particolare tipologia di sospensioni (le Alfalink) e capace di adottare anche un powertrain dalla potenza ragguardevole in versione Quadrifoglio, designer e ingegneri sono arrivati a creare la piattaforma che poi è stata chiamata "Giorgio".
Salone di Ginevra 2017, ultime novità

CONDIVISIONE DI COMPONENTI

Dopo aver investito l'equivalente di quasi un miliardo di euro per lo sviluppo e la realizzazione della piattaforma Giorgio, è ovvio e giusto che in FCA abbiano cominciato a pensare quali dei futuri modelli del gruppo possano adottarla, non solo per ottenere una dinamica di marcia valida ma soprattutto per rientrare e giustificare gli elevatissimi costi di progettazione. La prima auto in ordine temporale che è stata costruita a partire dalla piattaforma in questione è stata l'Alfa Romeo Stelvio, primo SUV della storia del brand italiano (leggi tutte le caratteristiche dell'Alfa Romeo Stelvio), ma da tempo serpeggia l'ipotesi che modelli di altri brand all'interno dell'universo FCA possano adottare, in futuro, questa base di partenza.

SUV, MERCATO CHIAVE

Negli ultimi anni i numeri e l'interesse che hanno fatto registrare i SUV hanno praticamente portato ad un cambiamento nelle priorità delle Case, con questo segmento che è diventato piano piano sempre più importante, tanto da aver "convinto" Alfa Romeo a produrre la Stelvio ed a far dedicare le linee di montaggio americane di FCA alla sola produzione di SUV, appunto, e pick-up (leggi di come le linee di assemblaggio americano verranno destinate ai soli SUV e pick-up). A tal proposito lo stesso Sergio Marchionne, secondo quanto riportato dai colleghi di Motor1.com, in occasione del salone di Detroit 2017 avrebbe dichiarato che la piattaforma Giorgio potrebbe essere utilizzata sulla nuova Jeep Grand Cherokee, affermando che "[la piattaforma Giorgio] per noi potrebbe realmente completare la storia dello sviluppo architetturale".

Pubblicato in Novità Auto il 11 Gennaio 2017 | Autore: Claudio Anniciello


Commenti

Salone di Ginevra 2017, ultime novità

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri